Bacca-gol, il Milan vince. Ma il Sassuolo protesta

Al termine di una partita nella quale accade di tutto, i rossoneri superano il Sassuolo 1-0 grazie al rigore di Bacca, calciato però in maniera irregolare. Prima di lui Berardi aveva sbagliato dagli undici metri, mentre nella ripresa un clamoroso errore di Calvarese non concede un tiro dal dischetto ai padroni di casa. I rossoneri restano a 3 punti dal quinto posto

SASSUOLO-MILAN 0-1
22' rig. Bacca
Probabilmente non ci sarebbe stato modo migliore per salutare la fine dell'era Silvio Berlusconi. Certo il Milan avrebbe potuto vincere con 3 gol di scarto dopo aver dominato l'avversario sul piano del giuoco, come al grande capo è sempre piaciuto ripetere. Ma onestamente, visto l'andamento della gara ontro il Sassuolo, la squadra di Montella non poteva sperare di meglio dalla trasferta emiliana. Anche perchè tornare coi tre punti dal Mapei Stadium non è una cosa che ai rossoneri è già accaduta troppe volte, anzi non era proprio mai capitata. E allora, al termine di una partita nella quale è accaduto davvero di tutto, il Diavolo può continuare a essere felice. E salutare per l'appunto nel modo migliore il suo presidente, che tra qualche giorno cederà anche ufficialmente il passo alla nuova anima cinese della società. Tre punti in tasca e speranze europee ancora vive, l'1-0 al Sassuolo vuol dire soprattutto questo: il tutto, inolte, dopo occasioni create e subite, ma soprattutto rigori assegnati, non dati, falliti e segnati, anche se con qualche brivido oltre il necessario. E poi un secondo tempo di grande sofferenza, con la squadra quasi sempre dietro alla linea del pallone a contrastare i veementi attacchi dei padroni di casa. Che alla fine hanno tantissimo da recriminare e ancor di più da protestare, dopo i tanti errori di un Calvarese decisamente inappropriato. 
All'attacco - Spettacolo, divertimento e polemiche arbitrali: c'è sempre stato un filo comune nelle sfide tra Sassuolo e Milan degli ultimi anni e anche il pomeriggio del Mapei non vuole essere da meno. Appena la partita comincia le squadre iniziano a passare in rapida successione da una metà all'altra del campo, con le occasioni da gol che dopo soli 20 minuti già non si contano più. Gli attaccanti del Milan sono indiavolati, i movimenti offensivi del Sassuolo come al solito collaudati e le difese di entrambe le squadre fanno fatica a neutralizzare le iniziative dei loro avversari. Deulofeu ha tanta voglia ed evidentemente galvanizzato dal gol segnato la settimana scorsa contro la Fiorentina comincia la far ammattire la retroguardia neroverde: da una sua iniziativa nasce un calcio di punizione da posizione molto pericolosa che lo stesso spagnolo mette in mezzo senza però che Kucka, per questioni di millimetri, riesca a intervenire a meno di un metro dalla linea di porta difesa da Consigli. Il Sassuolo reagisce e trova spazi soprattutto grazie ai tagli di Berardi che mettono in ripetuta difficoltà Vangioni: proprio l'argentino, all'8', stende l'attaccante neroverde appena entrato in area, ma per Calvarese il contatto non c'è e la conseguenza è il giallo per simulazione dell'esterno italiano. Il Sassuolo protesta giustamente ma non ha nemmeno il tempo di recriminare perché solo 3 minuti più tardi si vede assegnare, questa volta sì, il tiro dal dischetto. Kucka e Duncan si trattengono a vicenda, Calvarese vede il fallo dello slovacco e dagli undici metri si presenta Berardi che però si fa ipnotizzare dal neo maggiorenne Donnarumma e allarga troppo la conclusione. Il portierone del Milan è un vero talismano: su 10 rigori che gli hanno tirato contro appena 5 sono finiti in rete (3 errori e 2 parate). Dopo l'errore dal dischetto, il Sassuolo perde qualche certezza e si fa schiacciare dal Milan, che in appena 3 minuti trova il gol del vantaggio. Ancora grazie a un rigore, quello che Calvarese fischia per un fallo, netto, di Aquilani su Bertolacci. Dagli undici metri si presenta Bacca: il colombiano al momento di tirare scivola e la palla, dopo essere stata calciata col piede destro, tocca anche il sinistro prima di finire in rete. L'esecuzione sarebbe irregolare a causa del doppio tocco, ma l'arbitro non si accorge di nulla e tra le proteste dei giocatori del Sassuolo conferma il vantaggio rossonero. Dopo l'1-0 la squadra di Montella non si ferma e costruisce almeno altre due nitide occasioni da gol, entrambe griffate dal destro di uno scatenato Deulofeu. Il Sassuolo non riesce a replicare e al 41' il Milan troverebbe anche il raddoppio con un colpo di testa di Bacca, ma al momento del cross di Sosa il colombiano è in fuorigioco di pochi centimetri. Nulla da fare. Così come per Berardi, che al 44' ci prova timidamente con il destro, trovando pronto Donnarumma. Termina in questo modo il primo tempo, all'intervallo il Milan è avanti 1-0. 

