Domenica sui canali Rai Sport: il palinsesto delle gare in onda il 30 Settembre

Come ogni fine settimana anche oggi, Domenica 30 Settembre 2012, è arrivato su Digital-Sat (www.digital-sat.it) il momento della presentazione a cura di Simone Rossi dell'offerta sportiva targata Rai del weekend sulle reti generaliste e su Rai Sport 1 e 2, i due canali tematici a carattere sportivo. Quest'ultimi sono in onda gratuitamente sul digitale terrestre (LCN 57 e 58) e su satellite (per gli abbonati Sky canali 227 e 228).
LO SPORT SULLE RETI RAI GENERALISTE (RAI 1, RAI 2, RAI 3)

a cura di Simone Rossi - Digital-Sat.it
ore 14.30 - RAITRE:
Ciclismo - Campionati del Mondo Road Race, Elite Uomini (diretta)
da Valkenburg [Olanda]
Telecronaca: Francesco Pancani, Davide Cassani e Alessandra De Stefano
ore 17.11 - RAIDUE:
Rubrica - Stadio Sprint (diretta)
Conduce: Enrico Varriale
In studio: Don Alessio Albertini
Postazione internet: Cristiano Piccinelli
ore 18.10: - RAIDUE:
Rubrica - 90° Minuto Serie A (diretta)
Conduce: Franco Lauro
In studio: Zibì Boniek e Adriano Bacconi
ore 20.35 - RAIUNO:
Notiziario - 5 minuti di Recupero (diretta)
Conduce: Carlo Paris
ore 22.35 - RAIDUE:
Rubrica - La Domenica Sportiva (diretta)
Conduce: Paola Ferrari
In studio: Gene Gnocchi, Emiliano Mondonico, Ivan Zazzaroni, Fulvio Collovati, Adriano Bacconi, Marco Civoli
OGGI SU RAISPORT 1 e 2 (SATELLITE, DIGITALE TERRESTRE, TIVUSAT)
Palinsesto di Rai Sport 1 di Domenica 30 Settembre 2012
  • ore 08:00 Rubrica: Tg Sport  + Rassegna Stampa (diretta)
  • ore 09:00 Teca: Memoria Rai Sport (archivio)
  • ore 09:30 Canottaggio: Campionati Italiani Senior e Juniores (diretta)
    dall'Idroscalo di Milano
    Telecronaca:
    Marco Lollobrigida
  • ore 14:30 Teca: Memoria Rai Sport (archivio)
  • ore 14:55 Rugby: Camp. Italiano Eccellenza 2a giornata: Reggio Emilia - Cavalieri Prato (diretta)
    da Reggio Emilia
    Telecronaca:
    Riccardo Pescante e Andrea Gritti
  • ore 17:00 Ippica: 73^ Gran Premio Merano (diretta)
    da Merano [Bolzano]
    Telecronaca:
    Claudio Icardi
  • ore 17:30 Pallavolo Maschile: SuperCoppa Italiana Macerata - Trento (diretta)
    dal Pala Sport G.Panini- PalaCasaModena di Modena
    Telecronaca: Maurizio Colantoni e Andrea Lucchetta
  • ore 19:30 Teca: Memoria Rai Sport (archivio)
  • ore 20:25 Basket: Campionato Italiano Maschile Serie A Trenkwalder Reggio Emilia - Montepaschi Siena (diretta)
    dal "PalaBigi" di Reggio Emilia
    Telecronaca:
    Edi Dembinski e Stefano Michelini
  • ore 22:30 Teca: Memoria Rai Sport (archivio)
Palinsesto di Rai Sport 2 di Domenica 30 Settembre 2012
  • ore 09:05 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 09:55 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 10:00 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 10:30 Memoria Raisport - La Domenica Sportiva del 10/2/80 (archivio)
  • ore 11:30 Automobilismo: Formula Abarth - Gara 3 (diretta)
    dall'Autodromo Nazionale di Monza
    Telecronaca: Domenico Cangemi
  • ore 12:25 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 12:40 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 12:55 Motociclismo: Motocross delle Nazioni - gara 1 (diretta)
    da Lommel [Belgio]
    Telecronaca: Maurizio Fanelli
  • ore 14:00 Motociclismo: Racing 2 -Speciale Cairoli
  • ore 14:25 Motociclismo: Motocross delle Nazioni - gara 2 (diretta)
    da Lommel [Belgio]
    Telecronaca: Maurizio Fanelli
  • ore 15:30 Motociclismo: Racing 2 Speciale Superbike
  • ore 15:55 Motociclismo: Motocross delle Nazioni - gara 3 (diretta)
    da Lommel [Belgio]
    Telecronaca: Maurizio Fanelli
  • ore 17:15 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 18:00 Automobilismo: GT Open - gara 2 (differita gara delle 13.35)
    dall'Autodromo Nazionale di Monza
    Telecronaca: Domenico Cangemi
  • ore 19:00 Memoria Rai Sport - Pantani (archivio)
  • ore 19:40 Teca: Perle di Sport (archivio)
  • ore 20:00 Memoria Raisport - Millemiglia di Beppe Viola (archivio)
  • ore 21:00 Ciclismo: Giro di Lombardia (replica del 29/9)
    da Lecco
    Telecronaca: Francesco Pancani, Davide Cassani, Andrea De Luca
  • ore 22:30 Pugilato: Campionati Italiani Femminili (differita)
    da Roseto degli Abruzzi [Teramo]
    Telecronaca: Marco Lollobrigida
  • ore 00:30 Memoria Rai Sport - 90' minuto del 27/11/77 (archivio)
* = Evento disponibile solamente sul digitale terrestre e via satellite per utenti con smartcard Tivùsat
*** Si potrebbero verificare delle variazioni al palinsesto
in relazione alla diversa durata degli eventi in onda sui canali ***
LE GARE IN DIRETTA SUL SITO WEB DI RAISPORT
24 ore su 24 - Rai Sport 1 e 2 (www.raisport.rai.it)
Tutta la programmazione in onda sul canale digitale Rai Sport 1 e 2
LO SPORT DELLA RAI ALLA RADIO
Domenica Sport del 30 Settembre  sarà presentata da Paolo Zauli. Protagonisti della giornata saranno il sesto turno della serie A, il motomondiale, la prima giornata del campionato di basket e la Supercoppa di pallavolo. Si comincia alle 12.25 con la presentazione della giornata sportiva.

In apertura, linea a Udine per la cronaca dell’anticipo delle 12,30 di Serie A, Udinese-Genoa. Inviati Giovanni Scaramuzzino e Massimo Zennaro. A partire dalle 14.00 scatterà anche la MotoGp. Linea all’inviato Nico Forletta per il Gran Premio d’Aragona.

Alle 14.50 Filippo Corsini conduce “Tutto il calcio minuto per minuto”. Seguiremo gli incontri del 6° turno di Serie A: Sampdoria-Napoli (Riccardo Cucchi), Lazio-Siena (Giuseppe Bisantis), Atalanta-Torino (Emanuele Dotto), Bologna-Catania (Ugo Russo), Palermo-Chievo (Roberto Gueli), Cagliari-Pescara (Daniele Fortuna). Al termine delle partite, la moviola di Filippo Grassia e le interviste dagli spogliatoi.

Alle 18.10 “Microfono alla Lega Pro” di Luca Purificato, con risultati e classifiche delle serie minori, ospite Roberto Stellone, allenatore del Frosinone. A seguire i commenti e le interviste a seguito del Gran Premio d’Aragona, nello “Speciale Motomondiale” a cura di Nico Forletta.

Dalle 18.30 Alberto Pancrazi conduce Tuttobasket. Seguiremo gli incontri della prima giornata di serie A: EA7 Emporio Armani Milano- Juve Caserta (Massimo Barchiesi), Enel Brindisi-Cimberio Varese (Massimo Favale), V.L. Pesaro-Virtus Roma (Pierpaolo Rivalta), Sidigas Avellino-Sutor Montegranaro (Ettore De Lorenzo); aggiornamenti da studio dei risultati dagli altri campi di A.

All'interno di Tuttobasket avremo anche gli aggiornamenti dal PalaPanini di Modena per l'incontro Lube Banca Marche Macerata-Itas Diatec Trentino, finale della Supercoppa Italiana di pallavolo; radiocronaca di Simonetta Martellini.

Alle 20.20 presentazione del posticipo di serie A, Inter-Fiorentina: collegamento con gli inviati Giulio Delfino e Tarcisio Mazzeo e intervista a due doppi ex. Dalle 20.45 alle 22.30 cronaca di Inter-Fiorentina. Al termine della partita, la moviola di Filippo Grassia e le interviste dagli spogliatoi. Quindi, Filippo Grassia e Antonio Cabrini risponderanno alle telefonate degli ascoltatori. Chiusura alle 23.30.
LO SPORT PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO SU RAITALIA
Rai Italia trasmette in tutto il mondo (escluso in Europa) una selezione dei programmi della Rai Radiotelevisione Italiana, insieme a programmi originali prodotti per gli italiani che vivono all'estero e per tutti coloro che hanno con il nostro paese un legame d'origine o anche solo di curiosità. Ogni weekend in diretta esclusiva su Rai Italia le principali partite del campionato italiano di Serie A e Serie B disputate al sabato e alla domenica. Ad accompagnare ogni turno di campionato Rai Sport presenta ''La Giostra dei Gol" con l’aggiornamento in diretta dei gol da tutti i campi, commenti ed approfondimenti con ospiti in studio. Gli orari indicati di seguito fanno riferimento al fuso orario italiano.
ore 12.30 Calcio Serie A: Udinese vs Genoa (diretta)
ore 14.15 Rubrica: La Grande Giostra dei Gol Serie A (diretta)
  • all'interno alle ore 15.00: Calcio Serie A: Sampdoria vs Napoli (diretta)
    Telecronaca: Gianni Cerqueti
ore 17.10 Rubrica - Stadio Sprint (diretta)
Conduce: Enrico Varriale
In studio: Don Alessio Albertini
ore 20.45 Calcio Serie A: Inter vs Fiorentina (diretta)
Articolo a cura di
Simone Rossi
per "Digital-Sat.it"

