Tutti al motoraduno dello Stelvio per ricordare Marco "Sic" Simoncelli


L’evento in programma è il Secondo Dainese Day e si svolgerà sabato 18 e domenica 19 giugno, quest’anno in collaborazione tra con la ‘Fondazione Marco Simoncelli 58’
Bormio, 2 giugno 2016 - Un motoraduno in quotaper ricordate il campione Marco Simoncelli, che perse la vita nel Gran Premio di Sepang di Moto GP il 23 ottobre del 2011. L’evento in programma è il Secondo Dainese Day e si svolgerà sabato 18 e domenica 19 giugno, quest’anno in collaborazione tra con la ‘Fondazione Marco Simoncelli 58’. Si partirà sabato da Cermenate, in provincia di Como, per arrivare sul Passo dello Stelvio a una quota di 2.760 metri. Una volta arrivati in cima, verrà presentata la «Fondazione Marco Simoncelli 58», la onlus creata dalla famiglia del pilota. Seguirà la «Cena dei Tre versanti», in cui verranno serviti sapori e piatti valtellinesi, atesini e svizzeri. Seguirà una serata in discoteca con un concerto dei «Doctor Wood», gruppo rock and blues.
VOLO-MIL19_WEB
Il giorno successivo, domenica 19 giugno, verrà inaugurato il «Punto Fondazione Marco Simoncelli» all’interno dell’albergo Quarto Pirovano. L’evento si concluderà con la premiazione del motociclista più longevo e di quello più giovane; del centauro che arriva da più lontano e della motocicletta più datata. L’azienda agricola Marsetti, una delle più note produttrici di vini in Valtellina, sta preparando una bottiglia con il nome dell’appuntamento. (Per informazioni e prenotazioni si può contattare l’albergo Pirovano). L’obiettivo dichiarato degli organizzatori è quello di riempire di moto lo Stelvio. L’evento è stato presentato ieri in una conferenza stampa, svoltasi a Milano nella sede della Banca Popolare di Sondrio. Il vicepresidente dell’istituto di credito, Lino Stoppani, ha fatto gli onori di casa, parlando di «una bella iniziativa, raccolta con entusiasmo».
Lo Stelvio, ha aggiunto, «è l’essenza dello sport, per lo sci e per il giro d’Italia». Anche Paolo Simoncelli, il padre di Marco, ha apprezzato l’iniziativa: «Ho bei ricordi dello Stelvio, è un posto bellissimo. Non posso che ringraziarvi, io e mia moglie ci saremo». Da parte sua Simone Pasquè, titolare dello store Dainese di Como, ha ricordato: «Siamo partiti lo scorso anno con questo raduno, pensato perché i nostri clienti potessero riunirsi e fare festa. Quest’anno, con l’arrivo della Fondazione Marco Simoncelli, ci siamo arricchiti ed è diventato un appuntamento più impegnativo». Il giornalista Paolo Beltramo ha detto che si tratta «di un raduno per godere delle bellezze della zona» e ha poi sottolineato che «la Fondazione Marco Simoncelli 58 ha già raccolto più di due milioni di euro per diverse iniziative benefiche».
Più a fondo, sulle attività portate avanti dall’associazione, è andato Paolo Simoncelli: «Stiamo costruendo un centro diurno per ragazzi disabili, siamo partiti dopo tre anni di bucrazia». «È il fiore all’occhiello della Fondazione» ed è situato a 2 km da Coriano, il paese dove è cresciuto Marco, e a 4 km da Riccione, su una bassa collina che guarda il mare. Il terreno, dove prima sorgeva una casa vacanze fatta realizzare da un sacerdote, è stata concesso in usufrutto dalla Curia per 99 anni. L’opera si inserisce nella scia di quanto già fatto da Simoncelli in vita. Il campione, infatti, andava spesso a trovare i ragazzi disabili della Comunità di Montetauro a Coriano. E proprio vicino il centro la Fondazione ha deciso di costruire due appartamenti casa-famiglia per questi ragazzi.
RIPRODUZIONE RISERVATA