LA JUNIOR TIM CUP È SCESA IN CAMPO A REGGIO EMILIA



Oggi al Mapei Stadium-Città del Tricolore, prima della partita Sassuolo-Milan, la squadra dell’Oratorio Ancora di Sassuolo ha superato l’Oratorio San Nicolò di Cavriago per 3-2

Reggio Emilia, 26 febbraio 2017 – Al Mapei Stadium-Città del Tricolore di Reggio Emilia a vincere oggi è stato l’entusiasmo dei ragazzi della Junior TIM Cup, progetto promosso da Lega Serie A, TIM e CSI, che prima della partita tra U.S. Sassuolo Calcio e A.C. Milan sono scesi in campo per giocare. La squadra dell’Oratorio Ancora di Sassuolo ha superato l’Oratorio San Nicolò di Cavriago per 3-2.

A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori di U.S. Sassuolo Calcio e A.C. Milan la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all’ingresso in campo, una vera e propria unione fra calcio professionistico ed oratoriale.
                                                                                             
La Junior TIM Cup, il torneo giovanile di calcio a 7 riservato agli Under 14, che per il quinto anno verrà disputato nelle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2016-2017, continua a regalare un grande sogno ai ragazzi degli oratori. Le squadre vincitrici dei tornei regionali disputeranno la fase finale della competizione in occasione della Finale di TIM Cup 2016-2017

Il progetto Junior TIM Cup torna in campo, come per le precedenti edizioni, grazie ad un fondo nel quale confluiranno sia parte delle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione sia il contributo di TIM nel ruolo di title sponsor del torneo.

Oltre all’aspetto puramente sportivo, la Junior TIM Cup celebra e promuove un patrimonio di valori, storie e pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama”. 

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguiti sul sito www.juniortimcup.it ed attraverso l’hashtag #juniortimcup
 FONTE: COMUNICATO STAMPA
A CURA DI GIUSEPPE SERRONE

Sassuolo, Di Francesco ritrova il Dna

"Alla lunga è uscito il nostro Dna, dopo un avvio a dir poco problematico". Eusebio Di Francesco non nasconde la soddisfazione per il successo del Sassuolo a Udine. "Non voglio soffermarmi sulla bella prestazione di Defrel - ha aggiunto - che sta guarendo da un infortunio e quindi ha bisogno di più tempo per ritornare in condizione. Voglio sottolineare la bella prestazione della squadra che ad Udine è stata corta, determinata e ha voluto la vittoria. Oggi, con i tre punti tolti a tavolino, saremmo qui a parlare di un Sassuolo in linea con la squadra dello scorso anno". Poi Di Francesco ha anche parlato della gara contro il Milan: "E' logico che cercheremo di far male al Milan nonostante loro abbiano una rosa ben più completa della nostra".

 Gasport

Settimana di lavoro in casa Milan, in preparazione alla gara di Reggio Emilia: i rossoneri non hanno mai vinto in casa del Sassuolo

Milano, 23 febbraio 2017 - Buone notizie in casa Milan, con il gruppo è tornato ad allenarsiMattia De Sciglio, da tempo fuori gioc per infortunio. Nella settimana che porta allo scontro delMapei Stadium contro il Sassuolo, Vincenzo Montella può sorridere per il primo tassello nel lungo processo di svuotamento dell'infermeria. Calciomercato a parte - aumentano le voci che vedono in partenza Carlos Bacca, molto appetito dal Tianjin di Fabio Cannavaro (ma l'attaccante ha già rifiutato) - la formazione rossonera lavora al massimo in quel di Milanello per affrontare la partita che, sembra strano dirlo, potrebbe essere la più difficile della stagione: contro il Sassuolo nell'impianto di Reggio Emilia i rossoneri non hanno infatti mai vinto, anzi, nemmeno pareggiato.
Si parte dalla stagione 2013-2014 che vede i neroverdi per la prima volta nel più grande palcoscenico della Serie A: i tifosi difficilmente dimenticheranno quel giorno di nebbia, quando al vantaggio degli ospiti con Robinho e Balotelli, rispose un incredibile Domenico Berardi, autore di quattro reti nel 4-3 finale chiuso dalla rete purtroppo inutile di Riccardo Montolivo. Sorte simile l'anno successivo quando con una rete in meno per parte, gli emiliani trionfarono per 3-2, con, manco a dirlo, tre reti di Domenico Berardi. Come non bastasse, arriviamo alla scorsa stagione, con il 2-0 firmato Duncan - Sansone.
Vincenzo Montella ha quindi un solo obiettivo, ottenere i tre punti, per dare continuità al suo percorso e per ribaltare questi precedenti poco lusinghieri. Non bisogna però sottovalutare gli uomini di Di Francesco, in netta crescita dopo un inizio stagione complicato. Domenico Berardi ci sarà ed ha già affermato di volere segnare ancora al Milan, perchè 8 non gli bastano ancora.
In casa Milanello, dicevamo, si è rivisto Mattia De Sciglio, pronto ad una maglia da titolare. Il giocatore si è allenato interamente con il gruppo ieri e sembra poco azzardato parlare di un completo recupero. Vedremo cosa sceglierà l'allenatore che ora sa di potere contare anche su un buon Leonel Vangioni: ''Mattia De Sciglio si è allenato per tutta la giornata con il gruppo - riporta il report dell'allenamento del Milan - Per Romagnoli e Antonelli, nel pomeriggio, terapie e lavoro personalizzato in palestra. Per Montolivo lavoro personalizzato - slalom, conduzione palla e conclusioni - sul campo ribassato. Assenti Locatelli e Lapadula, ancora impegnati nello stage della Nazionale a Coverciano, oltre a Bonaventura''.
quotidiano.net