Comanda la Juventus

È il conto complessivo dei tre Juventus-Roma giocati nello «Stadium» torinese in un anno e mezzo. Non serve altro per quantificare il distacco tra le due squadre, molto più ampio degli otto punti di differenza in classifica con appena sei giornate disputate. La terza verifica è impietosa: una partita finita dopo diciotto minuti, gli «olè» che partono nel primo tempo, un remake del film horror già vissuto dai romanisti nello scorso campionato. Il tabellone dice 4-1 ma poteva andare molto peggio. Non basta Zeman, fischiato e insultato da tutto lo stadio, per provare a ridurre il gap. Forti, affamati, esperti e ben messi in campo i bianconeri. Timidi, disorientati e senza identità i giallorossi. Il risultato è solo la logica conseguenza di un confronto impari. E alla Roma non lascia possibilità d'appello. Le decisioni di Rizzoli sono sacrosante e gli errori semmai li fanno Stekelenburg (ancora lui) e una difesa totalmente esposta alla furia bianconera. Imbarazzante lo spazio lasciato a Pirlo in mezzo al campo, umiliante la resa di De Rossi nel duello con Marchisio, impresentabile Tachtsidis in cabina di regia. Se poi ci aggiungi la serata storta di un Totti schiacciato da Chiellini & Co., la condizione pessima di Osvaldo e la mancata cattiveria di Lamela sotto porta, per Zeman diventa difficile trovare risorse da oppore all'armata invincibile di Conte. Una ce l'aveva in panchina, Destro, ma entra a giochi fatti e prova a salvare il salvabile. Il tecnico juventino squalificato guida Carrera dalla tribuna, azzecca le mosse (Caceres e De Ceglie dominano sulle fasce, Matri segna) e riesce pure a risparmiare forze in vista dell'impegno di Champions con lo Shakhtar. E pensare che la Roma era partita audace. Partenza coraggiosa della Roma, il primo tiro è suo con Lamela che colpisce malissimo. Poi inizia il disastro. Marchisio che fallisce da due passi ma in posizione defilata su invito di Caceres. Poi Taddei lo deve stendere al limite dell'area e se la cava col giallo. Ma il gol arriva lo stesso con Pirlo, niente «maledetta» stavolta ma un rasoterra che sorprende la barriera e Stekelenburg sul suo palo. Altro buco della difesa romanista, altro gol: Stekelenburg salva il salvabile in uscita, Castan respinge due volte, la seconda di mano. Rigore e 2-0 firmato Vidal. Al 18' il tris di Matri che buca una difesa totalmente scoperta. La Roma risponde solo con i nervi (tutta la difesa ammonita), la traversa la salva due volte. Balzaretti, che non stava bene, lascia il posto a Marquinhos con Taddei che passa a sinistra. Un'altra bocciatura per Piris. Nella ripresa la Juve dà la sensazione di frenarsi eppure è ancora pericolosa, le sostituzioni - Destro e Perrotta per Totti e Tachtsidis - danno una svegliata alla Roma. Proprio il centravanti neo-entrato si procura il rigore trasformato da Osvaldo. La scossa però arriva solo ai bianconeri che potrebbero allungare con Vucinic e Marchisio e si vedono annullare un gol per fuorigioco. Ce l'ha poi Osvaldo, su assist di Destro, la palla per riaprire la partita ma Buffon decide che non è serata. L'italo-argentino fallisce un'altra occasione e Giovinco subentrato dalla panchina firma il poker. Giusto così. A Zeman resta tra le mani una squadra da rianimare dopo aver raccolto un punto nelle ultime tre partite giocate sul campo, a Conte una Juve pronta per fare grandi cose anche in Champions. E l'avversaria in campionato non può essere certo questa Roma. 
iltempo.it

Fair-play Klose, super Cavani e un campionato "Facundo" di talenti

Prima del fischio d’inizio tutti in piedi per applaudire Miroslav Klose. I laziali lo chiamano “Mito” e una volta tanto siamo d’accordo sulla mitizzazione del campione. Anche per noi Klose è un piccolo eroe esemplare. In un tempo in cui in troppi “rubano” (calcio compreso) senza prendersi mai le proprie responsabilità, Klose indica la via: tirarsi fuori dal branco, con onestà. A Napoli porta in vantaggio la Lazio con un gol di mano, l’arbitro Banti sta per assegnare la rete (come funzionano i giudici di porta!?), ma il tedesco si avvicina al direttore di gara e gli dice: «L’ho toccata con la mano…». Gol annullato. Non è la prima volta che a Klose capita un episodio del genere: in Germania anni fa l’arbitro gli assegnò un rigore a favore e lui candido: «Signor arbitro non era fallo». Niente rigore. Dopo un gesto così (Buffon&company prendano nota per il futuro), tutto il resto è gioia. Già, ma per il Napoli, che mata una Lazio annichilita dal matador Edinson Cavani.

L’Edinson, quando accende la lampadina della fantasia, oscura gli avversari e con la tripletta, che manda in visibilio il popolo del San Paolo, trascina il Napoli in vetta alla classifica. Napoli milionaria, capolista al fianco dell’invincibile Juventus che barcolla, ma non molla, neppure a Firenze. Vedendo la partita del Franchi abbiamo capito che questo non sarà più il campionato più bello del mondo, ma almeno sta diventando quello in cui si lanciano i più bei giovani in circolazione.

Abbiamo perso il pescarese Marco Verratti, 19 anni, (l’erede naturale di Pirlo in azzurro) che a Parigi incanta più di Ibrahimovic e i tifosi dell’emirato del Paris Saint Germain hanno già incoronato «le petit italien», ma in compenso in ogni squadra si contano tanti “saranno famosi”.

Un torneo fecondo, anzi Facundo, vedi l’argentino viola Roncaglia. Fiorentina-Juve è stato un autentico festival delle giovani promesse, a partire proprio da Facundo Roncaglia, ma anche i suoi compagni, Cuadrado, Borja Valerio, l’ormai consacrato “Jo-Jo” Jovetic e Ljajic, il quale per quel “gol divorato” deve ringraziare che in panchina ora c’è il signorino Montella e non più lo “lo schiaffeggiatore” Delio Rossi... Dall’altra parte, la capolista Juventus dell’ingabbiato Conte che, beato lui, vive in «telepatia» con il vice Carrera, ha sfoggiato il 19enne Pogba (stranamente liberato dall’opificio di talenti del Manchester United), Asamoah e la “formica atomica” Giovinco che crescerà, ma appena smetterà di sentirsi in dovere di essere Del Piero.

Buone notizie dalle milanesi. Sostiene Pereira, autore del primo gol dell’Inter a Verona contro il piccolo Chievo, che i nerazzurri sono squadra da trasferta: terza vittoria su tre gare esterne per la formazione di “Stramourinho” Stramaccioni. Il conte Max Allegri squalificato per una notte, sperimenta come un Conte vero il brivido della gabbia vetrata, e il suo Milan, complice anche un Cagliari tutto da rivedere - dal presidente Cellino fino allo stadio Is Arenas - riaccende le luci di San Siro con il primo successo casalingo che porta la firma del giovane “Faraone”, El Shaarawy (classe 1992).

La Samp di Ciro Ferrara beffa la Roma del “nemico” storico (dai tempi del processo per doping alla Juve) Zeman, ringrazia il portiere giallorosso, Stekelenburg, per un mercoledì da “paperoni” e adesso da imbattuta a sorpresa (dopo 5 turni) attende il Napoli a Marassi. Zeman invece vola a Torino e prova a rifarsi subito con la Juve, in un sabato sera da Febbre a 90’.

Massimiliano Castellani / avvenire.it

Sono ancora Felice... Malgrado Merckx

L'INTERVISTA A GIMONDI
Sono ancora Felice... Malgrado Merckx / avvenire.it
Quando si è giovani il traguardo dei settanta anni sembra lontanissimo, come la cima dello Stelvio visto dal fondo valle. Poi, improvvisamente, ti ritrovi in vetta, come al termine di una tappa del Giro d’Italia. Stanco ma felice. Felice come Gimondi. E non è solo un gioco di parole con il nome dell’ex campione bergamasco. «Mi sento un privilegiato - afferma con il tono serio -. Sono un uomo corretto che ha avuto la fortuna di scegliere il suo lavoro».

Felice ma, anche, frastornato per il gran baccano che il suo compleanno ha creato. Gli amici hanno organizzato una grande festa con i rivali di un tempo che, stasera, andrà addirittura in diretta televisiva. Poi, c’è il Giro di Lombardia: domani, il giorno del suo compleanno, partirà da Bergamo per rendergli omaggio. Un privilegio riservato a pochi. Ai “grandi”. «Ero abituato a festeggiare i compleanni in famiglia, con mia moglie, le nostre due figlie e il nipotino». L’età è da pensionato, ma Gimondi in pensione non ci vuole proprio andare. «Poi cosa faccio tutto il giorno?». Allora, ogni mattina si presenta nell’agenzia di assicurazioni che porta il suo nome. Nell’ufficio tutto parla della sua carriera: foto, trofei, libri, cimeli di corse. «A casa, invece, non c’è niente. Nessuno, entrando, deve capire che ho fatto il corridore. I ricordi li ho raccolti nella torre. Uno spazio che è solo mio».

 E fra i ricordi aleggia, silenzioso ma ingombrante, l’alone di Eddy Merckx, il “cannibale”. L’atleta che gli ha tolto sonno e gloria. L’uomo al quale ha legato il suo nome in un binomio entrato nell’immaginario collettivo. Gimondi è stato l’ombra di Merckx, ma non è vissuto alla sua ombra. Il belga scatenava il diavolo a quattro, poi si voltava e trovava sempre la solita sagoma incollata alle sue spalle. Dietro il vuoto. Felice restava lì, con la mascella serrata per resistere alla fatica. «Tanto che, a volte, restava indolenzita anche dopo essere sceso di bici». Si è trovato di fronte Merckx, il corridore che ha vinto più di tutti, ma non ha fatto la figura dell’eterno secondo: Gimondi ha vinto 143 gare, le più belle e difficili, ed è arrivato 56 volte secondo, «diciannove solo nel ’69», precisa con un po’ di disappunto. Merckx diventa un incubo che lo perseguita anche in casa. Un giorno si ritrova la figlia con addosso una t-shirt con la foto del rivale.

