Equitazione: morto Piero D'Inzeo

(ANSA) - ROMA, 13 FEB - E' morto oggi Piero D'Inzeo, il cavaliere azzurro che conquistò due medaglie d'argento e quattro bronzi olimpici e in coppia con il fratello Raimondo (scomparso il 15 novembre scorso) segno' un'epoca dello sport azzurro. D'Inzeo aveva 90 anni. Piero D'Inzeo aveva partecipato a otto edizioni dei Giochi, come suo fratello Raimondo. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha disposto la camera ardente nel salone d'onore del Coni al Foro Italico.

Sochi: Arianna nuova medaglia Innerhofer ci riprova

L'azzurra Arianna Fontana è argento nello short track 500 metri: giunta terza, sale però un gradino del podio per la squalifica dell'inglese Christie, che aveva provocato una caduta in avvio della finale ed era giunta seconda al traguardo.
La medaglia del primo lampo azzurro ai Giochi di Sochi ci riprova. Christof Innerhofer, dopo l'argento nella libera, domani torna in pista sulla neve di Rosa Khutor per tentare l'assalto al podio anche nella supercombinata dello SCI ALPINO: in una giornata che non presenta tante chance in chiave azzurra, quella degli sciatori appare l'unica carta da giocare per l'Italia. La discesa apre la gara e insieme a Inner, che alla vigilia ha preferito allenarsi nello slalom, scenderanno Peter Fill e Dominik Paris (quest'ultimo secondo nell'ultimo allenamento); poi lo slalom che decide il podio (dalle 8 ora italiana, + 3 a Sochi). Il FONDO resta invece la nota dolente della spedizione azzurra: lontani i tempi fecondi in cui la neve che fatica aiutava sempre il medagliere invernale, adesso le possibilità da podio sembrano davvero ridotte. Sprecata l'occasione da Federico Pellegrino nello sprint, domani è in programma la 15 km a tecnica classica con Dietmar Noeckler, Fabio Pasini, Francesco De Fabiani e Mattia Pellegrin. Nel tracciato ghiacciato del Sanki sliding center, calato il sipario sullo slittino, si comincia con lo SKELETON: alle 13.30 Maurizio Oioli atteso dalle prime due manche. Il BIATHLON in rosa di nuovo protagonista al Laura center con la 15 km individuale: l'Italia schiera Nicole Gontier, Karin Oberhofer (quarta nella sprint), Alexia Runggaldier e Dorothea Wierer. Sull'ovale di ghiaccio del'Iceberg si assegnano le medaglie del PATTINAGGIO DI FIGURA maschile: la Russia aspetta di applaudire lo zar di casa, Evgeni Plushenko che nonostante anni e dolori alla schiena, tenta in casa l'ennesimo numero show della sua carriera. L'azzurro in gara è Paul Parkinson, che qui a Sochi non ha certo brillato, dopo la prova del team event proprio da dimenticare. Scattano le qualificazioni del SALTO LH: sul trampolino Davide Bresadola, Sebastian Colloredo e Roberto Dellasega. L'Italia confida nel secondo acuto dello sci.
ansa

Sochi: pattinaggio, Italia in finale

Carolina Kostner ha guidato la squadra azzurra del pattinaggio di figura alla finale olimpica di Sochi.
Grazie al secondo posto nella prova del corto, con 70,84 alle spalle della russa neocampionessa europea Yulia Lipnitskaya (72,90), la Kostner ha portato nella rosa delle cinque finaliste l'Italia nel team event, una delle novità nel programma olimpico dei Giochi di Sochi. Le azzurre sono quarte.

ansa

Più bella che brava: l’occhio maschilista imbarazza lo sport


Più che il talento, le qualità estetiche. Ancor prima dei risultati, il look. Ecco lo sport al femminile, visto dagli uomini naturalmente. Più “guardoni” insomma che appassionati, a detta delle atlete.
La ricerca è inglese, i risultati validi dappertutto.

A dare il là, la confessione in favore di telecamere di Rebecca Adlington, nuotatrice britannica plurimedagliata (tra Mondiali e Olimpiadi), quasi in lacrime nell’ammettere (nel corso di I’m A Celebrity… Get Me Out of Here!, reality-show riservato alle celebrità) le sue personali insicurezze, dovute un po’ al proprio fisico (non propriamente da fotomodella) e tanto alla morbosa attenzione degli spettatori per il lato estetico delle donne di sport. Di qui, il sondaggio, commissionato da BT Sport, a confermare in pieno le impressioni della Adlington: la crescente ossessione verso il look femminile da parte dei tifosi. Che ha un impatto negativo sulle atlete, anche le migliori, sotto il profilo dei risultati.

