#NapoliSassuolo aggiornamenti in tempo reale

SASSUOLO-TORINO: domenica alle ore 19 stop agli Accrediti Stampa


L'Unione Sportiva Sassuolo Calcio comunica che le richieste di accredito per gli operatori della comunicazione in merito alla partita di Seria A TIM Sassuolo-Torino, in programma Mercoledì 20 Gennaio 2016 alle ore 20,45 presso il Mapei Stadium di Reggio Emilia, vanno inoltrate ESCLUSIVAMENTE via e-mail all'indirizzo ufficiostampa@sassuolocalcio.it entro e non oltre le ore 19 di Domenica 17 Gennaio.
Il Sassuolo Calcio prenderà in considerazione le varie richieste in base alla disponibilità dei posti in Tribuna Stampa e si riserva fin d'ora la possibilità di non accettare eventuali richieste che dovessero pervenire oltre il termine stabilito.
Tutte le richieste dovranno pervenire su carta intestata e firmata dal direttore della testata di riferimento e dovranno riportare i dati anagrafici (nome, cognome, data e luogo di nascita) e il numero di tesserino dell'Ordine Professionale del giornalista, fotografo, o tecnico che richiede l'accredito.
Nella giornata di Lunedì 18 Gennaio la società U.S. Sassuolo Calcio provvederà ad inviare la CONFERMA D'ACCREDITO al recapito e-mail indicato dal richiedente. Qualora l'accredito non fosse accettato per esaurimento dei posti disponibili, la società U.S. Sassuolo Calcio comunicherà la "Richiesta Respinta".
sassuolocalcio.it

Napoli-Sassuolo: Curve superiori già esaurite, sale la febbre per la capolista

La prevendita di Napoli-Sassuolo prima gara casalinga per gli azzurri da primi in classifica continua a gonfie vele tanto che i tagliandi delle Curve Superiori sono già terminati, ma restano quelli per l’anello inferiore, così come sono disponibili i tagliandi per tutti gli altri settori, che comunque nei prossimi giorni grazie anche ai prezzi contenuti potrebbero terminare. Questi i prezzi dei biglietti:

Tribuna Onore Euro 60
Tribuna Posillipo Euro 50
Tribuna Nisida Euro 40
Distinti Euro 25
Tribuna Family Euro 10
Curve Euro 14
Ridotto Tribuna Family: Euro 5

Redazione NapoliSoccer.net

Palermo: caos nonostante la vittoria

"Quel che è successo oggi ha dell'incredibile: in 36 anni non mi era mai capitata una cosa simile. La squadra ha giocato da sola, e vinto, senza aver preparato al meglio la partita". Il portiere del Palermo Stefano Sorrentino attacca così, a Sky, il tecnico Davide Ballardini dopo la vittoria odierna a Verona. "Non so se verrà esonerato - precisa il capitano - Ma sicuramente chi verrà dopo potrà contare su degli uomini veri: non permetto a nessuno di mettere in dubbio la nostra integrità morale".
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Pallavolo: 3-2 a Turchia, Italia ancora chance Rio

Vincere per giocarsi ancora un'altra chance di volare a Rio. Le azzurre della pallavolo chiamate all'impresa contro la Turchia non hanno fallito: nel torneo di qualificazione di Ankara battono al tie-break le padrone di casa e conquistano così la possibilità di giocarsi in Giappone il prossimo maggio l'ultima occasione per qualificarsi ai Giochi olimpici. Il torneo intercontinentale in programma nel paese asiatico mette in palio gli ultimi tre pass per Rio 2016. La nazionale di Marco Bonitta non si è fatta intimorire dal pubblico, che ha naturalmente fatto il tifo per le proprie beniamine e con la giusta serenità in campo ha tirato fuori il meglio di sé nelle fasi decisive del match fino al 3-2 finale. E' servito ancora il quinto set alle azzurre, come già accaduto con Belgio e Polonia, confermando di saper tenere i nervi saldi nei finali così difficili sul piano emotivo. Un successo di gruppo ma che arriva anche dalle individualità: la capitana Del Core capace di sobbarcarsi il peso della ricezione per tutto il match per emergere anche in attacco nel quinto set decisivo; la regolarità di Martina Guiggi preziosa in attacco e a muro, brava al servizio, forse quella che ha meritato il voto più alto complessivo nei cinque giorni di partite. Ma in questa nazionale anche due diciassettenni con sole 12 gare di A1 alle spalle: Paola Egonu ed Alessia Orro, che si sono tolte la grandissima soddisfazione di chiudere i tre set vinti. L'attaccante il primo (con una schiacciata) ed il terzo (con un ace), l'alzatrice il tiebreak con un muro che ha soffocato in gola l'esultanza delle turche. Bonitta ha rilanciato in partenza Chirichella al posto della Danesi, confermando il sestetto divenuto titolare strada facendo, quello composto da Orro in regia, Diouf opposto, Chirichella e Guiggi al centro, Ogonu e Del Core di banda, sansonna libero. Ma nel corso della gara c'è stato più o meno spazio per tutte. L'Italia è partita bene, ha subito il ritorno turco, ma ha chiuso con personalità il primo 25-23. Nel secondo tanta Turchia e gara che ritorna in equilibrio, nel terzo ancora le padrone di casa avanti anche 19-16, ma a decidere è il gran finale italiano. Quarto turco e tie-break davvero palpitante. Con la squadra di casa subito avanti 4-1, poi raggiunta sul 5-5. Italia in vantaggio per la prima volta 10-9 poi l'allungo decisivo sul 14-12 e il gran muro finale di Orro sul secondo match-point. Un punto che non chiude la porta delle Olimpiadi: anzi, regala una seconda e decisiva occasione per volare ai Giochi di Rio. Il Brasile non è lontano, e il sogno olimpico continua.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Basket, Serie A, 15ª giornata: Reggio Emilia piega Bologna: è campione d’inverno

A Bologna la Grissin Bon ferma la corsa dei bianconeri con una grande prova di Lavrinovic (17 punti in 6 minuti) e Veeremenko. Per l’ultimo posto delle Final Eight di Coppa Italia, a Brindisi basterà battere Cremona, ma è senza Banks