«L’indossava, davanti alla tv, anche il giorno che vinsi il Mondiale». La rivalità è forte, ma sempre sui binari della correttezza. «In bici ci scannavamo ma alla sera guardavamo la partita insieme, con un boccale di birra in mano. Però, ho impiegato due anni per accettare il fatto che era più forte di me. Eddy mi aveva battuto in una cronometro al Giro di Catalogna del ’68. Fino a quel giorno, nelle crono, avevo sempre vinto io. Ho trascorso la notte a interrogarmi, a ripassare ogni metro della gara. Eppure ero andato forte. La risposta l’ho trovata solo dopo due tormentatissime stagioni». Ma non si rassegna all’evidenza. Riconnette grinta e gambe e accetta la sfida. «Ho dovuto cambiare il mio modo di correre. Eddy mi ha tolto l’istinto, quello che mi aveva fatto vincere molto all’inizio della carriera. La prima cosa era non “prenderle”, quindi restavo ad aspettare che partisse lui. Poi, anche se sapevo che ero battuto facevo la mia parte per andare all’arrivo. Come al Mondiale di Mendrisio: ho fatto l’ultima salita in testa, poi, mi ha superato in volata». Merckx è il Cannibale, Gimondi la formichina che cerca di raccogliere le briciole.

Ma una formica che può mettere a dieta l’insaziabile. Come nel Mondiale di Barcellona. «L’unica volta in cui sono venuto meno all’impegno di tirare. Eravamo in fuga in quattro. A cinque chilometri dal traguardo mi sono incollato alla ruota di Merckx e ho vinto la volata». Inevitabile chiedersi cosa sarebbe stato Felice senza Eddy. «Sicuramente avrei vinto di più. Ma, oggi, sono molto più contento che sia andata così. Mi sento più gratificato. Poi, sarei diventato così popolare se non ci fosse stato lui?». La rivalità ha radici lontane, quando i due erano ancora dilettanti: in una corsa in Belgio l’azzurro Gimondi si ritrova in fuga con Merckx, poi lo stacca in salita e vince. Ma il futuro “Cannibale” ha solo 18 anni e ancora i denti da latte. Gimondi è un predestinato. Inizia a correre nel ’60,e nel ’64 è già sul gradino più alto del podio al Tour de l’Avenir. L’anno dopo, passa professionista e arriva a Parigi in maglia gialla. Nei primi tre anni vince quasi tutto. Inevitabile l’accostamento con Coppi, in un Paese ancora orfano del Campionissimo.

Gimondi ha le spalle tanto larghe da accollarsi la pesante eredità. Poi, arriva il belga ad alleggerirlo. La rivalità è la linfa dello sport. Gimondi è l’alter ego di Merckx, ma in Italia deve confrontarsi con la classe e la brillantezza di Motta e l’eleganza e l’eloquio di Adorni. Un inferno per lui “musone” e di poche parole, un “regolarista” anche nella vita privata. «Non ho mai amato la confusione. Avevo bisogno dei miei spazi, di stare in casa, da solo». Nel viaggio nella memoria affiorano anche momenti dolorosi. «La morte di Tommy Simpson: sul Ventoux eravamo rimasti in quattro o cinque, lui era dietro di me. Poi, non l’ho più visto. Alla sera, mentre stavo facendo i massaggi ho sentito alla radio che era morto. Ho avuto voglia di fare le valigie». Fra i ricordi c’è spazio anche per il rammarico per quello che poteva essere e non è stato. «Al Tour del 1967 avrei potuto fare la doppietta con il Giro, ma una dissenteria sui Pirenei mi ha mandato fuori classifica». Gimondi è sempre rimasto nel ciclismo e ha visto passare intere generazioni di corridori. Con Pantani ha avuto uno stretto rapporto. «Mi confrontavo con Marco, ma in modo sbagliato.

Eravamo di generazioni troppo lontane. Ai miei tempi la radio l’avevano in pochi e la droga non sapevamo cos’era. Quando ho saputo della sua morte sono stato male». L’argomento doping accostato al ciclismo gli fa ritrovare la verve del corridore. «Abbiamo sicuramente le nostre colpe, ma la vicenda è diventata una buffonata. Il ciclismo è l’anello più debole, economicamente parlando. Perché nessuno ha mai fatto controlli a sorpresa prima di una partita del Milan o dell’Inter?».

Anche lui era caduto nella rete dell’antidoping. «Alla fine del Giro del ’68, ero terzo a 8’ da Merckx impossibile recuperarli. Perché avrei dovuto prendere qualcosa? Due medici dimostrarono che ero pulito». Poi c’è stato il trauma di Merckx, trovato positivo al Giro del 1969, affrontato con la consueta umanità. «Dietro all’atleta c’è l’uomo, e dietro all’uomo c’è la famiglia. Ho cercato di consolarlo e quel giorno non indossai la maglia rosa. Ho ancora dubbi su quella vicenda». Al ciclismo italiano di oggi guarda con distaccato rammarico: «Vive un momento di transizione. Nibali ha dato segnali di temperamento, ma non è ancora un leader. Poi, c’è da vedere Moreno Moser. Con l’arrivo dei corridori da ogni parte del mondo vincere è diventato più difficile. Serve un progetto per il futuro, come hanno fatto gli inglesi».

La prima squadra di Gimondi è stata quella dell’oratorio, la Csi Sedrinese, e lì è rimasto fino al passaggio al professionismo, 14 anni nella stessa società. «Sono un tradizionalista. Non mi sono mai messo sul mercato. Nemmeno dopo aver vinto il Tour, nonostante guadagnassi appena un milione e 800mila lire all’anno». E all’oratorio è tornato per dare vita a una squadra per bambini: a Sombreno c’è la Scuola di mountain bike Felice Gimondi, presieduta da don Mansueto Callioni. Non cerca il suo erede, vuole solo regalare le emozioni e il senso di libertà che la bici sa dare.

Giuliano Traini

Rai, nessun divieto sport combattimento

"Non c'é alcuna disposizione che vieti la trasmissione sui canali Rai Sport 1 e Rai Sport 2 di discipline sportive, tra l'altro anche olimpioniche, come la boxe, il judo, il karate".
Lo precisa la Rai in una nota, aggiungendo che "lo spostamento della messa in onda Campionato Italiano di Pugilato in seconda serata, invece che in prima, tra l'altro un evento registrato, è stata una scelta che nulla ha a che vedere con questioni legate a fascia protetta o presunta violenza dello sport in questione".
TV: PETRUCCI, GRAVISSIMO NO RAI A SPORT COMBATTIMENTO -  "Apprendo con incredulità e sbigottimento che la Rai ha deciso di non trasmettere più in prima serata sport olimpici come pugilato, judo, lotta e taekwondo, per un presunto e incomprensibile rispetto delle 'fasce protette' e per tutelare i minori": è durissima la reazione del presidente del Coni, Gianni Petrucci, in merito alla notizia anticipata oggi dal Corriere della Sera sulla decisione della Rai di non trasmettere in prima serata gli sport di combattimento.
"Si tratta di un atto gravissimo e inaudito - ha aggiunto il numero 1 dello sport italiano -, per il quale chiedo al Presidente Tarantola, al Direttore Generale Gubitosi e al Direttore di Rai Sport De Paoli un immediato cambio di strategia perché tale decisione rappresenta un affronto alla storia dell'olimpismo e dello sport italiano, nonché l'esatto contrario di quello che viene normalmente definito 'servizio pubblico'".
"Inoltre, vietando ai minori la visione di tali sport - ha sottolineato ancora Petrucci - si offende anche il senso comune e l'intelligenza di quei genitori che, sull'onda dell'entusiasmo dei recenti Giochi Olimpici di Londra, dove queste quattro discipline hanno contribuito al medagliere azzurro con sei podi (pari al 21,4%), hanno portato in massa i loro figli ad iscriverli nelle palestre di tutt'Italia di pugilato, judo, lotta e taekwondo".
"La crescita di nuovi tesserati in tali sport - ha concluso - procede amaramente di pari passo con l'assurdità di certe scelte di ottusa burocrazia che lo sport italiano respinge con fermezza e di cui avremmo fatto volentieri a meno".

La perfezione morale è il più alto valore dello sport


La perfezione morale e spirituale vale più di qualsiasi risultato fisico e costituisce il più grande valore dello sport. Lo ha detto il Papa ai partecipanti al XXXII congresso internazionale di medicina dello sport, ricevuti in udienza giovedì mattina, 27 settembre, nella Sala degli Svizzeri del Palazzo Apostolico a Castel Gandolfo.
Nel discorso in lingua inglese ai congressisti provenienti da centodiciassette Paesi dei cinque continenti, Benedetto XVI ha sottolineato "la capacità che hanno lo sport e gli sforzi atletici di unire le persone e i popoli nella ricerca comune di una pacifica eccellenza competitiva", come hanno mostrato i recenti giochi olimpici e paralimpici di Londra. Del resto - ha aggiunto il Pontefice - "il richiamo universale e l'importanza dell'atletica e della medicina dello sport sono giustamente riflessi anche dal tema del Congresso di quest'anno, che tratta delle implicazioni a livello mondiale del vostro lavoro, e della sua potenziale possibilità d'ispirare molte persone diverse in tutto il globo".


(©L'Osservatore Romano 28 settembre 2012)

Cavani, un tris per la vetta 3-0 alla Lazio, Napoli aggancia Juve. Tutti i risultati delle partite della 5/a giornata


Con  la vittoria per 3-0 sulla Lazio il Napoli raggiunge la Juve in testa alla classifica di serie A
Risultati delle partite della 5/a giornata.
FIORENTINA-JUVENTUS 0-0 (martedi')
- CATANIA-ATALANTA 2-1
- CHIEVO-INTER 0-2
- GENOA-PARMA  1-1
- MILAN-CAGLIARI  2-0
- NAPOLI-LAZIO 3-0
  PESCARA-PALERMO  1-0
- ROMA-SAMPDORIA 1-1
- TORINO-UDINESE 0-0
- SIENA-BOLOGNA (giovedi' 27 h. 20.45)

Classifica di Serie A dopo la 5a giornata: Juventus e Napoli 13; Sampdoria (-1) 10; Inter e Lazio 9; Roma, Fiorentina e Catania 8; Genoa 7;  Milan 6; Torino (-1), Atalanta (-2), Parma e Udinese 5 ; Bologna e Pescara 4; ChievoVerona 3; Cagliari 2; Palermo 1; Siena (-6) -1.
Sampdoria e Torino penalizzate di 1 punto, Atalanta penalizzata di 2 punti, Siena penalizzato di 6 punti per Scommessopoli
- Bologna e Siena una partita in meno
Marcatori del campionato di calcio di Serie A dopo le partite della quinta giornata.
- 5 reti: Cavani (1-Napoli).
- 4 reti: Jovetic (Fiorentina).
- 3 reti: Cassano (Inter); Klose e Hernanes (Lazio);El Shaarawy e Pazzini (1 rigore-Milan); Maxi Lopez (Sampdoria), Gilardino (1-Bologna).
- 2 reti: Diamanti (1-Bologna); Bergessio (Catania); Milito (Inter); Pellissier (1-Chievo); Borriello (Genoa); Giovinco, Quagliarella e Vucinic (1-Juventus); Osvaldo e Florenzi (Roma); Vergassola (Siena); Bianchi (1 Torino); Di Natale (1 Udinese).
- 1 rete: Cigarini, Moralez, Raimondi e Denis (Atalanta); Ekdal e Sau (Cagliari); Barrientos, Lodi, Gomez, Marchese e Spolli (Catania); Cruzado (Chievo); Jankovic, Kucka, Immobile e Merkel (Genoa); Coutinho, Pereira e Sneijder (Inter); Vidal (rig), Giaccherini, Asamoha, Lichtsteiner, Pirlo (Juventus); Toni, Roncaglia (Fiorentina); Immobile (Genoa); Candreva (Lazio); El Sharawi (Milan); Insigne, Pandev, Dzemaili, Hamsik e Maggio (Napoli); Rios (Palermo); Lucarelli, Parolo, Rosi, Belfodil, Valdez (Parma); Celik, Weiss, Quintero e Caprari (Pescara); Lamela, Marquinho, Lopez e Totti (Roma); Estigarribia, Gastaldello, Costa, Munari e Pozzi (1-Sampdoria); Calaio, Ze Eduardo e Valiani (1-Siena); Brighi e Sgrigna (Torino); Basta, Lazzari, Ranegie e Maicosuel (Udinese).
- 1 autorete: Borja Valero (Fiorentina).
ansa

Paralimpiadi: Zanardi fra big del mondo


Alex Zanardi e' stato inserito, dal Comitato paralimpico internazionale, nell'elenco dei sei campioni paralimpici tra i quali il pubblico di tutto il mondo potra' scegliere il miglior atleta di agosto-settembre in base ai risultati ottenuti alle Paralimpiadi di Londra. Si puo' votare sul sito www.paralympic.org fino al 2/10. Per compilare l'elenco ristretto l'Icp ha preso le candidature dai Comitati paralimpici nazionali e delle Federazioni sportive internazionali che hanno partecipato ai Giochi.
ansa

Basket: asta fallimentare per Fortitudo Bologna. Vinse scudetti nel 2000 e 2005, finalista Eurolega nel 2004

Va all'asta fallimentare la Fortitudo pallacanestro Bologna, campione d'Italia di basket 2000 e 2005 e finalista di Eurolega nel 2004. Lo ha reso noto un comunicato del curatore fallimentare Carlo Alfonso Lovato. A decidere e' stato il giudice Maurizio Atzori, che ha autorizzato la vendita 'in unico lotto con il 100% delle quote della societa' Fortitudo Bologna con socio unico (gia' Eagles con socio unico)'. Il prezzo base d'asta fissato in 200 mila euro.

L'udienza di vendita il 16 ottobre.
ansa

Ecclestone accusato di corruzione

Nuova bufera sul patron del circus Bernie Ecclestone.

Secondo il giornale tedesco Sueddeutsche Zeitung, il capo della F1 sarà processato a Monaco di Baviera per la presunta corruzione di un ex banchiere tedesco, Gerhard Gribkowsky, ex membro della banca pubblica bavarese BayernLB, già condannato a otto anni e mezzo di prigione per corruzione, frode ed evasione fiscale.


Gribkowsky, che ora collabora con la giustizia, ha confessato di avere intascato una somma di 44 milioni di dollari da Ecclestone per ottenere i diritti tv della F1.
sportal

Sport in tv: le dirette di oggi, mercoledì 26 settembre 2012. Serie A tra EuroBasket e calcio femminile


Mondiali di Calcio Femminile, Serie A, Champions League
DAYTIME MATTINA E POMERIGGIO
Eurosport
10.00 Tennis: Toray Pan Pacific Open, Torneo WTA Tokyo, Giorno 3.
Eurosport
13.45 Calcio femminile: Messico - Brasile, Coppa del Mondo U17, da Baku e Lankaran (Azerbaijan). Fase a gironi.
Eurosport 2
14.00 Calcio femminile: Uruguay - Ghana, Coppa del Mondo U17, da Baku e Lankaran (Azerbaijan). Fase a gironi.
Eurosport 2
16.00 Calcio femminile: Vantaa - Lione. Champions League femminile. Primo turno di eliminazioni, andata.
Eurosport
17.00 Calcio femminile: Cina - Germania, Coppa del Mondo U17, da Baku e Lankaran (Azerbaijan). Fase a gironi.
Eurosport
18.00 Calcio femminile: Nuova Zelanda Giappone, Coppa del Mondo U17, da Baku e Lankaran (Azerbaijan). Fase a gironi.
SportItalia 2
18.00 Basket: Eurolega 2012/2013, UNICS Kazan (Rus) - Ratiopharm Ulm (Ger), qualificazioni.
Sky Calcio 8 HD - Sky SuperCalcio HD
18.30 Pescara-Palermo, Serie A, 5a giornata. Telecronaca Paolo Ciarravano, commento Stefano Nava, a bordo campo Vanessa Leonardi.
Premium Calcio 1/HD
18.30 Pescara-Palermo, Serie A, 5a giornata. Telecronaca Roberto Ciarapica, commento tecnico Roberto Rambaudi, a bordo campo Marco Francioso.
Eurosport
19.00 Calcio: Inter - Dortmund. Next Gen Series, torneo dedicato alle promesse del calcio.
ESPN America
19.00 Baseball: NY Yankees at Minnesota Twins (MLB).
Di seguito tutti gli appuntamenti sportivi della prima serata, con gli incontri della 5ª giornata d Serie A e le qualificazioni per l’Eurolega di Basket.

PRIMA SERATA
SportItalia 2
20.45 Basket: Eurolega 2012/2013, Le Mans Sarthe Basket (Fra) - BC Donetsk (Ukr), qualificazioni.
SERIE A - 5ª giornata (news, aggiornamenti e live)
Ore 20.45
SKY
Sky Calcio 1 HD
Milan-Cagliari. Telecronaca Federico Zancan, commento Daniele Adani, bordo campo Marco Nosotti, Vera Spadini e Veronica Baldaccini. Diretta gol: Daniele Barone.
Sky Calcio 2 HD
Chievo-Inter. Telecronaca Riccardo Gentil, commento Beppe Bergomi, a bordo campo Andrea Paventi e Massimiliano Nebuloni. Diretta gol: Geri De Rosa.
Sky Sport 1 HD - Sky Calcio 3 HD
Napoli-Lazio. Telecronaca Maurizio Compagnoni, commento Antonio Di Gennaro, a bordo campo Massimo Ugolini e Matteo Petrucci. Diretta gol: Dario Massara.
Sky Calcio 4 HD
Roma-Sampdoria. Telecronaca Riccardo Trevisani, commento Christian Panucci, a bordo campo Angelo Mangiante e Paolo Assogna. Diretta gol: Fabio Caressa.
Sky Calcio 5 HD
Torino-Udinese. Telecronaca Nicola Roggero, commento Franco Causio, a bordo campo Paolo Aghemo e Francesco Cosatti. Diretta gol: Roberto Prini.
Sky Calcio 6 HD
Catania-Atalanta. Telecronaca Antonio Nucera, commento Carlo Muraro, a bordo campo Peppe Di Stefano. Diretta gol: Andrea Marinozzi.
Sky Calcio 7 HD
Genoa-Parma. Telecronaca Massimo Tecca, commento Claudio Onofri, a bordo campo Riccardo Re. Diretta gol: Luca Boschetto.
MEDIASET PREMIUM
Premium Calcio 1/HD
Napoli-Lazio. Telecronaca Marco Foroni, commento tecnico Aldo Serena, telecronaca tifoso Raffaele Auriemma, Guido De Angelis, a bordocampo Marco Cherubini.
Premium Calcio 2
Milan-Cagliari. Telecronaca Bruno Longhi, commento tecnico Giancarlo Camolese, telecronaca tifoso Carlo Pellegatti, a bordo campo Alessio Conti.
Premium Calcio 3
Chievo-Inter. Telecronaca Pierluigi Pardo, commento tecnico Roberto Cravero, telecronaca tifoso Christian Recalcati, a bordo campo Nando Sanvito.
Premium Calcio 4
Roma-Sampdoria. Telecronaca Giampaolo Gherarducci, commento tecnico Ilario Castagner, telecronaca tifoso Carlo Zampa, a bordo campo Giorgia Ferrajolo.
Premium Calcio 5
Genoa-Parma. Telecronaca Simone Malagutti, commento tecnico Andrea Agostinelli, a bordo campo Andrea Cocchi.
Premium Calcio 6
Torino-Udinese. Telecronaca Fabrizio Ferrero, commento tecnico Luca Pellegrini, a bordocampo Irma D’Alessandro.
Premium Calcio 7
Catania-Atalanta. Telecronaca Federico Mastria, a bordo campo Stefano Messina.
Sky Sport 1 HD - Supercalcio HD
03.00 Calcio: Copa Sudamericana, Liga De Loja (Ecu) - San Paolo (Bra).

