Le pagelle di Roma-Sassuolo 2-2

Salah e Totti salvano i giallorossi, traditi da una difesa balbettante. Bene Pjanic in mezzo al campo. Negli emiliani, superbi Missiroli e il tridente offensivo

---ROMA---
Morgan DE SANCTIS 6,5 - Salva tutto nel finale del primo tempo su Defrel: intervento fondamentale per tenere viva la Roma. Incolpevole sui gol subiti.
MAICON 5 - Non è il Maicon dell'Inter, e la riprova si ha in una prima mezz'ora altamente negativa. Migliora solo parzialmente col passare dei minuti, in coincidenza con la risalita della Roma (dal 64' Alessandro FLORENZI 6 - Non ripete la prodezza di mercoledì, ma qualche cross pericoloso lo produce)
Kostas MANOLAS 5,5 - Incapace di tenere a bada Defrel nell'azione dello 0-1 e mal posizionato in quella dell'1-2. Va in bambola anche lui nei primi 45 minuti, meglio invece nella ripresa.
Antonio RÜDIGER 4,5 - Totalmente sfasato. Fa venire i brividi in più di un'occasione, manca la posizione, non dà minimamente sicurezza e perde un pallone sanguinoso che quasi porta al tris di Defrel. Pomeriggio da dimenticare.
Vassilis TOROSIDIS 5 - Sempre costretto a rientrare sul destro e a perdere dunque un tempo di gioco. E con Defrel e Politano va costantemente in ambasce.
Miralem PJANIC 7 - Il migliore del centrocampo di Garcia. Perde pochi palloni, e anzi, quelli che gioca li gioca al meglio. Splendido un taglio per Salah, suo anche l'assist a Totti.
Daniele DE ROSSI 5,5 - Distribuisce il gioco in mezzo al campo, ma nella fase di filtro talvolta va in sofferenza. Nella ripresa si prende un giallo.
Radja NAINGGOLAN 5,5 - Non la migliore prestazione della carriera per il belga, meno nel vivo dell'azione di altre volte e poco preciso nelle proprie giocate, anche al limite dell'area avversaria.
Juan ITURBE 5,5 - Inizia bene, mostrando grinta e prendendosi gli applausi del pubblico. Di incisività là davanti, però, se ne vede pochina. E quando esce è imbufalito (dal 50' Iago FALQUE 6 - Dentro nella ripresa, dà il proprio contributo con qualche cross pericoloso e un colpo di testa tra le mani di Consigli)
Francesco TOTTI 7 - Segna la rete numero 300 con la maglia della Roma, anche se in fuorigioco. Per il resto, sfrutta la sua posizione arretrata per dispensare assist di prima e lanci, riuscendoci in maniera alterna (dal 72' Edin DZEKO 5,5 - Non incide, anche se i palloni puliti che gli arrivano sono davvero pochi)
Mohamed SALAH 7,5 - Ci mette un po' a carburare, ma quando lo fa è devastante: grazia Consigli in un paio di occasioni, poi lo mette al tappeto con un sinistro strepitoso al volo per il 2-2. Ogni tanto esagera nel dribbling, ma nel finale sfiora anche la doppietta.
All. Rudi GARCIA 5,5 - Opta per il turnover dopo le fatiche della Champions, venendo premiato solo parzialmente. Il ritorno al vecchio modulo, con Totti falsa prima punta, se non altro porta al gol numero 300 del capitano con la Roma.
---SASSUOLO---
Andrea CONSIGLI 5,5 - Salva il Sassuolo in almeno tre occasioni, negando il gol a Salah. Ma in fase di rinvio (vedere per credere il gol di Totti) è una calamità.
Marcello GAZZOLA 6 - Contiene bene Iturbe e poi Iago Falque e non disdegna qualche sortita offensiva. Fino a qualche anno fa giocava nelle serie minori: oggi non soffre l'impatto con l'Olimpico.
Paolo CANNAVARO 6,5 Tiene di fisico ed esperienza, anche se la mancanza di una punta centrale lo agevola. Prezioso anche nell'impostazione e nel lancio lungo.
Francesco ACERBI 6 - Prestazione di sostanza, senza troppi fronzoli ma anche con un paio di avanzate da regista difensivo.
Federico PELUSO 5,5 - Con Salah vive un pomeriggio complicato, tanto che Floro Flores deve aiutarlo più volte. Di avanzare non se ne parla nemmeno.
Simone MISSIROLI 7 - Fondamentale nello schieramento del Sassuolo, sia in fase di chiusura che di ripartenza. Un suo inserimento mette i brividi a De Sanctis a fine primo tempo.
Francesco MAGNANELLI 6 - Sempre tranquillo, il "Pirlodei poveri" non si scompone nemmeno di fronte a Pjanic e compagni. Buone geometrie e altrettanto buona fase difensiva.
Alfred DUNCAN 6 - Prestazione di corsa e sacrificio in mezzo al campo. Esce sfiancato dopo un quarto d'ora nel corso della ripresa (dal 59' Davide BIONDINI 6 - Inserito da Di Francesco per fare diga in mezzo al campo, rispetta gli ordini con diligenza )
Matteo POLITANO 7 - Firma il primo gol in A proprio al cospetto della squadra che l'ha lanciato. Ma la sua prestazione è fatta anche di scatti e scambi continui che mandano in tilt Torosodis e soci (dall'81 Domenico BERARDI s.v.)
Gregoire DEFREL 7 - Fa la punta centrale solo sulla carta, perché la sua azione dà i propri frutti su tutto il raggio offensivo. Firma un bel gol e ne sfiora un altro, minacciando costantemente Rüdiger e Manolas.
Antonio FLORO FLORES 7 - Ex punta centrale, conferma come la posizione di esterno del tridente sia ritagliata su misura per lui. Spinge e copre, impostando la transizione neroverde e fornendo a Politano l'assist del 2-1 (dal 64'Nicola SANSONE 5,5 - Un gol non valido per un fuorigioco precedente e poco altro. Entra nella fase in cui il Sassuolo non attacca più)
All. Eusebio DI FRANCESCO 7 - Esemplare il modo in cui il suo Sassuolo copre il campo per gran parte della gara. Solo la svista di Consigli e la magia di Salah gli impediscono di pensare a una clamorosa vittoria.
eurisport.it

