Auto, dal 15 novembre scatta obbligo catene a bordo o gomme invernali

 Nonostante le temperature ancora elevate, si avvicina per molti automobilisti il momento di pensare a far montare le gomme da neve o, in alternativa, di ricordarsi di mettere le catene nel vano bagagli. Dal 15 novembre, infatti, su parte della rete stradale nazionale entrerà in vigore l'obbligo di circolare con la vettura equipaggiata con la cosiddetta dotazione invernale. Si tratta di una previsione contenuta nell'articolo 6 del Codice della Strada che riguarda principalmente le strade extraurbane, interessata da specifiche ordinanze da parte del gestore. Lo scorso anno sono state circa il 30% del totale. In alcune regioni, come la Valle d'Aosta, l'obbligo è già scattato il 15 ottobre e vige su tutto il territorio amministrativo. In caso di inosservanza le Forze dell'Ordine possono applicare una sanzione pecuniaria da 85 a euro 338 (59,50 euro per pagamento entro 5 giorni). Con condizioni meteo difficili o previsioni avverse anche i sindaci possono con ordinanza imporre la circolazione nelle aree urbane con pneumatici da neve o in alternativa catene a bordo. In questo caso la sanzione scende da un minimo di 41 euro a un massimo di 169 euro (entro 5 giorni 28,70 euro): sono esclusi i ciclomotori a due ruote ed i motocicli che in caso di neve o ghiaccio sulla strada o con nevicate in corso devono rimanere nel box. Va ricordato che in entrambi i casi gli organi di controllo possono intimare all'automobilista di arrestare il veicolo, sino all'adozione di uno dei due dispositivi invernali previsti dal Codice. Stesso discorso vale per sulla rete autostradale, dove le prescrizioni sono indicate con apposita cartellonistica e riguardano nella maggioranza dei casi i tratti appenninici e alpini.

Le gomme ''winter'' sono quelle marchiate sul fianco con la sigla M+S, dall'inglese Mud and Snow, fango e neve: sotto i 7 gradi offrono migliori performance rispetto alle estive per frenata e tenuta di strada, sia su asciutto sia su bagnato. Nelle versioni più ''tecniche'' mostrano anche il simbolo della montagna con il fiocco di neve. La norma prevede che, in alternativa, è possibile mantenere le gomme estive nella stagione rigida ma in questo caso per poter circolare bisogna avere a bordo dei dispositivi antisdrucciolevoli, anche se fuori splende il sole, altrimenti in caso di controllo scatta la sanzione. Può trattarsi di catene da neve o delle cosiddette ''calze'', più facili da trasportare e montare, ma attenzione che siano omologate UNI 11313 oppure On V5117, altrimenti si rischia comunque la multa. Assogomma, l'associazione di Confindustria che rappresenta il settore gomma, e Federpneus, l'associazione dei rivenditori specialisti di pneumatici, tramite il sito www.pneumaticisottocontrollo.it hanno lanciato una campagna di sensibilizzazione, patrocinata dal Ministero dell'Interno, dei Trasporti e dall'Aci. L'obiettivo è evidenziare l'importanza per la sicurezza dell'utilizzo delle gomme invernali. Per quello che riguarda le prestazioni - sottolineano - con temperature sotto i 7 gradi e fondo bagnato, gli M+S garantiscono spazi di frenata inferiori del 15% rispetto a pneumatici estivi. Sulla neve, con 0 gradi, a 40 km/h si arriva a frenate più corte del 50%. Sulle pagine Web del sito sono riportate tutte le ordinanze che impongono l'utilizzo di equipaggiamento invernale, suddivise per aree geografiche, oltre a informazioni in proposito di vario tipo.

A livello di costi, sempre da Assogomma evidenziano come un doppio treno di pneumatici comporti, certamente, una spesa aggiuntiva,a nche per il montaggio e lo smontaggio, ma ''da questa operazione, apparentemente più onerosa, ne deriva una maggiore e più accurata manutenzione: si ottimizzano le pressioni di gonfiaggio e quindi le prestazioni di guida, con un effetto significativo nella riduzione del consumo di carburante, con vantaggi anche in termini di riduzione di emissioni nocive. Vale la pena di ricordare - concludono - che il 52% degli italiani circola con gomme sgonfie che producono un maggior consumo di carburante, accertato da più indagini, che va da un minimo del 3% fino ad oltre il 15%''.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Champions: Allegri "Buon risultato". Tecnico Juve 'qualificazione aperta,dar continuità a cose buone'

(ANSA) - TORINO, 1 NOV - "Buono il risultato". Inizia con le note positive il tweet di Massimiliano Allegri dopo il pareggio per 1-1 della Juventus sul difficile campo dello Sporting Lisbona. "La qualificazione è aperta, ma dobbiamo lavorare assieme per dare continuità a quello che di buono già facciamo" aggiunge il tecnico bianconero, contento per la reazione dopo il vantaggio dei padroni di casa e per il punto conquistato, meno per la prestazione della squadra, specialmente nel primo tempo.
    I bianconeri si giocheranno la qualificazione agli ottavi della Champions League nelle ultime due sfide con Barcellona e Olympiacos.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Calcio: Juve, 'punto Lisbona importante"

(ANSA) - TORINO, 1 NOV - Contenti per il punto conquistato, che lascia aperta la qualificazione, meno per la prestazione. Un coro unanime si alza dai social bianconeri: il pareggio con lo Sporting regala "un punto importante su un campo difficile", spiega su Twitter Giorgio Chiellini, che sprona i compagni ad andare "avanti così" per centrare la qualificazione agli ottavi di finale. "Non è stato il risultato che volevamo" conferma Juan Cuadrado nel suo cinguettio, "però gloria a Dio è arrivato un buon punto". Anche per Marchisio si tratta di "un punto importante". "Niente è stato raggiunto, dobbiamo migliorare e dare di più - aggiunge il 'Principino' su Instagram, concludendo con il classico "Forza Juve... Sempre e comunque!". Concetto rafforzato da Mattia De Sciglio, tornato titolare dal primo minuto dopo l'infortunio al Camp Nou: "Un buon punto per continuare il nostro cammino europeo", è il tweet del laterale.