Record del Mondo: Valery Rozov vola dall'Everest!

Sessant’anni dopo la prima salita sulla cima del Monte Everest, il quarantottenne Valery Rozov si è lanciato dalla parete nord del Monte Everest, stabilendo un record che difficilmente verrà superato: il BASE jump più alto a 7.220 metri sul livello del mare.
Valery Rozov 
Esattamente sessant’anni dopo l’impresa di Edmund Hillary e Tensing Norgay, che scalarono la montagna più alta del mondo (8.848 metri), Valery Rozov, quarantottenne russo recordman degli sport estremi, ha completato con successo il suo ultimo progetto: il BASE jump record da un’altezza di 7.220 metri sul livello del mare.
Rozov, negli ultimi anni, è balzato all’onore delle cronache di tutto il mondo per i suoi spettacolari salti. Nel 2009 si è lanciato dentro un vulcano attivo nell’estremo est della penisola della Kamchatka e, sempre nello stesso anno, ha saltato dalla cima dell’Ulvetanna, nell’Antartico. Nel 2012 il lancio dallo Shiviling, nell’Himalaya, gli ha permesso di stabilire il record del mondo con un balzo da un’altitudine di 6.420 metri, lancio che è stato a tutti gli effetti anche il test finale per eseguire la spettacolare impresa dalla vetta più alta del mondo.
Oltre quattro anni di preparativi prima del salto, necessari soprattutto per lo sviluppo di una speciale tuta alare di nuova concezione. Rozov e il suo team, inclusi quattro sherpa e la troupe di fotografi e cineoperatori, sono stati sull’Himalaya per tre settimane prima del lancio.
L’ascesa è cominciata dal lato cinese, sulla famosa via nord, dove Rozov ha scelto come luogo del lancio il punto più alto della parete ad un’altitudine di 7.220 metri. Ci sono voluti quattro giorni di arrampicata per raggiungere dal campo base il punto prescelto. Alle 14 e 30 ora locale Rozov ha compiuto il salto con una temperatura di -18 °C e con venti contrari. Poiché il primo precipizio non è veramente alto, i momenti iniziali della caduta nell’aria rarefatta sono stati i più critici di tutto il salto. Rozov ha dovuto aspettare più del solito per passare dalla caduta libera al volo a causa della scarsa densità dell’aria. Dopo questa fase, il russo ha volato per circa un minuto alla velocità di 200 km/h lungo la parete nord per poi atterrare in sicurezza sul ghiacciaio Rongbuk, ad un’altitudine di 5.950 metri.
Solo quando sono tornato a casa ho capito quanto lo sforzo fisico e psicologico sia stato intenso per meha dichiarato Rozov, padre di tre bambini, appena tornato nella sua casa di Mosca. “Quando guardi le immagini del salto realizzi che ci è voluto più tempo del previsto per passare dalla fase di caduta a quella di volo”.
BASE è un acronimo per i luoghi da dove si eseguono i salti: B sta per buildings (edifici), A per antenne, S per spans (ad esempio ponti), E per earth (ad esempio dirupi). 
di Manuel Giannantonio - duerighe.com

Nessun commento:

Posta un commento