Sassuolo, merito della nuova mentalità. E ora non dipende più dai gol di Berardi

Le cifre parlano chiaro e certificano la nascita del nuovo Sassuolo: che non rischia più, che segna di meno ma subisce pochissimo (quarta difesa del campionato con 10 gol), che ormai risiede stabilmente nei quartieri alti della classifica: dopo la 5a giornata era terzo dietro Inter e Fiorentina, ora è “soltanto” quinto, comunque in zona Europa League. Un inizio travolgente soprattutto se si fa il confronto con i due precedenti campionati di A: un anno fa dopo 12 giornate il Sassuolo aveva 7 punti in meno, due anni fa erano 8. L’impatto con la nuova categoria era stato terribile: un filotto di 4 sconfitte iniziali (con l’umiliante 7-0 in casa con l’Inter), poi 4 pareggi e solo 2 vittorie. Nel 2014 è andata leggermente meglio: 3 pareggi e un k.o., un altro 7-0 con l’Inter stavolta a San Siro, ma la prima vittoria è arrivata soltanto all’8ª giornata e alla 12ª il bilancio era di 15 punti.
Nicola Sansone, 24 anni, con Domenico Berardi, 21. Ansa
Nicola Sansone, 24 anni, con Domenico Berardi, 21. Ansa
NUOVA MENTALITA’ La sensazione, al di là delle statistiche, è che qualcosa sia cambiato nella mentalità della squadra, come ha sottolineato Di Francesco dopo la vittoria sul Carpi: “La squadra sta diventando sempre più matura”. Significa che, consolidata la categoria, il Sassuolo comincia a sentirsi adulto ed è pronto a lasciare ad altri l’etichetta di sorpresa. Lo si capisce anche da come ha gestito gli ultimi impegni: a Udine, terza partita in 8 giorni, si è risparmiato portando a casa un poco esaltante 0-0, domenica ha vinto il derby puntando sul ragionamento più che sulla frenesia agonistica: possesso palla e gara di attesa, sapendo che comunque era in grado di colpire senza scompensi in copertura. Il contrario dello scorso campionato chiuso con 57 gol incassati e soprattutto del primo (72, seconda peggior difesa dietro al Livorno retrocesso), cominciato in puro stile zemaniano, pressing e difesa altissima e salvezza conquistata in extremis.
SEGNALE Un altro segnale di svolta è che la squadra non dipende più da Berardi, che dopo aver toccato la notevole quota di 31 gol in due anni, ora è fermo a due. Colpa di un infortunio che l’ha frenato all’inizio della stagione e merito degli altri attaccanti che si sono divisi il bottino in parti più o meno uguali: 3 per Floro Flores e Sansone, 2 per Defrel, uno per Floccari e Politano. Completano il gruppo di centrocampisti Missiroli e Magnanelli. Totale: 14 centri. Tra le prime cinque, ha fatto peggio soltanto l’Inter di Mancini, non a caso indicata da Di Francesco come modello di opportunismo e concretezza. L’allievo del boemo si sta trasformando in un difensivista? Beh, ora non esageriamo, ma è certo che non subire gol da 3 partite è un altro segnale di svolta. Quale sarà il prossimo?
 Guglielmo Longhi

Nessun commento:

Posta un commento