9° giornata di Serie A, tra il Milan di Allegri e la Juventus di Delneri, è una sfida certamente "classica", di grandissimo richiamo mediatico, non solo nazionale, ma perfino mondiale

Non è considerato il "Derby d'Italia", definizione riservata all'incontro con l'Inter, ma l'anticipo di questa sera, alle ore 20.45, alla "Scala del Calcio", in occasione della 9° giornata di Serie A, tra il Milan di Allegri e la Juventus di Delneri, è una sfida certamente "classica", di grandissimo richiamo mediatico, non solo nazionale, ma perfino mondiale.

I rossoneri sentono la responsabilità di giocarsi, in appena 3 giorni, "molto" del loro prestigio e della loro stagione, prima, affrontando gli eterni rivali bianconeri con la possibilità di avvicinarsi ulteriormente alla capolista Lazio e, poi, Mercoledì sera, nel 'ritorno' contro il Real Madrid, con l'occasione di fare un importante "passo" verso gli ' ottavi' di Champions League.

I bianconeri, invece, in caso di vittoria, potrebbero trovare nuovo entusiasmo per recuperare il terreno perduto in Campionato e, soprattutto, per tentare la rimonta nel girone di Europa League che, Giovedì sera, li vedrà opposti al Salisburgo.

Ma la gara fra il “Diavolo” e la “Vecchia Signora” rappresenta anche la sfida fra 2 allenatori (Allegri e Delneri) con cui la critica non è mai stata "dolce", additandoli come 2 nocchieri a cui è stata affidata una barca troppo impegnativa per le loro capacità. In bocca alla balena!

In casa del Milan: torna disponibile Ambrosini, anche se solo per la panchina; invece e si ferma Ronaldinho per un "guaio" muscolare (o "diplomatico"?). In difesa, Oddo, dopo la bella prova di Lunedì, dovrebbe essere confermato terzino destro, mentre al fianco di Nesta dovrebbe tornare Thiago Silva. A centrocampo, ballottaggio fra Seedorf e Boateng; in attacco, confermato Robinho.

Nella formazione della Juve: sarà sicuramente assente Iaquinta e anche Amauri è in forte "dubbio". La difesa sarà basata, come al solito, sulla coppia Bonucci-Chiellini. A centrocampo, l'uomo "migliore", Krasic, squalificato, lascerà il posto al rientrante Martinez. In attacco, sarà la volta della coppia, quasi inedita, Quagliarella-Del Piero.

Per la statistica: sono 91 i "precedenti" fra Milan e Juventus, giocati a San Siro; sono in vantaggio i padroni di casa con 31 vittorie, 37 pareggi e 23 sconfitte; 131 le reti segnate dai rossoneri e "solo" 104 quelle realizzate dai bianconeri.

Arbitro della gara sarà Gianluca Rocchi; il fischietto toscano ha diretto 14 volte i rossoneri i quali hanno ottenuto uno score di 6 vittorie, 1 pareggio e 7 sconfitte; 15 invece gli "incroci" con i bianconeri che hanno totalizzato un saldo di 9 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte.

Probabile formazione Milan (4-3-3): Abbiati; Oddo, Thiago Silva, Nesta, Antonini; Boateng, Pirlo, Gattuso; Robinho, Pato e Ibrahimovic.

Probabile formazione Juventus (4-4-2): Storari; Motta, Bonucci, Chiellini, De Ceglie; Martinez, Felipe Melo, Aquilani, Marchisio; Del Piero e Quagliarella.

La partita in tv: diretta, alle ore 20.45, su Sky Sport 1, Sky Calcio 1, Premium Calcio.
fonte: milanoweb
-

Alonso trionfa al Gp di Corea: Ferrari in testa al mondiale

Roma, 25 ott. (Apcom) - Grazie al ritiro delle Red Bull di Mark Webber e Sebastian Vettel, messe fuori causa da un incidente e da un guasto, lo spagnolo Fernando Alonso su Ferrari ha vinto la prima edizione del Gran Premio di Corea del Sud prendendo il comando del Mondiale piloti di Formula 1 con due gare rimaste in calendario. Al termine di una gara viziata da una lunga sospensione per le condizioni impossibili del tracciato, allagato in più parti dalla pioggia, Alonso ha trionfato vedendo uscire di scena prima l'australiano Webber, arrivato a Yeongam per difendere il primato in classifica e finito contro un muro per un banale errore, e poi Vettel, tradito dalla sua monoposto a nove giri dalla fine. Con Alonso sono saliti sul podio il britannico Lewis Hamilton (McLaren) ed il ferrarista brasiliano Felipe Massa. Il presidente della Ferrari, Luca di Montezemolo, si è complimentato telefonicamente con il team principal Stefano Domenicali per la vittoria di Fernando Alonso nel Gran Premio di Corea del Sud raccomandando alla scuderia di Maranello di "rimanere con i piedi per terra". "Quello che mi fa più piacere è che abbiamo dimostrato che con la determinazione, l'impegno, l'umiltà e la voglia di vincere si riesce ad uscire dalle situazioni più difficili. Siamo una squadra che non molla mai e lo ha fatto vedere ancora una volta", ha detto il presidente della Ferrari. "Ora però dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Il campionato rimane apertissimo e sappiamo di avere di fronte degli avversari molto forti. Dovremo affrontare le ultime due gare con ancora più concentrazione ed attenzione a ogni minimo dettaglio".

