Immenso Fognini a Montecarlo: sarà semifinale con Djokovic

Sulla terra del Principato il tennista ligure ha piegato 7-6, 6-2 Gasquet: ora lo attende il numero 1 del mondo. Avanti Nadal, seppur con qualche sofferenza di troppo contro il bulgaro Dimitrov, e Tsonga
Fabio Fognini vola in semifinale all'Atp Masters 1000 di Montecarlo (terra battuta, montepremi 2,9 milioni di euro). Il tennista ligure ha sconfitto per 7-6 (7-0), 6-2 il francese Richard Gasquet, testa di serie n.7 e n.9  del ranking, in un'ora e 26 minuti. Ora Fognini attende Novak Djokovic. Sarà infatti il serbo a sfidare l'azzurro in semifinale. Il numero 1 del mondo, nei quarti, ha sconfitto in due set il finlandese Jarko Nieminen per 6-4, 6-3 in 1h17'. Djokovic conduce 4-0 nei confronti diretti con Fognini.

Fognini al settimo cielo -
"E' uno dei migliori momenti della mia carriera". La vittoria su Richard Gasquet proietta l'azzurro nelle semifinali dell'Atp Masters 1000 di Montecarlo: "Ho giocato di nuovo una gran partita contro un top ten", dice Fognini, oggi capace di replicare la splendida prestazione fornita ieri negli ottavi contro il ceco Tomas Berdych. "Sto vivendo uno dei migliori momenti della mia carriera, per la prima volta sono in semifinale in un Masters 1000", dice il 24enne, che nel prossimo ranking Atp si è già assicurato un posto tra i primi 30 del mondo. Contro Djokovic, che pure gioca con una caviglia in condizioni non perfette, Fognini ha bisogno di un'impresa. Il fuoriclasse serbo si è aggiudicato i 4 confronti diretti disputati in carriera con il coetaneo: "Sono felice di avere un'altra opportunità di scendere in campo contro un grandissimo giocatore, davanti a tantissimo pubblico sul campo centrale. Oltretutto, in tribuna ci saranno anche i miei familiari e i miei amici".

Anche Rafa in semifinale -
Nadal soffre ma approda alle semifinali. Lo spagnolo, testa di serie numero 3, nei quarti supera il bulgaro Grigor Dimitrov per 6-2, 2-6, 6-4. Nadal, che insegue il nono titolo consecutivo sulla terra del Principato, in semifinale affronterà il francese Jo-Wilfried Tsonga, numero 6 del seeding.  Il francese ha infatti battuto lo svizzero Stanislas Wawrinka, numero 13 del  tabellone, per 2-6, 6-3. 6-4.  

sport.sky.it

Perché la pratica di uno sport aerobico aiuterebbe a scongiurare gli attacchi di emicrania?

In Italia il 14% della popolazione soffre di emicrania e il 27% di cefalea muscolo tensiva, ma gli individui meno attivi sono più esposti a subire attacchi di mal di testa. L’attività aerobica fa bene perché migliora l’ossigenazione e aiuta ad alelntare la tensione dei muscoli pericranici

Il mal di testa colpisce milioni  di persone
Il mal di testa colpisce milioni di persone
Tra tutte le malattie che causano disabilità, l’emicrania, una delle principali forme di cefalea, caratterizzata da dolore intenso e ricorrente che colpisce metà della testa, si pone all’ottavo posto, mentre la cefalea tensiva, la patologia più diffusa, si colloca addirittura al settimo. E’ quanto emerge dal Global Burden of disease 2012, una sorta di atlante annuale sullo stato di salute nel mondo, pubblicato sulla rivista scientifica Lancet. In Italia il 14% della popolazione soffre di emicrania e il 27% di cefalea muscolo tensiva. Una forma caratterizzata da un dolore costante che colpisce tutta la testa, causata dalla contrazione dei muscoli del collo e delle spalle nella maggior parte dei casi da addebitare a vizi di postura e sedentarietà, oltre a tensioni e stress di ordine psicologico. A seconda di come viene praticata l’attività fisica è in grado prevenire il dolore o contribuire allo scatenarsi di una crisi di emicrania. Quindi, tipo di sport e intensità le due variabili da tenere presenti.
Muoversi per combattere la cefalea — L’inedita correlazione tra mal di testa e stile di vita sedentario è stata identificata per la prima volta dagli scienziati svedesi del Cephalea Headache Centre di Goteborg, coordinati da Emma Varkey. Dopo avere seguito per 11 anni oltre 68.000 volontari, secondo i risultati pubblicati su Cephalalgia, gli individui meno attivi risultavano essere più soggetti a un rischio di subire attacchi di mal di testa del 14%, rispetto alle persone più sportive, indicando così l’attività fisica come un fattore protettivo contro lo sviluppo dei diversi tipi di cefalea. Nonostante questi dati scientifici incontestabili, al contrario, chi soffre abitualmente di questo disturbo, tende a evitare qualsiasi tipo di sforzo fisico nel timore che ciò possa aggravarne i sintomi, compromettendo di conseguenza anche la resistenza aerobica e la flessibilità muscolare soprattutto della parte alta del tronco, come abbiamo visto, la più coinvolta quando la cefalea è di tipo tensivo. Per verificare se la loro tesi era corretta, i ricercatori svedesi hanno sottoposto per un anno, in una successiva sperimentazione comparsa su Headache, 26 pazienti costantemente affetti da emicrania a un allenamento aerobico basato su tre sedute settimanali di cyclette. Ebbene, monitorando il loro stato di salute prima, durante e dopo l’attività fisica, programmata in modo tale da massimizzasse l’assorbimento di ossigeno, non solo hanno scoperto che non vi era alcun peggioramento dei sintomi, ma negli ultimi mesi di attività l’intensità e la frequenza degli attacchi erano diminuite in modo significativo, così come il ricorso a farmaci antidolorifici.
Un attacco di emicrania
Un attacco di emicrania
 
