Basket playoff, semifinale gara -2: Reggio Emilia-Avellino 86-78

Reggio conquista gara 2 con una magistrale prova di squadra e si porta 2-0 nella serie. Difficile scegliere un protagonista quando una squadra, priva di un totem come Veremeenko, manda 5 uomini in doppia cifra, ma le statistiche fanno luce e incoronano le fiammate di un super Stefano Gentile: 13 punti con 3/ 4 da 3 nei momenti chiave, 19 di valutazione e +17 di plus/minus. Sopra le righe anche le prove di Kaukenas (13 pt e la tripla che ha chiuso i conti) e Polonara, mentre ad Avellino non basta il career high di punti (19 + 8 falli subiti) di uno strepitoso Riccardo Cervi che assieme a Buva (20 pt e 26 di valutazione) hanno tenuto in piedi la Sidigas fino agli ultimi istanti.
LA CRONACA — Senza l’infortunato Veremeenko , Reggio parte con il quintetto piccolo con Polonara e Silins a giostrare nella posizione di centro e Avellino ne approfitta innescando ripetutamente Cervi (214 cm) che mette 9 punti in un amen, dando linfa al parziale di 22-21 in favore dei suoi con cui si chiudono i primi 10’. Mentre la Grissin Bon continua a fare cilecca da 3 (1/8 al 15’) la Sidigas tenta l’allungo con Ragland e il solito Cervi (25-32 al 16’). I padroni di casa comprendono l’urgenza di dover cambiare marcia ed ecco che il parziale di 16-8 aperto da un 3+1 di Della Valle e chiuso da 8 punti (con 2 triple) di un ispiratissimo Stefano Gentile. E’ il break che permette a Reggio di andare all’intervallo con il naso avanti (41-40). Il match sale d’intensità, ma le scelte tattiche delle due squadre restano sostanzialmente immutate: la Grissin Bon si appoggia prevalentemente alle iniziative degli esterni come Kaukenas e Needham (10 pt in 2 nel break), mentre Avellino spreme tutta la fisicità di Cervi e Buva (14 in coppia nel terzo quarto). Le due triple in serie di Gentile e Della Valle scavano però il primo solco e gli emiliani al 30’ sono avanti 66-58. All’inizio del quarto periodo la Grissin Bon sembra poter scappare via (71-62 al 32’) ma prima Ragland con una tripla e poi Nunnally tengono in piedi la Scandone (73-68 al 33’). Polonara infila un tiro da 3 e uno schiaccione volante su assist di Gentile: i lampi che danno il massimo vantaggio a Reggio (80-68 al 36’). Partita finita? Nemmeno per sogno, perché Avellino ha ancora la forza di risalire fino al -7 (80-73 al 38’) prima di vedere le ultime speranze svanire sulla stoppata di Silins a Nunnally e, soprattutto, sul buzzer beater da 3 punti di Kaukenas (convalidato all’instant replay) che vale + 10 (83-73) a 55” dalla fine. Reggio comanda 2-0 nella serie, gara 3 in programma domenica alle 20.45 ad Avellino.
Reggio Emilia: Gentile 13, Kaukenas 13, Polonara 11.
Avellino: Buva 20, Cervi 19, Ragland 16.
 Francesco Pioppi  - Gazzetta.it

Serie B, Cagliari in A con primato, retrocedono Modena e Livorno

(ANSA) - ROMA, 20 MAG - Risultati della 42/a e ultima giornata del campionato di calcio di serie B.
    Avellino-Cesena 1-2 Bari-Trapani 1-2 Crotone-Entella 1-0 Livorno-Lanciano 2-2 Novara-Modena 4-0 Pescara-Latina 1-1 Pro Vercelli-Cagliari 1-2 Salernitana-Como 1-0 Spezia-Ascoli 0-0 Ternana-Brescia 3-2 Vicenza-Perugia 0-0.
Il Livorno e il Modena sono stati retrocessi in Lega Pro, avendo concluso il campionato di serie B, terminato oggi con la 42/a giornata, rispettivamente al terz'ultimo e penultimo posto. La terza squadra a scendere di categoria è il Como, già certo della retrocessione dal 1 maggio scorso.
Salernitana e Lanciano sono le due squadre che si contenderanno la permanenza in serie B attraverso i playout, avendo concluso rispettivamente al quint'ultimo e quart'ultimo posto il campionato di serie B, terminato oggi con la 42/a giornata. I playout si disputeranno il 4 e 8 giugno (20,30), ma il Lanciano è in attesa delle decisioni della giustizia sportiva che potrebbe cambiare la classifica finale.
Trapani, Pescara, Bari, Cesena, Spezia e Novara sono le sei squadre che si contenderanno un posto in serie A attraverso i playoff grazie ai rispettivi piazzamenti al termine del campionato di serie B, conclusosi oggi con la 42/a giornata. La terza e la quarta della classifica - Trapani e Pescara - sono ammesse direttamente alle semifinali. I quarti di finale vedranno scontrarsi in gara unica, da un lato quinta e ottava (Bari e Novara), dall'altro sesta e settima (Cesena e Spezia)
ANSA