Il pallone italiano in Europa è messo male

Roma, 25 ott. (Apcom) - Secondo Fabio Capello, "il calcio italiano, a livello europeo, è messo male". Interpellato questa mattina nel corso della trasmissione Radio Anch'io lo Sport, il commissario tecnico dell'Inghilterra ha commentato così gli ultimi, deludenti risultati delle squadre italiane nelle coppe europee (in 7 incontri giocati la scorsa settimana solo una vittoria, quella dell'Inter contro il Tottenham in Champions League, ndr.). "Abbiamo dominato per anni, ora in Europa il calcio tecnico e fisico ha la meglio sul calcio italiano tecnico-delizioso", ha spiegato Capello. "L'Inter, che ha vinto l'ultima Champions perché aveva tanti stranieri forti fisicamente e validi tecnicamente. I piedi buoni, che vanno protetti, da soli non bastano. E poi probabilmente ci sentiamo anche appagati in casa nostra senza vedere quello che succede fuori: i tecnici e i responsabili del settore giovanile, dovrebbero viaggiare per capire". Impossibile poi non intervenire sui tanti 'vizietti' del calcio italiano. "Il fallo tattico probabilmente è nato in Italia e viene usato ormai in tutto il mondo", ha detto Capello. "Se uno si butta per terra e simula, sa che verrà premiato dall'arbitro. La nuova strada intrapresa dal settore arbitrale è giusta, ma non si cambia uno stile di gioco in tre mesi. E parliamo di uno stile che non ha prodotto risultati e che va cambiato".

In vetta con gli shorts Il 2010 è stato un anno decisivo per Caroline Wozniacki: vince perché è brava, piace perché ha un look sensuale: Caroline Wozniacki, il mondo è pazzo delle sue gambe

A soli vent'anni ha vinto 12 tornei Wta nella sua carriera ed è in vetta alle classifiche mondiali. Caroline Wozniacki è la nuova regina del tennis: dopo la pubblicazione del ranking dalla Wta, occupa il posto di Serena Williams. «Sono felicissima - ha dichiarato la campionessa - ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicini e mi hanno aiutato a raggiungere questo risultato». Nell'ambiente tennistico di lei si parla non solo per l'innegabile bravura, ma anche per il suo look sexy. I suoi short cortissimi al posto del classico gonnellino hanno fatto crescere il numero dei suoi fans. Reduce dalla vittoria dell'11 ottobre 2010 al Torneo di Pechino Caroline Wozniacki sta chiudendo la miglior stagione della sua carriera. Non è ancora arrivato un titolo dello Slam, ma la ragazza nata in Danimarca da genitori polacchi ha raggiunto la vetta della classifica mondiale grazie all'accesso nei quarti di finale del Wta di Pechino, torneo che poi ha vinto, e all'infortunio al piede di Serena Williams che ha fermato la statunitense dopo il vittorioso Wimbledon.

Caroline è nata l'11 luglio 1990 a Odense, Danimarca, la città dello scrittore di favole Hans Christian Andersen. La sua è una famiglia di sportivi: il padre Piotr è stato calciatore professionista in Polonia, la madre Anna Stefaniak ha giocato nella nazionale di pallavolo femminile polacca, il fratello maggiore Patrik ha seguito le orme di papà Piotr diventando un calciatore in Danimarca dove i genitori si sono trasferiti negli anni Ottanta. Caroline ha scelto il tennis e nel 2005 a soli 15 anni ha esordito nel circuito Wta perdendo al 1° turno a Cincinnati contro Patty Schnyder. Da allora la Wozniacki ha riscritto la storia del tennis danese: è stata la prima a vincere un torneo Wta nel 2008 a Stoccolma, la prima a raggiungere una finale dello Slam nel 2009 agli US Open, la prima a diventare la numero uno del mondo, entrando a far parte del club che con lei è composto da 20 tenniste che hanno raggiunto la vetta del tennis femminile da quando esiste la classifica del computer, cioè dal 1975. (Libero News)

Palermo: Delio Rossi esalta Pastore, 'E' un talento, ma guai ad andare via di testa'

Quinto posto, qualche talento che brilla in campo e la pazienza di costruire una squadra che alla lunga puo' 'assestarsi dietro alle grandi'. Ne e' convinto il tecnico del Palermo, Delio Rossi, che spende qualche parola per esaltare Pastore: il giovane argentino 'ruba la scena perche' e' un talento, sta a me, pero', razionalizzarlo. E' un ragazzo che pesa le considerazioni che fanno all'esterno, perche' altrimenti c'e' il rischio di andar via di testa'. (ansa)

Real-Milan non è sfida con Mourinho

'E' importante far punti, altrimenti rischiamo di arrivare alle ultime due partite con l'acqua alla gola': queste le parole di Massimiliano Allegri alla vigilia della partita di Champions contro il Real Madrid. 'Non e' una sfida con Mourinho, sono i giocatori quelli che scendono in campo', precisa il tecnico del Milan. Allegri sembra orientato a confermare il 4-3-2-1, con Ronaldinho trequartista. Qualche dubbio riguarda la condizione di Thiago Silva, mentre Abbiati sembra recuperato.
ansa

Divorzio in vista Rooney-United

Divorzio in vista tra Wayne Rooney e il Manchester Utd dopo che l'attaccante inglese, relegato in panchina nella gara contro il West Bromwich, ha fatto sapere di non avere intenzione di prolungare il contratto con i Red Devils che scade nel 2012. Scandali sessuali e decadimento di forma sarebbero all'origine dei rapporti ormai tesi tra il giocatore e Sir Alex Ferguson, e a questo punto non si esclude una cessione gia' nel prossimo gennaio. Destinazioni ipotizzabili Manchester City o Real Madrid. (ansa)

