Pepe risponde a Defrel. Pari tra Sassuolo e Chievo

Finisce 1-1 a Reggio Emilia. Il francese segna dopo 3', Pepe pareggia al 24' con un cross che non viene deviato da Paloschi. Sassuolo terzo con Fiorentina e Lazio, Chievo subito dietro con la Roma

ansa
Il Sassuolo prosegue nella propria striscia di imbattibilità ma non riesce a superare il Chievo, che si conferma squadra rognosissima in questo sorprendente scontro ad alta quota.
GOL LAMPO — Il Sassuolo tiene subito fede alla propria classifica e al 3' è già in vantaggio. Floro Flores a centrocampo beffa il tentativo di anticipo di Dainelli, resiste a Hetemaj e dal limite prova il diagonale, Bizzarri chiude non benissimo e sulla ribattuta arriva Defrel con il sinistro a dare la benedizione dell'1-0. Non che lo svantaggio smuova i nervi del Chievo, in campo con cinque novità rispetto al match vinto con il Torino mercoledì: la più interessante è la presenza di Pepe come trequartista. La squadra di Maran comincia a spingere, sfiora tre volte il gol (due inserimenti di Hetemaj con tiri alti al 12' e al 16', un colpo di testa di Meggiorini fuori di pochissimo al 21') e lo trova meritatamente al 24', anche se Cacciatore rischia di rovinare la festa: su cross di Pepe, Paloschi cerca di allungare di testa verso la rete senza toccare la palla, Cacciatore la tocca in fuorigioco, il guardalinee alza la bandierina ma per fortuna del Chievo aveva già superato la linea. Rapido consulto anche con il giudice di porta Martinelli e l'arbitro Fabbri conferma: gol buono, 1-1, assegnato a Pepe in attesa di nuove immagini che chiariscano con certezza la dinamica dell'azione. Annullato invece al 35' un gol di Defrel, liberato (ma in fuorigioco) davanti alla porta da un'azione tutta di prima al limite, poco dopo l'uscita per infortunio di Dainelli, sostituito da Cesar nella difesa del Chievo.
BERARDI ILLUMINA — Berardi, di nuovo in campo dal 1', prova ad accendersi nel finale di tempo: suo un sinistro largo al 37' e un'apertura che, via Floro Flores, manda al tiro (male) Duncan. Il mancino neroverde illumina l'inizio di ripresa con un sinistro al volo dalla coordinazione perfetta: meno l'efficacia, Bizzarri respinge coi pugni. Paloschi al 23' devia a lato un cross di Castro. Le occasioni nel secondo tempo si diradano. Birsa per Pepe da una parte, Sansone e Politano per Floro e Berardi dall'altra spostano poco, anche se nel finale i due del Sassuolo ci provano dal limite dell'area, ma Bizzarri è attento.
Gazzetta dello Sport


Nessun commento:

Posta un commento