Roma-Sassuolo 2-2. Bel calcio del Sassuolo

Aveva ragione Garcia, le partite dopo la Champions sono sempre pericolose. Ecco perché tutte le sue scelte hanno lasciato di stucco, con un turnover esasperato sconfessato in corsa, quando il tecnico francese è stato costretto a rimettere dentro Florenzi, Iago e Dzeko, tutti fuori ad inizio partita. Dall'altra parte, invece, c'è un Sassuolo che conferma tutte le cose belle fatte vedere finora: squadra organizzata, corta, capace di distendersi bene in contropiede. Prima Defrel e poi Politano mettono in ginocchio la Roma, che recupera prima con Totti (al 300esimo gol in giallorosso) e poi con Salah. L'egiziano è stato il più attivo tra i padroni di casa, nelle logiche di Garcia ha oramai sostituito Gervinho: prima il francese si affidava prevalentemente alle folate dell'ivoriano, adesso a quelle dell'ex Chelsea.
BEL SASSUOLO — Garcia rivoluzione la Roma e manda dentro dal primo minuto Maicon (all'esordio stagionale dopo oltre 7 mesi di assenza), Torosidis, Iturbe e Totti. Di Francesco risponde con un tridente con l'ex Politano e Floro Flores dal primo minuto. E la differenza la fanno proprio le intuizioni degli allenatori: tutte sbagliate quelle di Garcia, tutte indovinate quelle di Di Francesco. Gli imbarazzi di Rüdiger sono senza fine, Manolas soffre su entrambi i gol ospiti, Maicon e Torosidis lasciano a desiderare che è dir poco e Iturbe conferma tutti i suoi limiti a livello di intelligenza calcistica. Ne viene fuori una partita in cui il Sassuolo gioca, diverte e acquista fiducia minuto dopo minuto, con Magnanelli si piazza davanti alla retroguardia per un 4-1-4-1 in fase difensiva che non lascia spazi alla manovra giallorossa. Così tutte le occasioni sono di marca emiliana: prima Manolas sporca un sinistro di Defrel, poi è Duncan a calciare fuori da lontano, infine è ancora Defrel (21') a gelare De Sanctis con un sinistro dal limite, dopo una bella iniziativa di Politano. Il gol scuote la Roma, ma Salah un po' per sfortuna un po' per errori non riesce a segnare in tre occasioni: la prima a tu per tu con Consigli (28'), la seconda in contropiede e la terza con una palombella di un soffio fuori su di magia di Totti. Già, il capitano giallorosso, l'uomo che per un attimo riesce a mettere la partita in parità con il 300esimo gol romanista: patatrac di Consigli che consegna la palla centralmente a Pjanic, assist del bosniaco per Totti che (in fuorigioco) fa 1-1 di destro. Sembra l'inizio di una nuova partita ed invece il Sassuolo non solo ripassa con Politano (44', sinistro vincente dopo una bella percussione di Floro Flores) ma sfiora anche il clamoroso 3-1 con Defrel: orrore difensivo di Rüdiger, con sinistro ravvicinato del francese su cui salva De Sanctis.
SALAH E POCO ALTRO — Pronti via e la Roma trova subito il pari con una perla di Salah: respinta su calcio d'angolo e sinistro al volo dell'egiziano che si infila alla destra di Consigli. Poi c'è spazio per la crisi isterica di Iturbe sul cambio con Iago Falque e per la simulazione di Maicon (13'), che va a cercare il contatto con Acerbi per avere in dote il rigore. Per il resto poco altro, se non un paio di mischie in area emiliana, un tiro di Dzeko (il cui ingresso è stato "chiamato" dall'Olimpico) rimpallato da Acerbi al 33' e un Sassuolo corto e ben organizzato, pronto a far male in contropiede nel caso si fosse creata l'occasione. In corsa Garcia infila dentro anche Florenzi (19') per dare maggiore spinta in fascia, finendo con sconfessare completamente tutte le sue scelte iniziali. Al 37' è ancora Salah a trovare l'angolo giusto da fuori, ma stavolta Consigli è strepitoso in angolo, togliendo la palla da sotto il sette. Al 43' episodio da moviola: Rüdiger va via a Peluso quasi sul fondo, con il terzino neroverde che lo affossa e Massa che non se la sente di dare un rigore che sembra netto. Finisce così, con l'Olimpico che fischia e il Sassuolo che per la terza stagione consecutiva esce imbattuto dall'Olimpico.
Gazzetta dello Sport