A Belfast con Emiliano Viviano tra i pali e Marco Borriello al centro dell'attacco. Il ct azzurro Cesare Prandelli ha scelto l'undici che stasera affronterà in trasferta l'Irlanda del Nord per la terza giornata delle qualificazioni ai prossimi Europei del 2012

A Belfast con Emiliano Viviano tra i pali e Marco Borriello al centro dell'attacco. Il ct azzurro Cesare Prandelli ha scelto l'undici che domani sera affronterà in trasferta l'Irlanda del Nord per la terza giornata delle qualificazioni ai prossimi Europei del 2012 in Polonia e Ucraina. A centrocampo spazio anche per Stefano Mauri, uno degli uomini più in forma del campionato di serie A. Nel 4-3-3 scelto da Prandelli, oltra a Viviano in porta, la linea difensiva sarà composta da Mattia Cassani e Domenico Criscito sugli esterni, Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini al centro; il trio di centrocampo sarà formato da Daniele De Rossi, Andrea Pirlo e, per l'appunto, Mauri. In attacco Simone Pepe e Antonio Cassano agiranno ai lati di Borriello. L'attaccante della Roma "sta bene - spiega Prandelli in conferenza - come anche Giampaolo Pazzini. Ma per la gara di domani penso che Borriello possa essere l'attaccante giusto, e non solo come punto di riferimento davanti". La decisione di schierare Viviano è stata invece "una scelta difficile. In questo ruolo sono tanti quelli che stanno facendo bene, ma ho la sensazione che Viviano, per personalità e partecipazione, ora abbia qualcosa più degli altri".

apcom

La tentazione del numero 2: Quasi quasi mi candido

Tra Sepp Blatter e il quarto mandato alla presidenza della Fifa si alza un nuovo ostacolo asiatico. O meglio, si potrebbe alzare. Il vicepresidente della Fifa, il sudcoreano Chung Mong-Joon, ha fatto sapere di meditare una candidatura alle elezioni in programma nel maggio del prossimo anno segnalando tuttavia di essere indeciso sul da farsi. Dopo l'improvviso ripensamento del presidente della confederazione asiatica, Mohamed bin Hammam, Blatter si era ritrovato nella comoda posizione di unico candidato alla carica di massimo dirigente del pianeta calcio. Oggi, invece, la sorpresa. "Per tenere in salute una grande organizzazione come la Fifa occorre una sana competizione", ha detto il 58enne Chung preannunciando la sua possibile candidatura. L'intenzione è concreta? Chung fa capire di essere incerto e manda messaggi: "Prima non ci pensavo seriamente, ma ora ci voglio riflettere. E' ancora presto", ha detto, "per dire che a maggio non ci saranno sfidanti". Blatter, 74 anni, è presidente della Fifa dal 1998. Nel 2007 ottenne la riconferma senza candidati antagonisti.

C'e' l'ombra di Marcello Lippi dietro Claudio Ranieri?

Allo sfogo, sia pure mai esplicito, di qualche giorno fa, dell'allenatore romano, risponde indirettamente l'ex presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli. ''Io penso di si' - ha spiegato ai microfoni di Sky riferendosi al periodo juventino - Blanc aveva proposto a Lippi di venire a fare l'allenatore della Juventus prima di ingaggiare Ranieri. E Lippi decise di non venire perche' voleva stare ancora fuori dall'ambiente calcistico per aspettare la sentenza del processo che riguardava suo figlio. E quindi il Pensiero di Lippi era un pensiero oggettivo. Che poi ci fosse anche un altro retro-pensiero che poteva vedere Lippi, alla fine del proprio impegno azzurro, di nuovo occuparsi della Juventus con qualche ruolo importante, questo lo suppongo''. Il tecnico romano si riferiva sia ai tempi del suo esonero, nella primavera 2009, sia alle voci delle ultime settimane, che lo vorrebbero a rischio di panchina. Sul primo frangente, Cobolli aggiunge: ''Credo che Ranieri abbia fatto un ottimo lavoro alla Juventus. E che nelle ultime settimane in cui e' andato via, avesse percepito che da parte delle proprieta' non c'era piu' il cento per cento di fiducia e che pensasse, come spesso capita, che ci fosse dietro di lui l'ombra di Lippi''. Cobolli si pronuncia anche sul famoso ''pranzo di Recco'', in cui Jean Claude Blanc incontro' Lippi. ''A posteriori si puo' dire che fu una piccola imprudenza. Si poteva cercare un ambiente piu' riservato. Fu una superficialita', dovuta anche alla non conoscenza dell'attenzione che gli italiani danno a queste cose. Ranieri poi ando' avanti, fece ottime cose, ma quando ci trovammo con la Juventus che stava gradualmente scivolando, con la sensazione che i calciatori cominciassero a non ascoltare piu' Ranieri, prendemmo la decisione di sostituire il tecnico. Lui ci rimase male, ma io devo ringraziarlo per tutto quello che ha fatto''.

ansa

Trapattoni: guida la nazionale del Vaticano!

Sfiderà la squadra della Guardia di Finanza con Donadoni in panchina. Il 23 ottobre il ct dell'Irlanda allenerà i migliori giocatori della Clericus Cup.

