Supercoppa: Juve a caccia dell'ottava vittoria

La Supercoppa torna in Italia dopo quattro anni per festeggiare la 30/a edizione della manifestazione. La Juve, dopo il ko di Doha col Milan ai rigori, che ha portato le due squadre alla pari in testa con sette vittorie, puo' riprendersi il primo posto se battera' all'Olimpico la Lazio all'Olimpico, che ha pero' un'ottima media, tre vittorie in sei finali. Per la Juve e' la sesta Supercoppa italiana consecutiva a cui partecipa: ne ha perse due negli ultimi tre anni, entrambe ai rigori.
   
Questi i risultati delle finali.
  • 20-12-2016 - Doha: Milan-Juventus 5-4 rigori
  • 08-08-2015 - Shanghai: Juventus-Lazio 2-0
  • 22-12-2014 - Doha: Napoli-Juventus 6-5 rigori
  • 18-08-2013 - Roma: Lazio-Juventus 0-4
  • 11-08-2012 - Pechino: Juventus-Napoli 4-2 dts
  • 06-08-2011 - Pechino: Milan-Inter 2-1
  • 21-08-2010 - Milano: Inter-Roma 3-1
  • 08-08-2009 - Pechino: Lazio-Inter 2-1
  • 24-08-2008 - Milano: Inter-Roma 8-7 rigori
  • 19-08-2007 - Milano: Inter-Roma 0-1
  • 26-08-2006 - Milano: Inter-Roma 4-3
  • 20-08-2005 - Torino: Juve-Inter 0-1 dts
  • 21-08-2004 - Milano: Milan-Lazio 3-0
  • 03-08-2003 - New York: Juventus-Milan 6-4 rigori
  • 25-08-2002 - Tripoli: Juventus-Parma 2-1
  • 19-08-2001 - Roma: Roma-Fiorentina 3-0
  • 09-09-2000 - Roma: Lazio-Inter 4-3
  • 21-08-1999 - Milano: Milan-Parma 1-2
  • 29-08-1998 - Torino: Juventus-Lazio 1-2
  • 23-08-1997 - Torino: Juventus-Vicenza 3-0
  • 25-08-1996 - Milano: Milan-Fiorentina 1-2
  • 17-01-1995 - Torino: Juventus-Parma 1-0
  • 28-08-1994 - Milano: Milan-Sampdoria 4-3 rigori
  • 21-08-1993 - Washington: Milan-Torino 1-0
  • 30-08-1992 - Milano: Milan-Parma 2-1
  • 24-08-1991 - Genova: Sampdoria-Roma 1-0
  • 01-09-1990 - Napoli: Napoli-Juventus 5-1
  • 29-11-1989 - Milano: Inter-Sampdoria 2-0
  • 14-06-1989 - Milano: Milan-Sampdoria 3-1


- Albo d'oro della Supercoppa Italiana:
Juventus: 7 vittorie in 12 finali Milan: 7 vittorie in 10 finali Inter: 5 vittorie in 9 finali Lazio: 3 vittorie in 6 finali Roma: 2 vittorie in 6 finali Napoli: 2 vittoria in 3 finali Parma: 1 vittoria in 4 finali Sampdoria: 1 vittoria in 4 finali Fiorentina: 1 vittoria in 2 finali.
   
Questi alcuni dei goleador illustri:
- Van Basten ('89 e '92), Rijkaard ('89); Baggio ('90); Gullit ('94); Batistuta ('96); Inzaghi ('97); Del Piero ('98, '02); Totti ('01); Pirlo ('03); Shevchenko (unica tripletta,'04); Ibrahimovic('05 e '11); Figo ('06); Eto'o ('09 e '10); Sneijder ('11), Tevez ('13 e '14), Higuain ('14). (ANSA)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Supercoppa, Allegri: 'Voglio una Juve rabbiosa'

"Parte una nuova stagione e la grande rabbia che abbiamo provato dopo la sconfitta nella finale di Champions a Cardiff va usata per affrontare questa annata.
    Bisogna essere consapevoli della nostra forza, ma sapere che serve lavorare duro ogni giorno. E l'unico modo per partire bene è rimanere sereni, avere grande equilibrio ma soprattutto grande determinazione nel voler centrare gli obiettivi". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, alla vigilia della finale di Supercoppa contro la Lazio.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Diretta twitter #JuventusLazio








