Serie A, il Milan torna a vincere con una perla di Birsa

Allegri ha avuto la risposta che voleva. A dargli i tre punti importanti contro l'Udinese è stato Birsa. Un antidivo, senza cresta, un giocatore di quelli che a lui piacciono molto, poco esibizionismo e tanta sostanza. Il Milan ha battuto l'Udinese 1-0 ed è salito a quota undici in classifica. Può iniziare da qui la rimonta. Di sicuro il tecnico rossonero può respirare un po' e preparare con meno pressione l'importante sfida di
Champions League contro il Barcellona. È una vittoria che era necessaria e che dà ossigeno puro a un Milan che continua a perdere pezzi. Dopo Balotelli, Allegri ha dovuto rinunciare anche ad Abbiati che si è infortunato nell'allenamento di rifinitura. In porta ha deciso allora di lanciare il brasiliano Gabriel, al posto di Amelia. In attacco, vista l'indisponibilità di Balotelli - che potrebbe anche essere più lunga del previsto - sperava nel riscatto di Matri. L'attaccante che è cresciuto con lui a Cagliari invece, non si è sbloccato nemmeno stavolta. Sembra la brutta copia di quello ammirato in Sardegna e anche con la Juve.

CI PENSA BIRSA - E allora ci ha pensato Birsa, il giocatore meno atteso. Al 24' ha tirato fuori dal cilindro un tiro a giro da fuori area che si è infilato sotto l'incrocio. Tre minuti prima il centrocampista aveva rischiato di farsi male in un brutto intervento da dietro di Pinzi, che meritava il rosso. Guida ha optato per il giallo. L'Udinese, dopo il gol subito, non è riuscita a reagire e non ha praticamente mai impensierito la porta difesa da Gabriel, che comunque si è messo in mostra deviando sulla traversa una punizione velenosa del solito Di Natale. La partita non ha regalato un grandissimo spettacolo, ma lo stadio si è infiammato al 31' del secondo tempo per l'ingresso in campo di Kakà, che è tornato a giocare a San Siro con la maglia del Milan dopo quattro anni. A lasciargli il posto un Matri non proprio felice. Il brasiliano, che in campionato aveva esordito in trasferta contro il Torino prima di infortunarsi, ha giocato poco più di un quarto d'ora, muovendosi bene. I problemi fisici sembrano alle spalle. Un'altra buona notizia per Allegri insieme con la terza vittoria in campionato, sempre a San Siro. Il ritiro, punitivo o no, ha funzionato. 

CORI - L'unico neo della serata sono stati i cori contro i napoletani intonati prima dalla curva sud rossonera e poi anche da un altro settore a San Siro nel primo tempo.  

Valerio Minutiello

Tweet@valeminu
CorrieredelloSport

Nessun commento:

Posta un commento