L'idea di creare la nazionale del Vaticano venne al cardinale Bertone, tifoso juventino, quando era arcivescovo di Genova, con la convinzione che attraverso il calcio sia possibile continuare l'opera di evangelizzazione e far circolare tra i giovani i valori della Chiesa.

Un sogno forse destinato a diventare realtà. Si stanno mettendo i mattoni, anche se nessuno si sbilancia.

(La Gazzetta dello Sport)

Del Piero come Buddha

di Giorgio De Simone

Domenica a Napoli, Totti si stava già avviando verso la panchina, rassegnato ad andar fuori. Ma imprevedibilmente (?!) Ranieri lo lasciava in campo facendo uscire Borriello, ovvero il bomber che non aveva incantato ma si sentiva (dichiarazioni sue) «il gol in canna». A Milano, domenica sera, nella partita di gala contro l’Inter, Del Piero entrava in campo per accomodarsi, sereno come un Budda, nella buca dei panchinari. Sereno sì, il capitano della Juve, e anche allegro. Il contrario del capitano della Roma, ormai incapace di sorridere. Otto giorni prima, nella partita all’Olimpico contro l’Inter, Ranieri lo aveva sostituito a pochi minuti dalla fine, lui si era infilato negli spogliatoi più nero di un furioso Giove e da lì era poi corso a casa a smaltire l’affronto. Discussioni, chiarimenti ci saranno stati in settimana e il risultato eccolo lì: contro il Napoli, Totti non gioca bene, ma Ranieri lo lascia in campo. A quel punto (certo non esclusivamente per questa mossa) perde la partita quando la volta prima, sostituendo il capitano con Vucinic, proprio con Vucinic l’aveva vinta. I rapporti tra Ranieri e Totti saranno anche buoni, ma è un fatto che il Pupone le sostituzioni non le prende bene. E spiegherà pure il tecnico che a questo punto della carriera, misurando le energie, distribuendo le forze, Francesco sarà sempre lui. Niente da fare. Al contrario, sul versante bianconero, Del Piero se ne sta fuori con il sorriso di chi alla scuola di mister Capello, quando stava più in panca che in campo, la lezione l’ha imparata bene. Così bene che oggi i conti il giocatore li sa fare con la sua storia, la sua carriera, il suo portafoglio fino a farsi dire da tutt’e tre (storia, carriera e portafoglio) che sono conti giusti. Nato a Conegliano Veneto ma torinese d’adozione, Alex Del Piero conosce l’accortezza, la prudenza, la pazienza piemontesi.

Nemmeno a lui fa piacere non entrare in campo, meno piacere ancora gli fa uscire ma, ragionandoci, ha capito che è giusto così.

Questo in un mondo dove nessuno accetta di star fuori, domenica Cassano è uscito che sembrava un orso bruno e l’interista Muntari, quando ha saputo che non avrebbe giocato, ha rifiutato la tribuna. Francesco e Alex, i due grandi capitani oggi a passeggio sul Sunset Boulevard, hanno avuto e hanno una vita fatta di pallone come il pane è fatto di farina. Appassionata vita per l’uno, ragionata per l’altro. Totti è stato e resta (dopo il leggendario capitano Giacomo Losi)

er core de Roma e per lui il sentimento fa premio su tutto. Per Del Piero è invece la ragione da preferirsi a tutto. Uno va dove lo porta il cuore, l’altro dove la ragione ha detto al cuore di tacere.

avvenire.it

Mourinho “normal one” «Il mio credo speciale»

Il vero Josè Mourinho si è “confessato” a Fogli, l’inserto di “Studi Cattolici” e per gentile concessione pubblichiamo questa intervista. Un Mourinho molto umile e pacato.

Il vero “Special One” fa il modesto dopo i tre “tituli” - Coppa Italia, Scudetto e Champions League - del Grande Slam interista?
«Non sono modesto, sono credente».

Credente o superstizioso?
«Qualcuno mi aveva visto stringere un crocifisso durante una partita. Almeno una volta all’anno vado in pellegrinaggio a Fatima. Il crocifisso che porto con me è un regalo di mia moglie».

A proposito di crocifisso, che cos’era successo con il Sindaco di Reggio Calabria?
«Mi aveva accusato di avere dato una moneta a un bambino disabile per umiliarlo. Invece a quel bambino avevo donato il mio crocifisso. Mia moglie l’aveva comprato a Fatima e lo tenevo in tasca da tre-quattro anni».

Riesce a essere criticato anche quando fa un gesto affettuoso.
«Si vede che sono sfortunato...».

Come sconfigge la sfortuna?
«Con la preghiera».

Prega molto?
«Sono cresciuto in una famiglia religiosa».

Chi Le ha insegnato a pregare?
«Mia madre. E ricordo ancora certe preghiere che mi faceva dire la sera».

Ha un santo di riferimento?
«La Madonna di Fatima».

Con chi è andato la prima volta al Santuario di Fatima?
«Con mia madre. E da allora il 13 maggio è una ricorrenza molto importante per me e per la mia famiglia».

Sua madre la portava a Fatima mentre Suo padre Félix, ex portiere portoghese, sui campi di calcio.
«Mio padre viveva per il calcio. Io gli devo tutto».

Oltre agli schemi tattici in campo le ha dato dei suggerimenti anche per la vita?
«Onestà e lealtà verso il prossimo».

Che valori ha trasmesso ai suoi figli?
«Gli stessi».

Compreso l’insegnamento cattolico?
«Se n’è occupata soprattutto mia moglie».

Un papà forse un po’ assente?
«Quando posso, vado a prendere i miei figli a scuola e sto con loro. Mi ripaga delle volte che manco, per lavoro, alle feste importanti come i loro compleanni».

Sua moglie la segue sempre?
«Una vera famiglia deve essere unita. Ovunque».

Com’è Mourinho in famiglia?
«Normale. È una famiglia fantastica la mia. Siamo molto felici. Mia moglie e i miei figli sono molto importanti nella mia vita».

Sua moglie non compare nelle foto dei giornali.
«Non ama la mondanità, le piace stare tranquilla. Ha rinunciato alla sua carriera per starmi vicino».

Quando torna a casa dopo le partite parla di calcio?
«Che vinca o perda, è impossibile che sia una persona diversa quando torno a casa».

Chi è il mister in casa Mourinho?
«Mia moglie. Lei è fondamentale nella mia vita. I miei figli Matilde jr e José jr dicono, scherzando, che a casa non ho autorità. Matilde è il miglior allenatore del mondo. Mia moglie e i miei figli hanno la priorità su tutto. Non ci sono ambizioni che reggano».

È attaccato alla sua terra?
«Setùbal è il posto dove ritrovo le mie radici».

E ogni estate vi torna per insegnare calcio ai bambini poveri.
«Ho ricevuto tanto dalla vita e voglio regalare qualcosa a chi è meno fortunato».

Chi l’ha deciso?
«Matilde e io. Ma prima lei. Sono bambini sfortunati che noi siamo felici di aiutare».

A chi chiede aiuto quando una partita si mette male?
«In campo bastano i giocatori».

Ma lei è “The Special One”.
«Non voglio peccare di superbia».

Lo fa ogni volta che dice di essere il miglior allenatore del mondo.
«Ma è la verità».

Com’è un allenatore cattolico nei ritiri e in campo?
«Serio. Nel lavoro e nella vita. A volte l’esclusione dalla formazione serve come insegnamento».

Quale insegnamento?
«Che la vita è una faccenda seria. E va affrontata seriamente».

Per la serie: “Dio perdona, Mourinho no”?
«Solo dopo il ravvedimento».

Il Suo secondo nome è Mario, proprio come qualcuno che dovrebbe ravvedersi (leggasi Balotelli)?
«Io non faccio nomi».

Ci pensano i giornali.
«I giornali non sono la Bibbia».

Dalla Bibbia al Corano, che cos’era successo con Muntari?
«Niente di speciale».

L’aveva sostituito perché digiunava durante il Ramadan e in campo non rendeva.
«Quando un giocatore non è in forma viene sostituito. Senza problemi».

Ha avuto problemi come allenatore cattolico in Inghilterra?
«Ci mancherebbe. Non ascolto le critiche sul mio lavoro, figurarsi sul mio credo religioso».

Ha chiesto aiuto alla fede nei momenti difficili?
«Non solo in quelli difficili. E non mi ha mai deluso.

Sono invece molto delusi i tifosi interisti per come si è comportato andando via.
«Ho fatto quello che si aspettavano da me: vincere».

Adesso c’è la panchina del Real Madrid.
«Sarò ancora il migliore».

A Madrid si aspettano che ripeta il “miracolo” di Milano.
«Se le cose cominciano bene finiscono bene».

Che cos’ha provato mentre alzava per la seconda volta la “Coppa con le orecchie”?
«La voglia di alzarla per la terza volta. Tre Champions con tre squadre diverse: l’unico»

Sono state uniche anche le reazioni dopo la finale.
«Si sapeva che era la mia ultima partita con l’Inter».

L’Italia non l’ha mai amata
«Non mi hanno perdonato di avere dato autorevolezza all’Inter, che in termini mediatici è dietro il Milan e per il tifo viene dopo la Juventus».
Il giorno più bello di quest’anno “special”?
«La promozione di mia figlia Matilde jr».
Claudio Pollastri - avvenire.it

Ulivieri, il mister che fa correre i preti

Per fare l’allenatore di calcio, specie in Italia, ci vogliono spalle larghe, carisma e passione da vendere. Quando poi, a quasi 70 anni, si decide di diventare «direttore tecnico» della Nir (Nazionale italiana religiosi) allora occorre anche un po’ di «vocazione». E quella a Renzo Ulivieri, il «Renzaccio», non è mai venuta meno.

Così quando quattro anni fa Padre Leonardo Biancalani e i religiosi calciofili sparsi per le parrocchie e i conventi d’Italia, gli hanno chiesto di diventare il ct della loro Nazionale, Ulivieri non ci ha pensato su tanto e ha accettato. Debutto della Nir nel 2006 su un campo molto particolare: il carcere di Rebibbia. «Non mi ricordo se si vinse o meno, forse perdemmo, perché noi siamo una squadra di cuore e spesso porgiamo anche l’altra gamba, ma ho bene in mente una scena che mi toccò. Quel giorno fra Enzo, uno dei miei giocatori, nel terzo raggio di Rebibbia ritrovò un suo compagno d’infanzia e si abbracciarono. Ci siamo commossi tutti. E allora pensai, forse anche a un pallone riescono dei piccoli miracoli...».

Faccia d’attore, buona per la commedia all’italiana di Monicelli, il «mister», come lo chiamano tutti, ha il cuore tenero, «ma sul campo – avverte – non voglio noie, si corre e si suda. Punto». Così una volta al mese scatta il ritiro «calcistico spirituale» per questa specialissima nazionale che da bertinottiano considera una «rifondazione religiosa attraverso il calcio».

«Ragazzi correre, far circolare la palla, siete preti e frati mica calciatori. E ricordatevelo sempre, Maradona non abita qui...». Eccolo che viene allo scoperto il «maledetto» toscanaccio malapartiano, il comunista, il «mangiapreti». «Potevano aver pensato giusto su quasi tutto, ma io mangiapreti mai stato. Come tanti della mia generazione venuta su nel dopoguerra, sono cresciuto frequentando sia la Casa del popolo che la parrocchia. Alla prima devo la mia formazione umana e ideologica; quella spirituale e soprattutto culturale, mi deriva dalla frequentazione di don Giuseppe. È grazie a quel gran prete che ho imparato a leggere e scrivere, ad amare il latino, ad appassionarmi ai libri di Giorgio La Pira e don Lorenzo Milani. Lettera a una professoressa è il testo base che mi ha guidato in tutto il mio lungo percorso professionale».

Un cammino, quello del «mister» cominciato alla vigilia dei moti sessantottini nella squadra del suo paese, a San Miniato, e proseguito ininterrottamente per quarant’anni, attraversando tutta l’Italia, allenando da nord a sud, da Vicenza a Reggio Calabria, alla guida di 20 squadre diverse. Ultima panchina, quella della Reggina, stagione 2007-2008. Da poco ha riposto nell’armadio l’amuleto, il suo vecchio e consumato cappotto blu «quattro stagioni», con il quale si presentava regolarmente in campo. «Una volta a Ravenna l’ho indossato alla fine di giugno, testimone il cardinale Ersilio Tonini che sedeva accanto a me e mi guardava stupito... Guarda caso mi avevano squalificato anche quella domenica. Comunque nessuna superstizione, quel cappotto era solo un gioco». Anche questa avventura con la Nazionale religiosi è solo un gioco, ma forse anche un modo per stare più vicino a gente che parla con Dio tutti i giorni.

«Prima di ogni partita mister Ulivieri ci dice sempre: “Su ragazzi, una preghiera non fa mai male”. E così a centrocampo, mano nella mano, si recita insieme il Padre nostro», racconta padre Leonardo che – appesi gli scarpini al chiodo (infortunio alla spalla) – è diventato il presidente onorario della Nir. «La fede è una cosa seria e non si può mica confondere con una partita di pallone. Solo all’inizio della carriera mi capitò di chiedere a un prete se veniva a benedire la squadra con la motivazione: da settimane non c’è verso di fare gol. E il padre indignato mi rispose: “Renzo vergognati, tu pensi che il Signore debba scomodarsi per queste bischerate?”... Aveva ragione». Saggezza dell’uomo che i suoi colleghi hanno scelto come capo dell’Assoallenatori.

«Mi hanno liberato dalla tv, alla domenica il calcio ormai lo vedevo solo lì. Oggi invece grazie a questo incarico posso andare a seguire le partite allo stadio senza che nessuno possa dire: “È venuto a gufare per prendersi la panchina che salta”». Storie di cuoio vecchie e lontane, come le discussioni con Roberto Baggio ai tempi del Bologna, «finì che se ne andò, ma finché è rimasto parlavamo anche di buddhismo». Beghe di spogliatoio, come il litigio furibondo con Antonio Cassano, in un Samp-Reggina, ma poi la mano sempre tesa, pronta per il perdono. «Antonio quando ci siamo ritrovati mi disse: “Mister adesso che abbiamo fatto pace, facciamo un’altra bella cosa, quella multa che ci hanno data raddoppiamola e il ricavato lo doniamo alla famiglia di Adriano Lombardi (calciatore morto di Sla)... Sono i ragazzi come Cassano, quelli più difficili, che mi hanno stimolato di più a fare questo mestiere. In fondo penso che da quella panchina ho sempre cercato di portare dalla mia parte il “figliol prodigo”».

Nel mezzo del suo cammino però, ha incontrato anche tanti buoni samaritani, anime candide alla Damiano Tommasi. «Su tutti faccio due nomi: Lorenzo Minotti che è anche il padrino della mia bambina Valentina e Demetrio Albertini, vicepresidente della Federcalcio». Menti passate dall’università del calcio di Coverciano, dove Ulivieri presiede ai corsi che ogni anno diplomano i nuovi tecnici italiani. «Una scuola di alto livello in cui si cerca di insegnare che il “tecnico vero” è un punto di riferimento e un educatore che deve avere il carisma del capo senza però apparire tale. I calciatori devono riconoscerlo prima di tutto come una persona per bene».

Una figura in continua evoluzione quella dell’allenatore, ma per Ulivieri è fondamentalmente ancora quella che si leggeva nella dicitura del vecchio patentino: «maestro di vita». «Un ragazzo che gioca a calcio tra allenamenti e partite trascorre almeno 6-8 ore alla settimana con il suo allenatore, il quale corre il rischio di essere pure ascoltato. E se questo accade, vuol dire che ha fatto un lavoro superiore e sostitutivo spesso a quello della famiglia, perché il problema è che questi ragazzi in casa non parlano più. Il calcio dunque diventa uno strumento di comunicazione, aiuta a stare in gruppo, a non sentirsi emarginati e inoltre funziona da grande strumento terapeutico».