Sport, ecco i movimenti che evitano le malattie

Contro la sedentarietà e per prevenire patologie croniche è raccomandata l'attività fisica. Se ne parlerà al congresso mondiale di medicina sportiva che si apre a Roma in questi giorni. Nuoto, corsa, atletica leggera per i più piccoli; yoga, pilates, ballo per gli anziani. Per gli adulti allenamenti almeno tre ore a settimana

di IRMA D'ARIA

CON la ripresa di scuola e lavoro, la sedia è tornata ad essere il posto dove trascorriamo la maggior parte del tempo. I bambini delle elementari restano seduti mediamente sei ore al giorno che salgono a dieci per gli adolescenti. Non va meglio per gli adulti che passano seduti circa il 70% della loro giornata da svegli. La sedentarietà aumenta con il passare degli anni: secondo i dati del Progetto Cuore, infatti, tra i 65 e 74 anni il 31% degli uomini e il 51% delle donne non svolge alcuna attività fisica. Insomma, la sedentarietà è un'abitudine ed un fattore di rischio per la salute che riguarda tutte le fasce d'età.

"L'esercizio fisico è una risorsa strategica per la salute di tutta la popolazione " dichiara Maurizio Casasco, presidente della Federazione Medico Sportiva Italiana alla vigilia del World Congress of Sport Medicine che si svolgerà per la prima volta in Italia, a Roma, dal 27 al 30 settembre. "Ma va prescritta correttamente da un medico specialista dello sport perché agisce proprio come un farmaco: una dose troppo bassa non serve, ma una dose eccessiva intossica ". Ecco perché proprio in questo periodo dell'anno in cui si riprendono anche le attività sportive bisognerebbe individuare lo sport più adatto ad ogni età. Scegliere bene è fondamentale soprattutto per i bambini che, anche in Italia, sono sempre più in sovrappeso. "Portare il bambino in piscina tre volte a settimana
non basta" precisa Sergio Bernasconi, direttore della Clinica Pediatrica dell'università di Parma e vice-presidente della Società italiana di pediatria preventiva e sociale. "Perché ci sia un effetto preventivo, ogni giorno deve trascorrere 30-40 minuti in movimento che sia camminando, andando in bicicletta o giocando in cortile come si faceva una volta". Solo così si riescono a compensare le molte ore di sedentarietà tra scuola, traffico per gli spostamenti, televisione e computer.

Gli sport più adatti sono quelli che consentono uno sviluppo fisico completo e armonioso come il nuoto, la corsa, l'atletica leggera e anche le arti marziali ma facendo attenzione ai traumi da contatto e indossando sempre le protezioni necessarie. "Numerosi studi testimoniano che il movimento svolto sin da bambini aiuta nella prevenzione dell'obesità, migliora e sviluppa la funzionalità cardiorespiratoria e svolge un ruolo importante anche sul fronte psico-emotivo perché aumenta la fiducia in sé stessi, aiuta a socializzare e nel caso degli sport di squadra, insegna il rispetto per gli altri". Ma il movimento serve anche da adulti. "Dall'adolescenza e fino ai 40 anni, una regolare attività fisica rafforza l'intero organismo dandoci la possibilità di invecchiare bene e prevenire l'insorgere di tante malattie", spiega Arsenio Veicsteinas, presidente della Scuola di Scienze Motorie dell'università di Milano. "Numerosi studi di biologia molecolare hanno dimostrato che l'esercizio fisico in età adulta predispone la cellula cardiaca a tollerare meglio eventuali insulti ischemici che sono tipici di questa fase della vita".

Servono allenamenti tre volte a settimana di circa un'ora che alternino attività aerobiche ed esercizi per le varie fasce muscolari che, con l'andare del tempo, subiscono una fisiologica riduzione. Muoversi dai 40 ai 60 anni, aiuta anche a prevenire l'obesità, il diabete di tipo 2 e rafforza le difese immunitarie. Benefici che valgono anche per gli anziani. "Dopo i 65 anni, la scelta del tipo di sport dipende molto dallo stato di salute generale di ciascuno. Muoversi con regolarità, serve anche a prevenire le patologie osteoarticolari e a prolungare nel tempo l'auto-sufficienza perché mette in grado gli anziani di alzarsi da soli dal letto, di continuare a svolgere le attività tipiche della vita quotidiana come fare la spesa o giocare con i nipoti ", prosegue Veicsteinas. In più, si socializza, si fortifica l'equilibrio che tende a diventare precario con l'età ma che è fondamentale per prevenire le cadute ed eventuali fratture. Vanno bene yoga, pilates, ballo, mentre non serve il nuoto perché in assenza di forza di gravità non svolge alcuna sollecitazione sulle ossa che, invece, hanno bisogno di contrarsi per avviare la deposizione del calcio e prevenire così l'osteoporosi. 

repubblica.it

La Juve è già in fuga, provate a prenderla…

Solo la Juventus ingrana la quarta, i campioni d’Italia centrano il 4° successo consecutivo e volano in vetta solitaria a punteggio pieno. “Era già tutto previsto”, cantano come un nostalgico Cocciante le tifoserie avversarie della Vecchia Signora. 
Si conferma lo strapotere dei bianconeri , migliorati ulteriormente in tutti i reparti, con un turnover funzionante - non per tutti è così - in cui riaffiora un Quagliarella rigenerato (Prandelli prenda nota per la Nazionale) che dopo la notte magica di Champions (rete della rimonta nel pirotecnico 2-2 con il Chelsea) si conferma con la doppietta vincente al Chievo. La Juve, affidata al supplente casual Carrera, per ora non risente neppure dell’assenza in panchina del mister titolare e titolato Antonio Conte, confinato in tribuna, in attesa di giudizio per la squalifica di 10 mesi, causa la spinosa vicenda del Calcioscommese. Nessuna delle inseguitrici per ora tiene il passo sicuro della Juve. Il Napoli ha risentito del terzo impegno settimanale tra campionato e Coppa e sul campo del Catania degli argentini non va oltre il pari.
La Lazio del poliglotta Petkovic, dopo il breriano “risultato perfetto” di Londra, 0-0 con il Tottenham in Europa League, era attesa al grande salto con il Genoa, ma dopo 80 minuti di dominio, ha subìto la beffa del redivivo Borriello che segna ed esulta sotto la curva Sud romanista che lo aveva salutato senza troppi rimpianti. Mancano ancora all’appello le due “grandi sorelle” dell’ex torneo più bello del mondo, Milan e Inter.
Dopo la tregua pilotata con Pippo Inzaghi, Max Allegri non riesce a spronare a dovere il suo Milan che cade al Friuli e rianima l’Udinese del serafico Guidolin. Momenti di gloria anche per il Siena di Cosmi, fanalino di coda – partito con l'handicap del meno 6 – ospite indigesto di un’Inter che fortissimamente voleva prendere i primi 3 punti casalinghi e invece incassa il 2° preoccupante ko di fila. Se non è crisi, sono tempi duri per Allegri e il giovane allenatore dell’Inter "Stramourinho", alias Andrea Stramaccioni.
La Roma di Zeman dopo lo scivolone con il Bologna cercava il pronto riscatto a Cagliari, ma ha trovato lo “stadiolo” Is Arenas chiuso al pubblico e anche alle squadre, e adesso reclama lo 0-3 a tavolino per responsabilità oggettiva del club dell’eccentrico presidente Cellino. Al presidente “mangiallenatori” per antonomasia, Zamparini, non è bastato esonerare in settimana Sannino e chiamare Gasperini - 41° tecnico della saga zampariniana -: il suo Palermo cede ancora nel confronto con l'Atalanta. Terza sconfitta per i rosanero in 4 giornate, questa è crisi vera. Ma domani si torna in campo con l’anticipo della quinta giornata: la Juve capolista fa visita alla Fiorentina dei giovani di Montella. E ne siamo certi, tutta l’Italia non bianconera spera nel primo tonfo dei campioni, dopo 42 partite senza sconfitte in campionato.

Massimiliano Castellani - avvenire.it

Poco movimento fisico e obesità: sono questi i fattori associati maggiormente al rischio di diabete

Poco movimento fisico e obesità: sono questi i fattori associati maggiormente al rischio di diabete, patologia di cui, nel 2011, dichiarano di soffrire quasi 3 milioni di italiani. A spiegarlo è un focus sul diabete dell'Istat, relativo a dati che vanno dal 2001 al 2011 e diffuso oggi. Dal focus emerge che se nella popolazione adulta (dai 18 anni in su) il diabete interessa il 5,8% della popolazione, tra gli adulti obesi la quota raggiunge il 15,2%, in crescita di cinque punti rispetto al 2001. Valori che crescono all'aumentare dell'eta' fino a raggiungere il 29,9% tra gli over 75 (+ 8 punti rispetto al 2001). Attenzione particolare viene riservata dal focus all'obesità infantile: dai dati è infatti emerso che nel 2010 più di un ragazzo su quattro tra i 6 e i 17 anni (26,2%) è obeso o in sovrappeso (in modo simile a quanto rilevato nel 2000), e che a partire dai 10 anni il fenomeno inizia ad essere più frequente nei maschi che nelle femminucce. La percentuale di ragazzi con problemi di peso cresce dal Nord al Sud, con percentuali particolarmente alte in Campania e Sicilia (rispettivamente 36,6% e 31,7%). Quanto al diabete, dai dati dell'Istat emerge che, considerando la popolazione dai 45 anni in su, il rischio cresce all'aumentare dell'età (dopo i 65 anni è 4 volte più alto rispetto alla classe di età 45-54 anni), e che nelle donne è più basso del 15% rispetto agli uomini. Rispetto all'essere normopeso l'obesità triplica il rischio, mentre un titolo di studio basso rispetto a un diploma o a una laurea lo aumenta di 1,7 volte. L'inattività fisica ne dermina l'aumento del 35% rispetto a chi pratica sport regolarmente, mentre per chi vive nelle regioni del Sud Italia, infine, il rischio aumenta del 50% rispetto ai residenti al Nord. Le complicanze del diabete possono essere estremamente invalidanti, si legge nel focus, e compromettere la funzionalità di organi essenziali: cuore (infarto del miocardio, cardiopatie), reni (insufficienza renale), vasi sanguigni (ipertensione o altre malattie cardiovascolari, comel'ictus), occhi (glaucoma, retinopatie).
ilsole24ore

La cosiddetta Legge Stadi non ha nulla a vedere con lo sport

Cogliati Dezza (Legambiente) a Beretta (Lega calcio):  Il calcio ha bisogno di stadi sicuri o di nuove speculazioni edilizie?
 