Dopo l'anticipo del sabato che ha visto Milano travolgere Sassari e andare per una notte solitaria in vetta, fra oggi e domani si completa la 15ª giornata di Serie A, l'ultima del girone di andata.
BOLOGNA-REGGIO EMILIA 67-77 — Settima vittoria nelle ultime otto per Reggio Emilia che conquista il titolo di campione d’inverno passando d’autorità 67-77 sul campo della Virtus Bologna. Un vittoria non banale perché alla Unipol Arena i bianconeri erano reduci da quattro successi in fila, ma la superiorità degli ospiti è stata evidente nella ripresa. Lavrinovic (17 punti in 16 minuti con 8/9) ha tenuto un clinic offensivo, Veeremenko nel terzo quarto ha dato le spallate che hanno fiaccato la resistenza bolognese e De Nicolao (6 assist) è stato un regista sempre lucido e preciso. La Virtus si è aggrappata a un grande Pittman (24 punti e 8 rimbalzi), ma la prova negativa degli altri americani (Fells 1/6 e 3 perse) e le basse percentuali degli esterni l’hanno condannata.
CONTATTI — I padroni di casa in avvio riescono ad arrivare facilmente vicino a canestro, rifornendo Pittman che non trova opposizione e spinge l’allungo sul 13-8. L’ingresso di Lavrinovic cambia gli scenari, la Reggio svogliata dei primi minuti ha una scossa che le permette di rimanere in scia al primo intervallo (22-19), capitalizzando dalla lunetta le situazioni di bonus, e di cambiare marcia all’incontro nel secondo quarto. La squadra di Menetti alza la difesa e il livello fisico della partita. I contatti si moltiplicano e gli ospiti sorpassano con gli squilli di Polonara (28-34), mentre la Virtus ha poco dagli esterni ed è aggrappata ai 13 punti di Pittman all’intervallo (34-36).
REGGIO DILAGA — Il copione non cambia nella ripresa, Bologna si aggrappa al suo totem e ha qualche acuto da Vitali, ma gli altri piccoli non si iscrivono alla partita mentre Veeremenko diventa un fattore per Reggio vicino a canestro sotto la regia perfetta di De Nicolao. I suoi 8 punti si rivelano un lavoro ai fianchi della difesa virtussina che dà i suoi frutti nel finale del terzo quarto quando Lavrinovic torna a farsi sentire nel 9-0 che lancia la fuga (47-60). Bologna alza bandiera bianca, non ha la forza per cercare la rimonta e Reggio può dilagare fino al +22 (50-72) prima di festeggiare il titolo d’inverno. (Luca Aquino)
Bologna: Pittman 24, Gaddy e Vitali 13. Reggio Emilia: Lavrinovic 17, Della Valle 10, Polonara, Aradori e Gentile 9.
trento-caserta (ore 18.15) In casa trentina migliorano le condizioni del pollice sinistro di Sutton: l’ala americana dovrebbe essere della partita dopo il riposo precauzionale di lunedì scorso a Venezia. Caserta dovrà fare a meno di Peyton Siva, fermato per affaticamento muscolare, al suo posto giocherà Ogo Adegboye (alla sua ultima partita in Italia), ingaggiato per un mese. Arbitri: Seghetti, Paglialunga, Ranaudo.
brindisi-cremona (ore 18.15)Brindisi senza Banks per l’infortunio alla mano sinistra a Caserta e la ferita al braccio in allenamento. Cremona recupera Southerland, non Gaspardo (problema muscolare). Dubbio Cusin (influenza): non è partito, se sta meglio raggiungerà i compagni in mattinata. Mercato caldo per sostituire proprio Southerland: si punta sul serbo Dragovic. Arbitri: Mazzoni, Di Francesco, Attard.
pistoia-capo d'orlandO (ORE 18.15)Nelle file di Pistoia l’infortunio alla caviglia subito da Czyz non è ancora stato assorbito, ma sarà ovviamente a disposizione. In netto progresso la condizione di Knowles che nell’ultimo mese e mezzo ha avuto qualche difficoltà. Capo d’Orlando: assente Nicevic e Jasatis non al meglio nella gara che vede l’esordio di Di Carlo alla guida della squadra. Arbitri: Lanzarini, Weidmann, Morelli.
varese-cantù (ORE 18.15)Varese si è allenata con intensità e il primo dell’anno gli ultras hanno incontrato la squadra per un faccia a faccia. Mercato: si pensa a Gaines, ex di Avellino ma anche di Cantù, che punta a Ukic, lasciatosi male con Varese. La trasferta è vietata ai tifosi ospiti per motivi di ordine pubblico. Acqua Vitasnella al completo con la solita scelta dei 5 stranieri da schierare. Arbitri: Paternicò, Baldini, Caiazza.
avellino-venezia (ORE 18.15) Umana ad Avellino con il pass per la Final Eight già in tasca, ma con l’intenzione di interrompere la striscia di 4 sconfitte consecutive in trasferta in campionato. Squadra al completo, così come la Sidigas che ha recuperato Acker che in questi giorni si era fermato per un’infiammazione al ginocchio. Per Blums tempi di recupero sui 3 mesi. Arbitri: Taurino, Lo Guzzo, Borgioni.
PESARO-TORINO — Si gioca domani in posticipo alle 20.45.
 Gasport 

Obiettivo Lavoro Bologna - Grissin Bon Reggio Emilia 67-77

La Grissin Bon Reggio Emilia vince a Bologna è chiude il girone di Andata in testa al campionato di Basket serie A 2015-16.