CONAD VOLLEY TRICOLORE, SCATTA UFFICIALMENTE L’AVVENTURA

E’ partita ufficialmente stamattina la stagione del Conad Volley Tricolore con il raduno del club al Conad Le Querce di via Francia. Oggi pomeriggio la squadra ha iniziato il lavoro in palestra agli ordini di coach Luca Cantagalli al PalaEnza di Sant’Ilario per preparare il campionato di serie A2 che comincerà in casa contro Tuscania il 25 ottobre.

Al raduno, che da anni ormai come da tradizione si svolge “a casa” Conad, main sponsor del club, c’è stato grande entusiasmo tra i giocatori ma anche tifosi e curiosi che hanno voluto “benedire” la squadra. Infine, il brindisi di buon augurio tra i protagonisti, società e dirigenza.
A fare gli onori di casa, Mauro Rondanini, direttore del Conad Le Querce: «Sono ormai 12 anni che stiamo avendo questa collaborazione col Volley Tricolore e devo dire che ha dato i frutti sperati e ogni anno più importanti. Voglio dare il mio grande in bocca al lupo alla squadra, che sia di buon auspicio per un bel campionato».
Poi è stata la volta del vice presidente esecutivo del club, Azzio Santini: «Quest’anno abbiamo rinnovato molto la squadra. Questi giocatori sono stati fortemente voluta dal sottoscritto e dalla società. Ora il compito di fare il meglio tocca alla squadra. L’anno scorso abbiamo raggiunto i playoff da ottavi classificati e uscendo al primo turno. L’obiettivo è fare meglio dell’anno scorso. Anche se il primo traguardo che vogliamo raggiungere è la Coppa Italia che quest’anno si disputa a Milano, nello stesso luogo dove si giocherà quella della massima serie. Perciò potrebbe essere una vetrina fondamentale per noi. Credo che abbiamo messo in piedi una squadra competitiva e che potrà dire la sua sia in campionato sia in coppa. Alla squadra chiedo di giocare di gruppo, perché i singoli da soli non vanno da nessuna parte».
All’appello mancano ancora i due stranieri, il camerunense Kody e l’australiano Douglas-Powell, impegnati con le rispettive nazionali. Si aggregheranno alla squadra nelle prossime settimane.
Inoltre, quando la squadra sarà al completo, si terrà la presentazione ufficiale della squadra con un evento dedicato di cui sveleremo i dettagli prossimamente.
fonte: volleytricolore.it