Gp Austria: Morbidelli vince in Moto2

(ANSA) - ROMA, 13 AGO - Successo di Franco Morbidelli al gp d'Austria: il pilota italiano si è aggiudicato la prova delle Moto2 centrando la settima vittoria su undici gare. Completano il podio Alex Marquez e Thomas Luthi. Morbidelli è in testa alla classifica mondiale con 26 punti di vantaggio su Luthi. Quarto posto per Francesco Bagnaia, davanti a Mattia Pasini.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Coppa Italia, i risultati del 3/o turno


(ANSA) - ROMA, 13 AGO - Risultati del terzo turno eliminatorio della Coppa Italia.
    Bari-Cremonese 2-1 Benevento-Perugia 0-4 Bologna-Cittadella 0-3 Brescia-Pescara 1-3 Cagliari-Palermo 5-3 ai rigori (1-1 ts.) Carpi-Salernitana 7-6 ai rigori (3-3 ts.) Chievo-Ascoli 2-1 Crotone-Piacenza 2-1 Pordenone-Lecce 3-2 Sampdoria-Foggia 3-0 Sassuolo-Spezia 2-0 Spal-Renate 1-0 Udinese-Frosinone 3-2 Torino-Trapani 7-1 (venerdì) Genoa-Cesena oggi Verona-Avellino oggi.

Dal velo al tatuaggio, la campionessa argento e rivoluzione. Ai Mondiali di Londra l'atleta del Bahrein, poi salita a podio, toglie l'hijab

Dallo hijab ai tatuaggi e il piercing. In due anni la metamorfosi di Salwa Eid Naser, da ieri vicecampionessa del mondo dei 400 metri, è stata impressionante. E il podio dei 400 ai mondiali d'atletica è un po' una vittoria di tutte le donne. Dall'atletica al judo, per le atlete di molti paesi arabi scendere in campo senza coprire i capelli è stato quasi sempre impossibile. Non a caso, l'immagine simbolo di Rio 2016 fu la coppia di egiziane del beach volley che saltava sulla sabbia di Copacabana col burkini, faccia a faccia con le loro rivali in costumi molto meno castigati. Ma in 400 metri, Salwa Eid Naser ha fatto compiere allo sport mondiale un salto in avanti.
Nigeriana di nascita e da parte di madre, 19 anni e iridata junior due anni fa, la ragazza vive in Bahrain, paese di suo padre, da quando era bambina e corre con i colori biancorossi del paese arabo. In Nigeria ancora non si danno pace per questa scelta; intanto lei, quando vinse i Mondiali junior di due anni fa mostrando già cosa avrebbe potuto fare 'da grande', si presentò in pista e gareggio con una tuta con tanto di hijab elastico che le copriva i capelli e maniche lunghe. A Rio era gia' andata diversamente, l'hijab era rimasto nello spogliatoio, ma Naser era troppo giovane per poter raggiungere il podio e le luci della ribalta.
La scorsa notte, invece, la piccola grande rivoluzione si e' completata: Salwa Eid Naser si è dimostrata velocissima anche nel suo primo mondiale 'vero' conquistando un argento dopo aver gareggiato in canottiera, capelli (corti) scoperti, ed esibendo un piercing sul naso e un tatuaggio sulla spalla sinistra. Insomma una metamorfosi totale, sulla quale Ebelechukwu Agbapuonwu, il suo nome da nigeriana, non si è voluta soffermare nelle dichiarazioni del post-gara.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

ATLETICA Bolt, dramma all'ultima gara: i crampi lo fermano

"Non era certo questo il modo col quale avrei voluto dirvi addio. Ho dato tutto, in pista. Ho dato tutto me stesso, come sempre". Cosi', con un breve video diffuso sul social Snapchat, Usain Bolt rompe il silenzio dopo l'infortunio di ieri che lo ha costretto a fermarsi durante la finale della 4X100 dei Mondiali di Londra. "Mi spiace non essere nemmeno riuscito salutarvi - aggiunge Bolt - ma sarò allo stadio e mi farò vedere". Fonti di Team Jamaica fanno sapere che la leggenda dello sprint e' molto deluso per come e' finita la sua carriera in pista. Poi Bolt ha anche twittato una foto di se strsso con i compagni della staffetta: "Grazie amici miei, affetto infinito per tutti voi". 