ROMA - “Beretta non avalli nuove colate di cemento e chieda una vera legge a favore dello sport e dei tifosi. Se l’obiettivo fosse la sicurezza e la qualità delle manifestazioni sportive nessuno avrebbe da ridire”.
Così Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente risponde alle dichiarazioni del presidente della Lega calcio Maurizio Beretta, che partendo dalla querelle in corso sulla partita Cagliari – Roma, lancia un appello affinché sia approvata rapidamente la legge sugli stadi attualmente ferma al Senato.

“Chiamarla ‘legge stadi’ è una vera ipocrisia – ha continuato il presidente di Legambiente -. Il calcio e lo sport non c’entrano nulla con il testo approdato in Senato dopo un iter quanto mai discutibile. Ma questa fretta ha una ragione ben precisa: se approvato, il Disegno di Legge, consegnerebbe nelle mani di chi vuole realizzare speculazioni edilizie uno straordinario strumento per costruire in aree non edificabili in ogni Comune italiano. Si potranno rendere edificabili aree che oggi non lo sono per i piani vigenti. E in queste operazioni prevedere ‘attività residenziali, direzionali, turistico-ricettive e commerciali’. Niente a che vedere con lo sport e le squadre di calcio: si tratta invece di un provvedimento speciale in grado di rendere edificabili terreni agricoli e persino, con alcune forzature, aree vincolate”.

Sono molti gli aspetti discutibili dell’iter che ha portato il testo al Senato, dal fatto che sia stato approvato alla Camera senza il passaggio in Aula (procedimento inspiegabilmente straordinario che si appresta a ripetere al Senato), al fatto che, invece di essere affidato alle commissioni Ambiente e Lavori pubblici, sia stato consegnato alla Commissione cultura.

“Se è difficile capire la logica per cui il Governo che ha approvato il Ddl Catania sul consumo di suolo, dovrebbe ora approvare una legge che favorisce ulteriore cemento e speculazioni edilizie anche in aree delicate – ha concluso Cogliati Dezza –, risulta incomprensibile sostenere ora la Lega Calcio che invece di chiedere lecitamente una norma mirata a sostenere la qualità e la sicurezza dello sport, lancia un appello a favore di un testo che con queste esigenze non ha nulla a che fare, rappresentando solo un autentico regalo agli speculatori, liberi di realizzare voluminose operazioni immobiliari e commerciali in tutto il Paese”.
dazebaonews.it

Sport in piazza e convegni per la 'giornata dei risvegli' A Bologna dall'1 al 7 ottobre manifestazione nazionale sul coma

Festa e sport in piazza e per la prima volta un grande convegno che riunisce tutte le associazioni di famigliari di persone in stato vegetativo. Sono le due anime della 'Giornata nazionale dei risvegli per la ricerca sul coma', in programma a Bologna dall'1 al 7 ottobre.

Promossa dall'associazione 'Gli amici di Luca', la manifestazione, che opera sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, vuole riflettere su tutti gli aspetti che riguardano il coma e stringere ''un'alleanza terapeutica tra strutture sanitarie, istituzioni, famiglie e terzo settore''.


L'intero calendario e' su internet (www.amicidiluca.it) e si aprira' fin da lunedi' 1 con convegni e inaugurazioni, con appendici anche a Padova e Bergamo. Sabato 6 dalle 9, nell'auditorium Biagi di Sala Borsa, la prima conferenza nazionale di consenso promossa dalle associazioni dei famigliari che accudiscono un caro in coma, in stato vegetativo o con grave cerebrolesioni acquisite: ''E' necessario prendere in esame le problematiche dei bisogni di queste famiglie, dando voce a queste persone sfiatate, mute perche' non si sentono di entrare in dialogo con la componente medico-sanitaria'', ha spiegato Maria Vaccari, presidente dell'associazione. Domenica, invece, spazio ai bimbi e ai giochi in piazza Maggiore con i tornei organizzati dal Csi. Nel pomeriggio il laboratorio teatrale 'Pinocchio de-construction', organizzato da Babilonia Teatri insieme agli Amici di Luca, prologo all'anteprima nazionale, la sera alla Casa dei Risvegli 'Luca de Nigris', di 'Pinocchio', lo spettacolo della compagnia teatrale 'Gli Amici di Luca', formata da persone con esiti di coma. Per l'occasione il testimonial Alessandro Bergonzoni ha realizzato un nuovo spot che sara' trasmesso in tv e in 370 cinema italiani. (ANSA).

F1: Gp Singapore, classifiche. Tra piloti comanda Alonso, tra costruttori avanti Red Bull

- Classifica piloti: Fernando Alonso 194 punti, Sebastian Vettel 165, Raikkonen 149, Hamilton 142, Webber 133, Button 119, Rosberg 93, Grosjean 82, Perez 65, Massa 51, di Resta 44, Schumacher 43, Kobayashi 35, Huelkenberg 31, Maldonado 29, Senna 25, Vergne 8, Ricciardo 6. Classifica costruttori: Red Bull 298 punti, McLaren 261, Ferrari 245, Lotus 231, Mercedes 136, Sauber 100, Force India 75, Williams 54, Toro Rosso 14.


ansa

F1: Gp Singapore, vittoria di Vettel

Terzo Alonso e ottavo Massa, Hamilton costretto al ritiro


Sebastian Vettel (Red Bull) ha vinto il Gp di Singapore, davanti a Jenson Button (McLaren) e Fernando Alonso. Lewis Hamilton (McLaren) e' stato costretto al ritiro quando era in testa. Ora lo spagnolo della Ferrari ha 29 punti di distacco sul suo piu' diretto inseguitore, che e' Vettel, mentre guadagna (+52 punti) sull'inglese. Ottavo posto per Felipe Massa, autore di un buon recupero dopo una partenza sfortunata.
ansa

Serie A: Rinviata Cagliari-Roma, Figc apre un'inchiesta

La partita Cagliari Roma è stata rinviata. Lo ha deciso questa notte il prefetto di Cagliari al termine di un lunga riunione convocata al seguito della decisione della società rossoblù di far entrare il pubblico allo stadio Is Arenas nonostante il divieto.

E la procura federale della Figc ha aperto un'inchiesta sulla vicenda del rinvio di Cagliari-Roma e "sui comportamenti che hanno portato alla decisione". Lo si apprende in ambienti federali, nei quali si fa notare "lo sconcerto per un caso inaccettabile, a maggior ragione visto che Cellino è rappresenta la Lega in consiglio".

La Procura federale già domani si metterà al lavoro per acquisire elementi e testimonianze in coordinamento con le autorità di pubblica sicurezza e la magistratura ordinaria.

Intanto dopo il rinvio della gara contro il Cagliari deciso nella notte dalla Prefettura, la Roma è rientrata questa mattina nella Capitale con un volo di linea. Il tecnico Zdenek Zeman ha concesso ai giocatori un giorno libero. Gli allenamenti dei giallorossi riapriranno domani con una doppia seduta di lavoro. A Trigoria, però, si terrà questa mattina una riunione d'urgenza tra i dirigenti per discutere di quanto accaduto in Sardegna (la Roma non era stata inizialmente nemmeno avvisata della riunione in Prefettura) al termine della quale verrà presa una posizione ufficiale della società.

L'INVITO DI CELLINO AI TIFOSI - Partita tra Cagliari e Roma ufficialmente a porte chiuse (secondo la Prefettura) ma per la società Rossoblù l'impianto di Is Arenas a Quartu è agibile e sicuro. Ed allora ecco le scelte del Club: "Visto il perdurare della situazione - si legge nel sito internet del Cagliari - che porta a non vedere più un futuro per via delle difficoltà burocratiche ed il disinteresse collettivo delle istituzioni la Società Cagliari Calcio invita e chiede a tutti i suoi tifosi, titolari di biglietto e abbonamento, di recarsi allo stadio per assistere alla partita nel rispetto dell'ordine e della civiltà". La comunicazione, firmata dal presidente Massimo Cellino, è arrivata ieri poco dopo la nota della Prefettura che, nel pomeriggio, aveva ribadito che la gara si dovesse disputare senza pubblico (poi nella notte il rinvio). "Questo atto - conclude il comunicato della Società - assolutamente pacifico, spinto dal dolore e dalla frustrazione, per difendere il diritto di esistere. Viceversa è giusto prenderne atto".

ansa

Basket: Siena ko, Supercoppa a Cantù


Cantu' ha vinto la Supercoppa di basket battendo Siena 80-73 (16-25, 37-42, 59-57) sul neutro di Rimini. I toscani avevano conquistato le ultime cinque edizioni del trofeo e lo scorso anno avevano sconfitto proprio i canturini. Cantu': Kudlacek ne, Abass ne, Smith 14, Markoishvili 15, Leunen 4, Mazzarino 3, Casella ne, Brooks 11, Tyus 18, Tabu 5, Aradori 4, Cusin 6. Siena: Kasun 2, Brown 18, Eze 8, Carraretto 3, Rasic, Kangur 3, Sanikidze 17, Ress 3, Lechthaler ne, Janning 2, Hackett 7, Moss 10.
ansa

Miseria e nobiltà del calcio italiano

Maradona sara' padre un'altra volta


Diego Armando Maradona sarà di nuovo padre, ha annunciato la sua compagna, Veronica Ojeda, che lo ha confessatto al portale Ciudad.com: "Sono incinta di quattro mesi". L'ex calciatore, 51 anni, è in coppia con Ojeda, 36, da vari anni e secondo la stampa scandalistica argentina nel 2010 avrebbe perso un figlio dopo 19 settimane di gravidanza.

Il Pibe de Oro ha già due figlie dal suo matrimonio con Claudia Villafane, Dalma e Giannina, la seconda delle quali le ha già dato un nipote, Benjamin, nato dall'unione con i giocatore de Manchester City Sergio Aguero. A questo si aggiunge Diego Sinagra, nato dal rapporto di Maradona con l'italiana Claudia Sinagra.

ansa

F1: pole di Hamilton a Singapore, Alonso quinto

Lewis Hamilton ha conquistato la pole position nel Gran Premio di Singapore, quattordicesima prova del mondiale di Formula Uno. Sul circuito cittadino di Marina Bay l’inglese della McLaren ha preceduto la Williams di Pastor Maldonado e la Red Bull di Sebastian Vettel. A chiudere la seconda fila sarà la McLaren di Jenson Button, davanti alla Ferrari di Fernando Alonso e alla Force India di Paul Di Resta. Settima piazza per la Red Bull di Mark Webber davanti alla Lotus del francese Romain Grosjean.