I benefici dell’esercizio fisico — Perché la pratica di uno sport aerobico aiuterebbe a scongiurare gli attacchi di emicrania? La spiegazione è fisiologica: grazie a un maggiore apporto di ossigeno, migliorano respirazione e circolazione sanguigna e si riduce la vasodilatazione dei vasi sanguigni cerebrali, una delle principali cause delle crisi di cefalea. Non solo, ma la cefalea più diffusa, quella muscolo-tensiva, è spesso causata dall’eccessiva contrazione di alcuni muscoli pericranici, del collo e delle spalle, dovuta a stati di tensione, con un conseguente ridotto afflusso di sangue e ossigeno alla testa che, a sua volta, causa il dolore. Un allenamento che stimoli il rilassamento e aumenti l’elasticità e la scioltezza muscolare, specie di questa particolare area corporea, diviene un vero e proprio antidolorifico, con nessun dannoso effetto collaterale. Gli sport più indicati sono il tennis e le arti marziali, come ad esempio il karate, oppure lo yoga che permettono di scaricare la tensione fisica e mentale. È preferibile lavorare a corpo libero, evitando gli sforzi massimali degli esercizi con pesi e comunque, è bene astenersi da qualsiasi attività sportiva di tipo agonistico, in cui l’impegno il più delle volte è particolarmente intenso.
La cefalea da sforzo — Secondo uno studio del Dipartimento di Medicina dello Sport del Sint Lucas Andreas Hospital di Amsterdam e del Meander Medical Centre di Amersfoort, pubblicato sulla rivista Headache, gli atleti che maggiormente sono esposti al mal di testa di tipo tensivo sono i ciclisti. Una conclusione cui sono giunti i ricercatori olandesi dopo avere monitorato 4mila ciclisti. Di questi, ne avrebbe sofferto almeno una volta al mese il 37% e il 10% ogni settimana. Chi risente maggiormente di questo disturbo fortemente disabilitante sono le cicliste, nelle quali la frequenza arriva al 54%, un dato che comunque non stupisce dal momento che le donne soffrono di emicrania circa il doppio dei maschi. Se invece si esaminano gli sport che possono maggiormente incidere sulla cefalea, indipendentemente dall’intensità di un esercizio prolungato, ecco che troviamo i calciatori, quelli in particolare specializzati nei colpi di testa, i giocatori di football e rugby, i pugili, i judochi. Ma in questo caso si deve parlare di cefalea post traumatica. Inizialmente è difficile distinguerla dalla cefalea tensiva cronica e spesso, come quest’ultima, si accompagna a vertigini, ronzii, disturbi visivi. E’ fondamentale non trascurare questi sintomi, per evitare che si trasformino in qualcosa di più complesso e certamente condizionante sia l’attività sportiva, sia la normale quotidianità: irritabilità, depressione, ansia da prestazione, stanchezza, insonnia, reattività rallentata i disturbi più comuni.
L’aiuto che viene dalle vitamine del gruppo B — Un team di ricercatori del Genomics Research Centre, della Griffith University di Brisbane ha dimostrato che supplementi di vitamina B6, B12 e acido folico inducono una netta riduzione della frequenza e dell’intensità delle crisi di cefalea. Secondo gli esperti australiani, le vitamine sarebbero, infatti, in grado di diminuire i livelli di omocisteina, un aminoacido già associato a un maggior rischio di infarto e disturbi cardiovascolari, presente in eccesso nelle persone soggette a emicrania, a causa della mutazione o disfunzione di un gene denominato Methylenetetrahydrofolate reductase.
Mabel Bocchi - gazzetta.it