Doping: a test con pene finto, chiesti 30 mesi

Procura Coni per fondista Devis Licciardi

Due annui e mezzo di squalifica per il fondista Devis Licciardi, che si presentò a un controllo antidoping con un pene finto ripieno di urina 'pulita' e due anni di inibizione per la fidanzata, Sara Malpetti, che lo aiutò. Sono le richieste della Procura antidoping del Coni che ha deferito i due al Tribunale nazionale.

ansa

 

Nessun commento:

Posta un commento