 (Notizia su Datasport, La Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport, TuttoSport, Corriere della Sera, La Repubblica, Sky Sport)

Sport in tv: le dirette di oggi, sabato 22 settembre 2012

DAYTIME MATTINA
Eurosport
08.30 Biliardo: Snooker - Bank Of Communication Shanghai Masters. Giorno 6, semifinali, in diretta da Shanghai, Cina.
Eurosport 2
09:15 Football australiano: Hawtorn - Adelaide Crows, finali Australian League.
Rai Sport 2
09.50 Automobilismo: GP2 Series. Gara 1 da Singapore.
LA7
10.40 Superbike - Superpole: Qualifiche Gran Premio del Portogallo, in diretta da Portimão.
Rai Sport 1
11.05 Canoa: Campionati Mondiali di Canoa Maratona. K1/C1, 2ª giornata. Finali da Roma.
Eurosport
12:00 Calcio femminile: Francia – USA. Coppa del Mondo U17, da Baku e Lankaran (Azerbaijan).  Fase a gironi.
Eurosport 2
12.15 Cricket: Sri Lanka - Sud Africa . Fase a gironi della Twenty20 World Cup, in diretta da Hambantota, Sri Lanka.
DAYTIME POMERIGGIO
Rai Sport 1
13.00 Equitazione: La Bagnaia, 2ª giornata.
Rai sport 2
13.10 Tiro a Segno: Campionati Italiani 2012 Carabina libera 3p uomini 50mt.
Sky SuperCalcio HD – Sky Calcio 2 HD
13.45 Swansea City-Everton. Premier League inglese, 5ª giornata.
Eurosport
14.00 Salto con gli sci: Summer Gran Prix, specialità HS 140 Maschile, in diretta da Almaty, Kazakistan.
SportItalia 1
14.00 Calcio: Milan – Varese, 4ª giornata, Primavera Tim 2012-2013.
Rai Sport 2
14.00 Ciclismo: Campionato del Mondo ciclismo su strada, Elite Women (129 km), da Maastricht, Olanda.
Rai sport 1
14.40 Equitazione: La Bagnaia 2ª giornata.
RaiDue
15.00 Automobilismo - F1: qualifiche del GP di Singapore. Telecronisti Gianfranco Mazzoni, Ivan Capelli.
SportItalia 2
15.00 Calcio: Genoa -Sampdoria, 4° giornata, Primavera Tim 2012-2013.
Eurosport 2
15.00 Biliardo: Snooker - Bank Of Communication Shanghai Masters. Giorno 6, semifinali, in diretta da Shanghai, Cina.
5° giornata Serie BWin - Ore 15.00
Sky Sport 1 HD e Sky Calcio 3 HD
Spezia-Sassuolo
Sky Calcio 5 HD
Crotone-Bari
Sky Calcio 6 HD
Padova-Reggina
Sky Calcio 7 HD
Juve Stabia-Varese
Sky Calcio 8 HD
Modena-Livorno
Sky Calcio 9
Vicenza-Brescia
Sky Calcio 10
Cesena-Cittadella
Sky Calcio 11
Lanciano-Grosseto
Sky Calcio 12
Pro Vercelli-Ascoli
Eurosport
15.15 Ciclismo: Campionato del Mondo ciclismo su strada, Elite Women (129 km), da Maastricht, Olanda .
La7
16.00 Superbike - Superpole: Gara, Gran Premio del Portogallo, in diretta da Portimão.
Sky SuperCalcio HD – Sky Calcio 2 HD
16.00 Chelsea-Stoke City. Premier League inglese, 5ª giornata.
Rai Sport 1
16.40 Calcio femminile: Azerbaijan-Colombia. Coppa del Mondo Under 17, da Baku e Lankaran, Azerbaijan.
SportItalia 1
17.00 Calcio: Bastia – Paris Saint-Germain. Ligue 1, 6ª giornata.
Eurosport 2
17.30 Cricket: Australia - Indie Occidentali. Fase a gironi della Twenty20 World Cup, in diretta da Hambantota, Sri Lanka.
Rai Sport 2
18.00 Tiro a Segno: Campionati Italiani 2012 Pistola a 10mt uomini.
Eurosport
18:00 Calcio femminile: Azerbaijan - Colombia. Coppa del Mondo U17. Fase a gironi (differita).
Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD
18.00 Parma-Fiorentina. Serie A, 4ª giornata. Telecronaca Gianluca Di Marzio, commento Antonio Di Gennaro, a bordo campo Vanessa Leonardi e Michele Gallerani.
Premium Calcio/HD
18.00 Parma-Fiorentina, Serie A, 4ª giornata. Telecronaca Fabrizio Ferrero, commento tecnico Roberto Rambaudi, a bordo campo Monica Vanali.
ESPN America
18.00 Football americano: Virginia Cavaliers at TCU Horned Frogs
Sky Calcio 3 HD
18.30 West Ham-SunderlandPremier League inglese, 5ª giornata (differita).
Sky Sport 2 HD
18.30 Rugby: Leicester Tigers - Harlequins. Aviva Premiership, 4ª giornata: telecronaca Francesco Pierantozzi, commento Alessandro Moscardi.
Rai Sport 2
18.40 Tiro a Segno: Campionati Italiani 2012 Pistola a 10 mt. Donne.
Rai Sport 2
19.10 Tiro a Segno: Campionati Italiani 2012 Pistola Automatica uomini 25 mt.
SportItalia 2
19.30 Rugby: Cardiff Blues - Benetton Treviso, Rugby PRO 12 Round 4.
PRIMA SERATA
Rai Sport 1
20.25 Calcio a 5: Asti-Luparense. Campionato Italiano Serie A.
Rai Sport 2
20.35 Calcio: Derthona-Asti. Campionato Italiano Serie D.
Sky Sport 1 HD, Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD
20.45 Juventus-Chievo. Serie A, 4ª giornata Telecronaca Fabio Caressa, commento Beppe Bergomi, a bordo campo Veronica Baldaccini, Giovanni Guardalà e Francesco Cosatti.
Premium Calcio/HD
20.45 Juventus-Chievo, Serie A, 4a giornata. Telecronaca Sandro Piccinini, commento tecnico Ilario Castagner, telecronaca tifoso Claudio Zuliani, a bordo campo Alessio Conti.
Eurosport
21.00 Equitazione: Global Champions Tour. Grand Prix of Vienna, 2° round.
Sky Sport 2
21.00 Golf: Tour Championship by Coca-Cola (US Pga Tour), ultima tappa della FedEx Cup. 3ª giornata, in diretta dall’East Lake Golf Club di Atlanta, Georgia (USA). Commento Silvio Grappasonni, Alessandra Caramico e Nicola Pomponi.
SECONDA SERATA
Eurosport 2
22:00 Automobilismo: Auto GP, Gara 1, in diretta dal circuito di Sonoma, California.
La7
22:35 Basket: Montepaschi Siena – Bennet Cantù, Supercoppa Italiana (differita).
Eurosport
23:15 Automobilismo: FIA World Touring Car Championship: Qualifiche in diretta dal circuito di Sonoma, California.
NOTTE
ESPN America
02.00 Football americano: Clemson Tigers at Florida State Seminoles.
outdoorblog

Davis: 2013, 1/o turno Italia-Croazia Azzurri giocheranno in casa dall'1 al 3 febbraio

Sarà la Crozia l'avversaria dell'Italia nel primo turno del 'World Group' di Coppa Davis 2013. Questo l'esito del sorteggio tenutosi a Londra. Gli azzurri giocheranno dall'uno al tre febbraio 2013 in casa. L'Italia lo scorso fine settimana ha conquistato la permanenza nel Gruppo Mondiale battendo per 4-1 il Cile a Napoli. "E' un sorteggio che ci lascia tante speranze - è il commento del ct azzurro Corrado Barazzutti -. Sono convinto che contro la Croazia sarà una sfida aperta, che possiamo vincere. Avremo il vantaggio di giocare in casa e possiamo contare su una squadra solida e competitiva, soprattutto sulla terra rossa. I ragazzi si faranno trovare pronti e faranno di tutto per superare il turno". Questo il tabellone completo (primo turno dall'1 al 3 febbraio 2013): Canada -Spagna Italia-Croazia Belgio-Serbia Usa-Brasile Francia-Israele Argentina-Germania Kazakhstan-Austria Svizzera-Repubblica Ceca 

ansa

Pedalata Reggio-Rapallo,omaggio Weylandt. Sabato in memoria belga che mori' in 3/a tappa Giro Italia 2011

Una pedalata in ricordo di Wouter Weylandt, il ciclista belga 26enne morto nel corso della terza tappa del Giro d'Italia 2011 da Reggio Emilia a Rapallo, il 9 maggio, nei pressi di Mezzanego (Genova). La pedalata ad adesione libera - si stima ad ora un centinaio di partecipanti - si snodera' per i 173 km della tappa e lungo il percorso sara' scoperta una stele nel luogo dove perse la vita Weylandt. La caduta fatale avvenne lungo la discesa del passo del Bocco.
ansa

Ecco le nuove veline di Striscia, Alessia e Giulia. Da lunedì sul bancone con la coppia Greggio-Hunziker

Sono la bruna Alessia Reato, 22 anni e la bionda Giulia Calcaterra, di 20, le due nuove veline di Striscia La Notizia. Elette questa sera dalla giuria composta da Ettore Mocchetti (Direttore di AD), Emanuela Rosa-Clot (Direttore di Gardenia, Bell'Europa e Bell'Italia), l'archistar Paolo Pejrone, Piera Detassis (Direttore di Ciak) e Umberto Brindani (Direttore di Oggi), Alessia e Giulia esordiranno già lunedì sul bancone di Striscia -in onda su Canale 5 alle 20.40- accanto alla collaudata coppia Ezio Greggio Michelle Hunziker. Alessia Reato, nata a L'Aquila, studia Scienze Politiche. Ha già avuto una piccola esperienza televisiva su Raidue a "Quelli che il calcio e".
La sua priorità è finire l'università, ma il sogno è diventare conduttrice Tv. Giulia Calcaterra, nata a Magenta (MI), vive in provincia di Novara. Frequenta il terzo anno di design d'interni all'Accademia di Belle Arti di Brera. Medaglia d'oro al volteggio e argento al corpo libero ai nazionali di Lignano Sabbiadoro; ai nazionali di Pesaro due argenti nel mini trampolino e nel volteggio. Lo scorso anno ha partecipato a "Miss Italia".
ansa