"Non è stato un infortunio grave, a fermarlo sono stati i crampi che gli sono venuti alla gamba sinistra". A spiegare cosa sia successo a Usain Bolt durante la finale mondiale della staffetta 4X100, la sua ultima gara, è stato il medico della nazionale giamaicana Kevin Jones. "Il dolore? Usain ne ha sentito tanto per la delusione di aver finito in quel modo, e per aver perso - ha detto ancora il medico della Giamaica -. Le ultime tre settimane per lui sono state molto dure, e noi lo sapevamo. Ora gli auguriamo il meglio".

4X100 mondiale amarissima per Bolt. Finale stella cadente anche per Farah - E' la serata delle stelle cadenti, come se a Londra fosse ancora San Lorenzo. Usain Bolt chiude la carriera nel più amaro dei modi, con un infortunio muscolare che lo blocca mentre sta tentando una difficile rimonta nella finale mondiale della staffetta 4X100. Il boato di delusione del pubblico è la colonna sonora dell'ultima gara della leggenda della Giamaica, che finisce a terra con una smorfia di dolore sul viso. Vederlo così fa male, e lo testimonia proprio la gente che riempie lo stadio olimpico: l'oro lo vince la Gran Bretagna, quindi il quartetto di casa, ma esultano solo gli atleti in pista: la gente rimane con il fiato sospeso perché quello di Bolt è un dramma sportivo. Uno come il Lampo non meritava un addio da sprinter come questo, e meno male che alla fine riesce ad alzarsi e non esce di pista in barella. Per una volta non sorride, è deluso e si vede, non potrebbe essere altrimenti. Le lacrime no, non appartengono al suo modo di fare, almeno da atleta, mentre il protagonista di un'altra recita amara di questa sera oggi non non ce l'ha fatta a non piangere. E' Mo Farah, l'altro grande sconfitto in questa serata, la penultima di Londra 2017. Anche lui ha chiuso, perlomeno sulla pista visto che si dedicherà alla maratona, e avrebbe voluto congedarsi con un altro oro, l'ennesimo di una carriera che hanno provato a rovinargli con certi sospetti. Invece oggi, sui 5000, si è fatto imbottigliare dagli etiopi, e alla fine uno di loro, Edris, lo ha bruciato 'costringendolo' all'argento, lui che non perdeva una finale da Daegu 2011. Da qui le lacrime di delusione scese sul suo viso mentre stava, anche lui, sdraiato sulla pista, da eroe sconfitto. "Ma di più non potevo fare, ho dato tutto", ha mormorato dopo il pianto e prima di fare un giro in pista a base di selfie e autografi per la gente di Londra che tanto lo ama. Per Bolt invece niente medaglia, più o meno nobile, ma solo moltissima amarezza, e una figura da dimenticare in fretta. Adesso si dirà che probabilmente avrebbe dovuto smettere un anno fa, dopo i trionfi di Rio, e quindi chiudere in bellezza. Invece, anche per le pressioni di qualche sponsor, ha deciso di regalare un anno in più ai suoi tifosi e adesso fa male vederlo a terra, come fosse un pugile che ha appena incassato un dolorosissimo Ko. Non aveva più stimoli, e lo aveva anche detto, ed è probabile che quest'anno non si sia allenato a dovere, come in quelli passati, perché nella sua testa qualcosa si era già spento. A farlo tornare imbattibile non gli è servita la 'clausura' di questi suoi ultimi giorni londinesi, adesso è un ex che non ha chiuso da vincente. Il suo infortunio all'ultima gara manda in fumo l'ultima volata del più grande campione dell'atletica moderna. Bolt si ferma sulla soglia della dodicesima medaglia iridata, subito dopo essersi lanciato all'inseguimento dell'americano Coleman, che stabilsice a sua volta l'incredibile record di aver battuto due volte Bolt perdendo. Lo supera negli ultimi dieci metri, nel boato di uno stadio sconvolto, il britannico Nethaneel Mitchell-Blake, che porta la Gran Bretagna all'oro per la prima volta. Quanto a Bolt, rimarrà primo nei cuori della gente, nulla lo ha fatto capire più dell'esultanza 'al minimo' del pubblico, troppo preoccupato e deluso per lui, per l'oro della staffetta britannica. Ma è stato comunque bello esserci, aver vissuto all'epoca di Bolt ed esserselo goduto mentre correva e stabiliva record. Chi non lo ha visto non capirà mai abbastanza cosa si è perso, e il suo ritiro è una botta micidiale per l'atletica.
   
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA