Ronaldo in esclusiva per Gazzetta"Italia, farai un grande Mondiale"

"Benvenuta Italia, e complimenti per la rapidità. Sicura del Mondiale già a settembre: ti aspettavo con (quasi) tutte le altre a ottobre, e confesso che un po’ è stata una sorpresa. Una bella sorpresa. Non per la qualificazione, su quella non ho mai avuto dubbi: sui tempi, perché non è così facile avere la certezza di esserci con due partite d’anticipo e mi pare di ricordare, quando furono sorteggiati i gironi, che quello dell’Italia fosse fra i più difficili, perlomeno secondo le previsioni. Benvenuta, dunque: detto da ambasciatore di questo Mondiale che sento sarà bellissimo, ed è per questo che stiamo facendo un grande lavoro e lo faremo ancora in questi mesi. Ma detto anche, più semplicemente, da uomo di calcio e da amante del bel calcio, che ha imparato negli anni quanto l’Italia riesca sempre a dare il meglio in appuntamenti così. Quella di tre anni fa in Sudafrica è stata l’eccezione che conferma la regola, e sono sicuro che a giugno, in Brasile, non ce ne sarà un’altra. AMIAMO BALOTELLI — Benvenuta perché negli ultimi tre anni poche squadre al mondo hanno mostrato un calcio come il tuo, hanno cercato un gioco che mettesse la qualità davanti alla speculazione, la ricerca del gol davanti all’obbligo di non prenderne. Uno spettacolo che divertisse la gente, la facesse innamorare del nostro sport. Il calcio che piace a me. Benvenuta perché hai Prandelli, e tutti quelli con cui ho parlato in questi anni mi hanno spiegato che è lui il primo segreto di questa rinascita dell’Italia. Perché hai Buffon, e io so per esperienza personale che grande portiere sia; perché hai il mio ex compagno di squadra Pirlo, quello che mette la palla dove decide lui; perché hai Balotelli, e se si sono innamorati di lui in Brasile, durante la Confederations Cup di giugno, vuol dire che è un talento vero: nel mio Paese, calcisticamente parlando, abbiamo gusti difficili, e per questo da brasiliano dico, anzi dico un’altra volta, che da lui adesso ci aspettiamo tutti l’ultimo salto di qualità. Anche per avere un’altra sicura stella del Mondiale, certo: può esserlo, ora dipende solo da lui. PRANDELLI FORTUNATO — Benvenuta Italia perché c’è un po’ di Italia in tanti angoli del Brasile, perché tanti brasiliani giocano da voi e il vostro calcio è molto seguito nel nostro Paese. E sabato e domenica scorsi, nel mio blitz a Monza, ho capito che quello italiano potrà essere di nuovo un gran bel campionato: l’ho capito guardando negli occhi quell’affamato di gol che è Tevez, l’ho capito parlando con Kakà, l’ho capito quando gli amici mi hanno spiegato quanto si sono rafforzati il Napoli e la Fiorentina, quanta qualità abbia la Roma, quanta voglia di cambiamento e di riscatto avrà sicuramente l’Inter. Prandelli sarà contento: un grande campionato può fare solo bene a una nazionale che poi dovrà andare al Mondiale. E anche se da ambasciatore non potrei sbilanciarmi, lo dico sottovoce: un pezzetto del mio cuore è sempre in Italia e dunque un pochino di tifo per l’Italia, segretamente, lo farò sempre. Magari fino alla finale con il Brasile, sarebbe fantastico: poi quel giorno sapete per chi terrò...". Ronaldo © RIPRODUZIONE RISERVATA
 gazzetta.it

Italia qualificata per i mondiali in Brasile. Chiellini e Balotelli piegano 2-1 la Rep. Ceca


In una notte di brividi e magie l"Italia si regala la sua qualificazione più bella. Il 2-1 alla Repubbica Ceca porta la nazionale al Mondiale con un anticipo di due turni come mai le era riuscito prima nella sua storia centenaria.
C"è tutto in questa serata da record: l"omaggio alla storia azzurra di ieri (Piola) e di oggi (Buffon), lo scherzo maligno dei cechi che vanno in vantaggio, e poi la riconciliazione dello Juve Stadium col nemico di un tempo Balotelli. Sua la rete che vale la qualificazione, su rigore, dopo una serie di palle gol stregate, e chissà che non sia segno benaugurante. Prandelli, cui pure le scelte iniziali hanno dato problemi tanto da costringerlo al rapido cambio in corsa, si gode un"Italia capace di soffrire e tirar su la testa nei momenti difficili.