Basket sabato Supercoppa Siena-Cantu'. Evento legato a 'Uniti per l'Emilia', su Radio 105 asta maglie

Sabato prossimo a Rimini assegnato il primo trofeo stagionale del basket italiano: la Supercoppa tra Siena e Cantu'.'Ci sono tutte le condizioni per un buon spettacolo - dice Valentino Renzi, Presidente Lega - squadre importanti che hanno regalato ottimi giocatori alla Nazionale, il 105 Stadium un impianto moderno e tecnologico'. Partita legata a 'Uniti per l'Emilia': tutte le radio trasmetteranno il concerto e Radio 105 si colleghera' col palazzetto per l'asta delle maglie dei giocatori.

ansa

Champions: Milan, che fatica

 19 settembre 2012
Altro che carica da Champions League. E' una serata malinconica quella dell'esordio europeo del Milan. Nemmeno contro l'Anderlecht i rossoneri riescono a sfatare il tabù di San Siro: dopo due sconfitte in campionato questa volta si arrangiano con uno 0-0 che certo non basta ad Allegri per solidificare la propria posizione. Chissà se si accontenterà il presidente Silvio Berlusconi, che dopo la cena della vigilia con la figlia Barbara sembrava intenzionato a concedere credito all'allenatore fino al derby del 7 ottobre.
Mancano i vari Montolivo, Robinho e Pato, ma ora come ora il Milan non sembra in grado di decollare. Per la disperazione del pubblico (27.593 spettatori, numeri da coppa Italia) che si scalda solo all'intervallo quando sul megaschermo compaiono i gol di Ibrahimovic (fischiato) e Thiago Silva (applausi). Mentre il Psg dilaga, il Milan arranca, e non consola la sconfitta del prossimo avversario, lo Zenit San Pietroburgo a Malaga. Se riesce ad arrivarci, Allegri deve risolvere parecchi problemi.
Intanto non è bastato cambiare modulo. Scettico alla vigilia sull'idea di variare sistema senza poterlo allenare, il livornese lancia Pazzini come unica punta, con Emanuelson e Boateng (sempre più involuto) alle sue spalle, davanti a un centrocampo in cui viene rispolverato Flamini, al fianco di De Jong e Nocerino. Novità anche in difesa, dove Mexes fa il suo esordio stagionale e Allegri scommette sul giovane De Sciglio al posto di Abate. Solo l'ultima scommessa paga, perché De Sciglio è quello con le gambe più fresche e le idee più chiare. La squadra di Allegri non gioca come fosse la testa di serie del girone. Né l'Anderlecht è una squadra materasso: Van den Brom blinda Boateng con raddoppi costanti, e attacca scientificamente i punti deboli del Milan. Così, con disinvoltura, i belgi superano l'avversario per possesso di palla (54%) nel primo tempo. Il Milan non si è ancora scrollato di dosso le incertezze.
Ogni qual volta l'Anderlecht si affaccia in area sono brividi per Abbiati, che ringrazia Bonera e Mexes, quasi impeccabili nel contenere Mbokani. De Jong non azzecca un passaggio e questo rende inutili gli scatti di Pazzini, pericoloso solo quando è servito con i cross. Più intelligente è la partita di De Sciglio, che corre come un dannato sulla fascia destra, e da una sua idea nasce al 15' il primo pericolo del Milan, un colpo di tacco di Boateng smorzato da Wasilewski. A parte un salvataggio di fondoschiena del portiere belga Proto, il Milan a lungo è costretto a inseguire gli avversari, in particolare Antonini, in costante affanno. Il paradosso è che l'Anderlecht spinge e il Milan riparte in contropiede. Andrebbe bene anche così ad Allegri, se solo al 34' Emanuelson riuscisse a colpire bene il perfetto lancio di Nocerino. Biglia dà la sveglia al Milan quando al 6' della ripresa spara alto davanti ad Abbiati.
Da lì in poi i rossoneri soffrono meno, tengono di più il pallone ed entrano più spesso nell'area belga. Merito anche di El Shaarawy, che al 15' prende il posto di un fischiatissimo Boateng e si fa subito notare per un'incornata su cui è bravo Proto. Allegri deve sostituire Bonera (problema al piede sinistro) con Yepes e per gli ultimi 10' manda in campo Constant per Emanuelson. Non vuole prendersi rischi, il pubblico non gradisce. E tanto meno apprezza gli ultimi minuti senza colpi di scena, scatenandosi alla fine in fragorosi fischi.
ansa

Champions, spettacolo a Madrid

Real Madrid-Manchester City 3-2
Grande spettacolo a Madrid per la sfida di Champions tra Real e Manchester City.
Gli uomini di Mancini sono andati due volte in vantaggio e per due volte i padroni di casa hanno saputo reagire pareggiando.
Poi nel finale una perla di Cristiano Ronaldo ha regalato la vittoria ai Blancos di Mourinho.
ansa

Sport in tv: le dirette di oggi, mercoledì 19 settembre 2012. Cricket, Snooker e Champions League

DAYTIME MATTINA E POMERIGGIO
Eurosport 2
08.30 Biliardo: Snooker - Bank Of Communication Shanghai Masters. Giorno 3, in diretta da Shanghai, Cina. Il primo turno di sfide vede contrapposti Stephen Lee vs Marcus Campbell, Neil Robertson vs Chen Feilong, Stuart Bingham vs Tom Ford, Ricky Walden vs Steve Davis.
Eurosport
08.45 Biliardo: Snooker - Bank Of Communication Shanghai Masters. Giorno 3, in diretta da Shanghai, Cina. Il primo turno di sfide vede contrapposti Stephen Lee vs Marcus Campbell, Neil Robertson vs Chen Feilong, Stuart Bingham vs Tom Ford, Ricky Walden vs Steve Davis.
Eurosport 2
12.00 Cricket: Australia - Irlanda. Fase a gironi della Twenty World Cup, in diretta da Hambantota, Sri Lanka.
Eurosport
13.30 Biliardo: Snooker - Bank Of Communication Shanghai Masters. Giorno 3, in diretta da Shanghai, Cina. Il primo turno di sfide vede contrapposti John Higgins vs Jamie Jones, Judd Trump vs Barry Hawkins, Graeme Dott vs Jin Long, Martin Gould vs Day Ryan.
Rai Sport 2
14.10 Ciclismo: Campionato del Mondo ciclismo su strada, da Limburg, Olanda. Uomini Team Time Trial (cronometro a squadre maschile): Sittard/Geleen - Valkenburg.
Eurosport
14.30 Ciclismo: Campionato del Mondo ciclismo su strada, da Limburg, Olanda. Uomini Team Time Trial (cronometro a squadre maschile): Sittard/Geleen - Valkenburg.
SportItalia 1
15.00 Calcio: Fiorentina - Sampdoria, Primavera Tim 2012-2013.
Eurosport 2
16.00 Cricket: India - Afghanistan. Fase a gironi della Twenty World Cup, in diretta da Hambantota, Sri Lanka.
Di seguito il dettaglio dei match del turno di Champions League.
PRIMA SERATA
CHAMPIONS LEAGUE
SKY

Sky Sport 1 HD - Sky Calcio 1 HD
20.45 Chelsea-Juventus. Telecronaca Massimo Marianella, commento Massimo Mauro, a bordo campo Giovanni Guardalà.
Sky 3D (309)
20.45 Chelsea-Juventus. Telecronaca Maurizio Compagnoni, commento Luca Marchegiani.
Sky Sport 3 HD - Sky Calcio 2 HD
20.45 Barcellona-Spartak Mosca. Telecronaca Massimo Tecca.
Sky Calcio 3 HD
20.45 Manchester Utd-Galatasaray. Telecronaca Nicola Roggero.
Sky Sport Extra e Sky Calcio 4 HD
20.45 Bayern Monaco-Valencia. Telecronaca Riccardo Gentile.
Sky Calcio 5 HD
20.45 Celtic-Benfica. Telecronaca Roberto Prini.
Sky Calcio 6 HD
20.45 Shakhtar-Nordsjaelland. Telecronaca Dario Massara.
Sky Calcio 7 HD
20.45 Lille–Bate Borisov. Telecronaca Marco Frisoli.
Sky Calcio 8 HD
20.45 Braga-Cluj. Telecronaca Paolo Ciarravano.
MEDIASET
Canale 5 - Mediaset HD (506)
20.45 Chelsea-Juventus. Telecronaca Sandro Piccinini, commento tecnico Aldo Serena, a bordo campo Francesco Vecchi.
Premium Calcio/HD
20.45 Chelsea-Juventus. Telecronaca Fabrizio Ferrero, commento tecnico Andrea Agostinelli, telecronaca tifoso Claudio Zuliani, a bordo campo Gianni Balzarini.
Premium Calcio 1
20.45 Bayern Monaco-Valencia. Telecronaca Mino Taveri.
Premium Calcio 2
20.45 Barcellona-Spartak Mosca. Telecronaca Marco Piccari.
Premium Calcio 3
20.45 Manchester United-Galatasaray. Telecronaca Federico Vespa.
NOTTE
Premium Calcio 1
00.00 Schakhtar Donetsk-Nordsjaelland. Telecronaca Matteo Montagna (differita).
Premium Calcio 2
00.00 Celtic-Benfica. Telecronaca Andrea Solaini (differita).
Premium Calcio 3
00.00 Lille-Bate Borisov. Telecronaca Michele Corti (differita).
Premium Calcio 4
00.00 Sporting Braga-Cluj. Telecronaca Niccolò Ceccarini (differita).
ESPN America
01.00 Baseball: Oakland Athletics at Detroit Tigers.
04.00 Baseball: Texas Rangers at LA Angels.

outdoorblog.it/