STASERA SASSUOLO-INTER: IN BALLO C’È UN POSTO IN EUROPA LEAGUE


Una chiusura del genere, pochi o forse nessuno se la sarebbero sognata così.
Sassuolo-Inter, stasera con fischio d’inizio alle ore 20.45 al Mapei Stadium, concluderà la magnifica stagione dei neroverdi, che potrebbe diventare indimenticabile in caso di 6° posto e accesso all’Europa League. Non basterà però battere la squadra di Mancini, già certa del 4° posto, per brindare allo storico accesso alla seconda competizione continentale; oltre a rimanere davanti al Milan, che insegue con un punto in meno e sarà impegnato, ovviamente alla stessa ora, a San Siro contro la Roma, bisognerà incrociare le dita e sperare che i rossoneri non vincano la finale di Coppa Italia, la prossima settimana, contro la Juventus.
Intanto, però, l’obiettivo devono essere i 3 punti contro l’Inter per fare il proprio massimo, missione tutt’altro che semplice.

LA VIGILIA

L’Inter arrivata a Reggio Emilia schiererà comunque una formazione competitiva, con turnover limitato e il solo Carrizo a sostituire lo squalificato Handanovic tra i pali.
Per mister Eusebio Di Francesco quindi, attenzione massima: “Stiamo facendo la storia, per i punti e la posizione in classifica che abbiamo, ora dobbiamo completare l’opera – ha detto il trainer neroverde nella conferenza della vigilia – Se pensiamo all’Europa League dovremo attendere la finale di Coppa Italia tra Juventus e Milan, ma ora dobbiamo pensare a mantenere il sesto posto. Abbiamo costruito qualcosa di importante, le basi per crescere e migliorarci. Il Sassuolo in tre anni ha fatto qualcosa di grande, se si pensa agli anni precedenti è un grandissimo percorso di crescita. Siamo padroni del nostro destino e dobbiamo concentrarci solo sulla nostra gara, che dobbiamo vincere, senza pensare a quello che accadrà a San Siro”.
Sul fatto che l’Inter possa giocare… alla leggera, DiFra non ha dubbi: “E’ giusto che tutte le squadre giochino al meglio per fare il bene della propria società, come ha fatto il Verona con noi. Deve essere sempre così, come succede all’estero, le partite facili nel calcio non devono esistere. L’Inter giocherà al massimo e saprà metterci in difficoltà, dovremo essere bravi a gestire quei momenti della gara”.
primapaginareggio.it