E orgogliosa di essere la prima europea, con l"Olanda, a staccare il biglietto per Rio. Ora ci saranno nove mesi per cercare l"Italia migliore e chiarire il futuro della panchina. La prima assoluta dell"Italia nello stadio Juve comincia con le feste annunciate. Boniperti fa gli onori di casa consegnando una targa ai familiari di Silvio Piola per i 100 anni dalla nascita, poi è la volta di Buffon per le sue 136 volte azzurre, con Pirlo per le sue 100 dello scorso giugno. Tutto molto rapido, tra scaramanzia e voglia di altre feste Prandelli ha scelto di cercare la qualificazione con una sola punta, Balotelli, vertice di una squadra che parte con De Rossi centrale di una difesa a tre, Maggio e Pasqual sulle fasce e e poi Candreva e Giaccherini a supporto. Pirlo e Montolivo fanno da cerniera centrale.

La Repubblica Ceca invece si affida a Kozak davanti con Rosicky a supporto, con tanti tagli da dietro. Riesce subito quello dell"ex laziale, fermato da un fuorigioco dubbio. Subito dopo lo svedese Erikkson compensa fischiando su Pasqual solo davanti alla porta, rimesso in gioco secondo le nuove regole da un tocco del suo marcatore. Gli azzurri sembrano padroni del campo, gli avversari in cerca del momento giusto. Le occasioni, facile aspettarselo, arrivano da Balotelli: al 15" il suo destro è parato da Cech, un minuto più tardi il tuffo di testa non è preciso. È una sorpresa più che una beffa il gol che la Repubblica Ceca trova al 19": da Rosicky a Jiracek fino a Kozak per la battuta a rete, in due tocchi taglia tutto il campo in verticale e l"intera difesa azzurra. De Rossi lì al centro non sa intervenire da marcatore, i due compagni sono troppo larghi: 0-1, e Prandelli cambia subito. De Rossi torna a centrocampo, la difesa a quattro.

Giaccherini si scatena a sinistra, Balotelli in cerca del pari. Ma la porta sotto la curva degli ultrà juventini per lui pare stregata. In un grappolo di minuti si divora tre gol. Prima spara sulla traversa tutto solo a 3 metri da Cech (24") poi alza troppo ancora tutto solo sul tiro di Giaccherini respinto (25"), infine schiaccia di testa in modo perfetto sul cross di Pirlo per il salvataggio d"istinto del portiere ceco. In mezzo, un brutto fallo su Darida che vale il giallo e poteva essere anche rosso. A grattargli via i nervosismi, l"incitamento della curva juventina, a suo modo una notizia. L"Italia si espone ai contropiedi, va ancora vicina al pari con Candreva da fuori ma rischia grosso all"ultimo secondo: fortuna per lei che stavolta sia Kozak a sparare alto sul velo di Limbersky. La ripresa propone Osvaldo per Giaccherini - seconda marcia indietro di Prandelli - e si ricomincia subito con un gran destro di Balotelli cui Cech nega ancora una volta il gol. L"assedio azzurro è premiato all"undicesimo angolo: è il 7", Cech esce male e Chiellini schiaccia a porta vuota per l"1-1. Le notizie da La Valletta dicono di una Bulgaria vittoriosa, gli azzurri sanno che non basta il pari per volare in Brasile e insistono. E sono premiati dopo soli due minuti. Sul lancio in area Gebresellasie fa fallo su Balotelli, rigore e con la fidanzata Fanny in tribuna esulta per il 2-1 tutto lo stadio. È il ventesimo rigore realizzato su 20 tiri dal dischetto, altro piccolo record della serata.

Non è finita qui, perchè la Repubblica Ceca ci crede e cerca il pari mentre l"Italia deve prendere fiato. Kozak la mette sul fisico, fa uscire Pasqual per una gomitata e si prende solo il giallo, ma è ancora l"Italia con Candreva (35") ad andare più vicina al gol, con un tiro al volo da fuori area. La palletta di Raburic sotto porta al 49" prova a dare il brivido finale, ma è troppo debole per fermare la festa azzurra.


Cesare Prandelli. «Ho visto una grande Italia. Nel primo tempo abbiamo preso un contropiede ma anche creato quattro palle gol. All"intervallo ho detto che non dovevamo demoralizzarci e siamo stati bravi». Così Cesare Prandelli, ai microfoni di Rai Sport. «Gli errori di Balotelli? Può capitare di sbagliare e gli ho detto di essere tranquillo - ha proseguito - Noi siamo una squadra che conosce i propri limiti e che cerca di enfatizzare le proprie qualità. Speriamo fare sempre meglio». «Sono rimasto molto colpito dal fatto di quella dottoressa del Bergamasco, Eleonora Cantamessa, morta investita per aver soccorso un ferito in strada - ha concluso Prandelli - Mi ero detto che se stasera avessimo vinto le avrei dedicato il nostro successo, e così voglio fare».