Da tempo infatti Ulivieri segue i ragazzi di un’altra squadra speciale quanto la Nir, la Matrix di Firenze, formazione composta da ragazzi e adulti con disabilità fisiche e psichiche. Il calcio non è una fede, ma è comunque un credo universale che ha i suoi comandamenti e in cima; Renzaccio, da ex «smoccolatore», mette il divieto di bestemmia in campo. «È un fenomeno di cattiva educazione, ma le squalifiche severe dell’ultimo anno sono servite a diminuire i casi di bestemmiatori su tutti i campi».

La riconquista di un senso civico può ripartire a anche dal rispetto delle regole di un gioco. «Ai giovani dico sempre che potremo vivere in un un mondo diverso e migliore di questo, solo se tutti ci si impegniamo a fare la nostra parte. La mia paura è che le nuove generazioni siano state abbandonate al loro destino e si stanno assopendo. Per risvegliarli occorre spiegargli che è molto più vantaggioso darsi agli altri, piuttosto che chiudersi nel proprio egoismo. Spegniamo la televisione, torniamo a parlare con i nostri figli e facciamogli capire che il bene più prezioso che esista è la felicità. E questa, deve spettare a tutti». Nessuna pretattica, sono i pensieri che arrivano dall’anima del mister che assicura: non ha nessuna intenzione di rubare il mestiere ai giocatori della Nir. «Su un pulpito sarei in fuorigioco. Io farò l’allenatore anche nell’aldilà. Mi sono informato e mi hanno assicurato che giocano a calcio pure lassù, dove ho tanti amici... A me basta un fischietto per gli allenamenti e una panchina da cui urlare per 90 minuti».
Massimiliano Castellani
---
avvenire.it

Italia: il ct Prandelli richiama Mauri e Borriello

Rientrano quattro azzurri, i difensori Criscito e Zambrotta, il centrocampista Mauri e l'attaccante Borriello, nel gruppo dei 23 giocatori convocati oggi dal commissario tecnico Cesare Prandelli per il doppio impegno con Irlanda del Nord e Serbia che attende la sua Italia nelle qualificazione agli Europei del 2012. La nazionale italiana, che attualmente guida il Gruppo C a punteggio pieno grazie alle due vittorie ottenute a settembre contro Estonia (2-1) e Isole Far Oer (5-0), giocherà la prima partita contro l'Irlanda del Nord a Belfast venerdì 8 e la seconda a Genova contro la Serbia martedì 12. Gli azzurri si raduneranno domani entro le ore 12.30 a Coverciano, dove nel pomeriggio, alle 16.30, inizieranno la preparazione. Martedì e mercoledì due sedute di lavoro giornaliere, mentre giovedì, dopo l'allenamento del mattino, l'Italia partirà per Belfast. (APCOM)

Il Milan conquista la vetta

"Mamma, che gol!". Lo dice Ronaldinho, già pallone d'oro, guardando la conclusione di Andrea Pirlo da 38 metri infilarsi tra palo e traversa, nell'unico punto dove Mirante, prima e dopo strepitoso, non può arrivare. Per il centrocampista rossonero è il sesto gol al Parma in carriera, il primo che regala la vetta provvisoria della classifica ai rossoneri. Un ritrovato Gattuso e Ronaldinho dietro le due punte le scelte azzeccate da Allegri, contro un avversario volitivo ma 'spuntato': Crespo non è Bojinov e senza Giovinco la fantasia scarseggia. Promosso anche Ibra, mentre Robinho non incide né come suggeritore, né al tiro.

SETTE MESI DOPO — Il primo posto dei rossoneri - 11 punti contro i 10 di Inter e Lazio - coincide con il ritorno al successo in trasferta a sette mesi di distanza dall'ultima volta: il 3 aprile scorso, il Milan batteva il Cagliari 4-3, prima d'iniziare un lungo digiuno. Lo ha interrotto Andrea Pirlo, con un tiro dei suoi sceso improvvisamente alle spalle di Mirante.

NON SOLO IBRA — Il Milan di Parma è forse il migliore visto dall'inizio di campionato (non fa testo il 4-0 all'esordio con il Lecce): Nesta-Thiago Silva è la coppia centrale che dà maggiori garanzie, Gattuso vale Boateng con più cattiveria, mentre Pirlo è la scintilla per accendere Ibra. La vera novità, però, è Ronaldinho trequartista, non più confinato a sinistra, ma libero di verticalizzare o puntare la porta. Dopo la panchina in Champions League, un giocatore parzialmente ritrovato. Gli unici che non brillano sono Seedorf, troppo lento con la palla tra i piedi, e Robinho, morbido quando c'è da concludere. Il cambio con Pato, al rientro dopo l'infortunio, apre nuovi scenari sul tridente d'attacco.

MIRANTE E CRESPO — Il Parma, invece, non è molto diverso da quello visto a Firenze. C'è Crespo in avanti al posto di Bojinov, l'occasione che gli capita al 12' - a tu per tu con Abbiati - qualche anno fa non l'avrebbe sbagliata. Gli emiliani recriminano per un contatto Nesta-Paci in area nella ripresa, il rigore ci può stare. Ma se in quella fase del match il parziale è solo di 1-0, il merito è soltanto di Mirante, decisivo in almeno tre occasioni: al 29' su Ibra in uscita, e poi al 37', quando lo svedese calcia tre volte e per tre volte l'estremo difensore del Parma gli nega la gioia del gol. Poi s'infortuna Morrone, e Marino inserisce Valiani che carbura alla distanza. Suoi i cross del forcing parmense, anche se l'occasione più ghiotta capita a Ronaldinho, ma non la sfrutta.