Un campione ampio e articolato, 110 atlete britanniche di successo, a coprire ben 20 discipline sportive. Ricerca dettagliata, verdetto bulgaro, o giù di lì: per il 67 per cento delle intervistate, pubblico e media valutano più l’aspetto fisico che i risultati, il 76 per cento ammette che questa visione ha spesso influenzato il proprio regime di dieta e allenamenti, addirittura il 97 per cento ritiene che questo problema nello sport non sia altro che una proiezione di quel che avviene nella quotidianità. Mentre qualcuna, infine, attribuisce lo stesso comportamento anche a federazioni, allenatori e sponsor.
Lo sport al femminile, visto dall’altro sesso.

Più estetica che sostanza. Più che una novità, una conferma, quella che emerge dal sondaggio britannico. O, meglio, l’ennesimo indizio, che insieme agli altri determina una prova. Approccio voyeuristico, più che altro. O maschilista, se preferite. E per conferma basta analizzare episodi del passato più o meno recente. Prendiamo Sepp Blatter, che del calcio mondiale è da molti anni il padre padrone.

Lui, si sa, una ne fa e cento ne pensa. E ancor più ne dice, spesso senza vergogna. Una delle boutade del presidente della Fifa, una decina di anni fa, a proposito di calcio femminile. C’era aria di crisi, si cercava il rilancio. Blatter se ne uscì con la proposta geniale: «Voglio divise più sexy per le calciatrici: dovrebbero usare tenute più femminili...». Non se ne fece nulla, anche per via di pesanti reazioni negative. Ma il senso resta, quello di un approccio sessista che viene dall’alto.

Fece anche un esempio, Sepp Blatter: «Le calciatrici dovrebbero indossare divise come quelle delle pallavoliste». Obiettivo palese, quello del presidente Fifa. Dare visibilità al calcio femminile, puntando sul lato B, esaltato dall’occhio indiscreto della tv. Come nella pallavolo, e ancor più nella sua versione da spiaggia, il beach-volley. Che a Londra 2012 ebbe la sublimazione come sport più sexy. Atlete perfette, fisici asciutti, divise minimali: niente di più normale, per uno sport da spiaggia. Elevato all’ennesima potenza sul piccolo schermo: inquadrature mirate, abbondanza di primi piani e quant’altro. Il lato estetico, prima di tutto. Il maschilismo applicato allo sport femminile.

Ivo Romano - avvenire.it

#Calciomercato Lazio, Hernanes: "Ho scelto io di andarmene"

 A breve dovrebbe arrivare l'ufficializzazione del suo passaggio all'Inter ma Hernanes gioca d'anticipo e, sulla sua pagina di Facebook, spiega i motivi del suo addio alla Lazio, dopo quattro anni, e delle sue lacrime a Formello che hanno commosso tanti tifosi
biancocelesti.

"Vorrei spiegare le mie lacrime perchè ho visto che sono state fraintese - scrive, rivolgendosi ai suoi tifosi - E ieri ho pianto non perchè la società, nella
persona di Igli Tare e del presidente, mi stava obbligando ad andarmene, ma perchè c'è una trattativa tra due squadre e io avevo la possibilità di lasciarvi; ho la possibilità di lasciare Roma, il posto che amo, i tifosi che amo, la gente che amo".

Il centrocampista brasiliano, salvo clamorosi colpi di scena dell'ultim'ora, approderà all'Inter per sua scelta, non certo per volere di Lotito: "Ho detto io al presidente che sarei voluto andare per ottenere il meglio a livello professionale, nonostante i suoi tentativi di
trattenermi con ottime offerte economiche, come quella che mi ha fatto dopo la partita con il Napoli. Ci ha provato fino all'ultimo e lo ringrazio anche pubblicamente, perchè è stato sempre corretto con me, ma è una mia scelta - conclude Hernanes - per seguire le mie esigenze interiori e raggiungere livelli calcistici ancora più alti. Anche se potrete odiarmi per queste mie parole".

avvenire.it