ROBINHO NON VA — Se non altro, Ronaldinho si muove per 90' e cerca spesso la verticalizzazione. A deludere, ancora una volta è Robinho, a corto di condizione e di lucidità ogni volta che si presenta in area. L'errore al 13' della ripresa ricorda quello di mercoledì in Champions League, anche se meno clamoroso. Probabile l'inserimento di Pato già dal prossimo match.
Claudio Lenzi - gazzetta.it

Calcio Lega Pro: così in 1ª Divisione il 3 Ottobre 2010. Classifiche e risultati

Così in 1ª Divisione

GIRONE A
ALTO ADIGE-ALESSANDRIA 1-2
Marcatori: Camillucci (Al) al 17’, Damonte (Al) al 23’, Marchi (AA) al 36’ s.t.
GUBBIO-MONZA 4-0
Marcatori: Borghese al 10’ p.t.; Donnarumma al 13’, Caracciolo al 19’, Galano al 20’ s.t.
LUMEZZANE-REGGIANA 2-2 Marcatori: Temelin (R) al 10’ p.t.; Galabinov (L) al 10’, Chinellato (R) al 31’, Ferrari (L) al 44’ s.t.
PAGANESE-RAVENNA 0-0
PAVIA-BASSANO 1-1
Marcatori: Del Sante (P) al 4’, Beccia (B) al 19’ p.t.
PERGOCREMA-SPAL 1-1
Marcatori: Fofana (S) al 3’, Scotto (P) al 44’ s.t.
SALERNITANA-SPEZIA 1-0
Marcatore: Merino al 39’ p.t.
SORRENTO-COMO 3-0
Marcatori: Togni al 28’ p.t.; Pignalosa all’8’ e al 19’ s.t.
VERONA-CREMONESE Lunedì, ore 20.45

CLASSIFICA
La situazione dopo 7 giornate: Alessandria e Spal p. 14; Salernitana 13; Sorrento 12; Cremonese*, Gubbio, Reggiana e Paganese 10; Lumezzane 9; Alto Adige, Pergocrema, Bassano e Pavia 8; Ravenna 7; Spezia, Como e Monza 6; Verona* 5. (*una gara in meno).

PROSSIMO TURNO
Le partite di domenica 10 (ore 15): Alessandria-Sorrento; Bassano-Lumezzane; Como-Gubbio; Cremonese-Alto Adige; Monza-Pavia; Ravenna-Verona; Reggiana-Paganese; Spal-Salernitana; Spezia-Pergocrema.

GIRONE B
BARLETTA-COSENZA 2-0
Marcatori: Bellomo al 36’ p.t. e al 17’ s.t.
BENEVENTO-TERNANA 3-1
Marcatori: D’Anna (B) al 1’ p.t.; D’Anna (B) al 5’, Vacca (B) al 12’, Noviello (T) al 14’ s.t.
CAVESE-SIRACUSA 3-1
Marcatori: Turienzo (C) all’8’, Mancino (S) all’11’, Di Napoli (C) al 42’ p.t.; C. Ciano (C) all’11’ s.t.
FOGGIA-VIAREGGIO 2-2
Marcatori: Taormina (V) al 16’, Kolawole (F) al 22’, Laribi (F) al 35’, Longobardi (V) su rigore al 38’ p.t.
FOLIGNO-GELA 1-4
Marcatori: Severini (F) al 1’, Stamilla (G) al 4’, Franciel (G) al 26’ e al 34’ p.t.; Docente (G) al 47’ s.t.
LANCIANO-JUVE STABIA 1-0
Marcatore: Turchi al 13’ p.t.
LUCCHESE-ATL. ROMA 0-2
Marcatori: Esposito al 27’, Ciofani al 36’ s.t.
NOCERINA-ANDRIA 1-0
Marcatore: Castaldo al 30’ s.t.
PISA-TARANTO 2-1
Marcatori: Carparelli (P) al 33’ p.t.; Carparelli (P) al 26’, Innocenti (T) al 31’ s.t.

CLASSIFICA
La situazione dopo 7 giornate: Atletico Roma* p. 18; Lanciano*, Benevento e Taranto 13; Nocerina e Gela 12; Foggia 11; Lucchese e Cosenza 10; Foligno, Viareggio, Andria e Ternana 8; Juve Stabia e Pisa 7; Cavese 6; Barletta 4; Siracusa 3. (*una gara in meno).javascript:void(0)

PROSSIMO TURNO
Le partite di domenica 10 (ore 15): Andria-Lanciano; Atletico Roma-Nocerina (sabato); Cosenza-Benevento (lunedì, 20.45); Gela-Foggia; Juve Stabia-Viareggio; Pisa-Cavese; Siracusa-Barletta; Taranto-Lucchese; Ternana-Foligno.

gazzetta.it

Questi i risultati della serie A.

Roma - Calcio: giallorossi sconfitti a Napoli per 2 a 0, Lazio supera il Brescia per 1 a 0. Questi i risultati della serie A. Pareggio tra Bologna-Sampdoria (1-1) e Chievo-Cagliari (0-0). Fiorentina-Palermo finisce 1-2, mentre Genoa batte Bari per 2-1. Lecce-Catania, giocata alle 12,30, e' finita 1-0.
Inter-Juventus e' in programma alle 20,45. Negli anticipi di ieri, Udinese-Cesena 1-0 e Parma-Milan 0-1 . (agi)