Giorgio Chiellini. «Se Mario sta calmo e non si fa prendere da cose fuori dalla partita, è un giocatore determinante»: così ai microfoni di Rai Sport Giorgio Chiellini che si è complimentato con Balotelli. «Si è visto anche nel primo tempo di oggi, in cui ha trascinato la squadra - ha aggiunto - Veder sbagliare quei gol a Balotelli è strano anche per noi, perciò ci sembrava una partita stregata perchè sappiamo che Mario è capace di ogni prodezza». Con il successo di questa sera l"Italia ha staccato il biglietto per i Mondiali brasiliani con due turni d"anticipo: «Volevamo la vittoria e la qualificazione - ha proseguito Chiellini - ce la siamo guadagnata partita dopo partita, ma in particolare in questi tre anni abbiamo lavorato tanto. Conosciamo i nostri limiti e le nostre qualità, dobbiamo limitare i difetti sul campo, aiutandoci a vicenda, ed esaltando le nostre qualità. Non siamo i più forti a livello individuale, ma come collettivo diamo tutti il meglio di noi stessi, e questo aiuta a migliorare le prestazioni dei singoli».

Mario Balotelli. Tanti errori nel primo tempo poi il rigore che è valso la vittoria e la qualificazione ai Mondiali 2014: Mario Balotelli è stato protagonista di Italia-Repubblica Ceca. «Non mi è mai successo di sbagliare queste occasioni - ha detto ai microfoni di Rai Sport - sono stato sfortunato ma ci ho provato fino alla fine. Questo sta diventando un bel gruppo e soprattutto una squadra forte e compatta, che riesce a tirarsi fuori dalle situazioni complicate». «L"occasione più clamorosa? Quella di sinistro dopo la ribattuta di Cech, ho alzato la palla perchè pensavo che me la ribattesse, ma l"ho alzata troppo e non ho preso la porta». ha aggiunto. L"attaccante del Milan ha poi fatto i complimenti al pubblico dello Juventus Stadium: «Faccio i complimenti ai tifosi della Juventus, non me l"aspettavo e sono stati bravi». Alla domanda sulla sua assenza all"incontro di domenica con il ministro Kyenge, Balotelli spiega: «Non era un incontro obbligatorio, stavo dormendo come tanti altri compagni, ma capisco che la mia assenza ha creato maggiore rumore».

Sempre nel gruppo B anche la Bulgaria ha battuto 2-1 Malta a TàQali. Queste le reti: nel pt 9" Dimitrov; nel st" 14" Gargorov, 33" Herrera.

Risultati e classifiche
Gruppo F

Lussemburgo - Irlanda del Nord 3 - 2 Russia - Israele 3 - 1 - Classifica: 1. Russia 18 8 6 0 2 15 4 11 2. Portogallo 17 8 5 2 1 16 8 8 3. Israele 12 8 3 3 2 17 12 5 4. Irlanda del Nord 6 8 1 3 4 8 14 -6 5. Lussemburgo 6 8 1 3 4 7 19 -12 6. Azerbaigian 5 8 0 5 3 4 10 -6 Prossimi incontri: 11/10: Azerbaigian - Irlanda del Nord 11/10: Lssemburgo-Russia 11/10: Portogallo-Israele 15/10: Azerbaigian - Russia 15/10: Israele - Irlanda del Nord 15/10: Portogallo-Lussemburgo.
Gruppo D
Romania - Turchia 0-2 Andorra - Olanda 0-2 Ungheria - Estonia 5-1 - Classifica 1. OLANDA 22 8 7 1 0 24 4 20 (qualificata) 2. Ungheria 14 8 4 2 2 18 12 6 3. Turchia 13 8 4 1 3 14 7 7 4. Romania 13 8 4 1 3 13 12 1 5. Estonia 7 8 2 1 5 6 16 -10 6. Andorra 0 8 0 0 8 0 24 -24 Prossimi incontri: 11/10: Andorra - Romania 11/10: Estonia - Turchia 11/10 Olanda-Ungheria 15/10: Ungheria - Andorra 15/10: Romania - Estonia 15/10: Turqchia - Olanda.
Gruppo B
Italia - Repubblica Ceca 2-1 Armenia - Danimarca 0-1 Malta - Bulgaria 1-2 - Classifica: 1. ITALIA 20 8 6 2 0 15 5 10 (qualificata) 2. Bulgaria 13 8 3 4 1 13 6 7 3. Danimarca 12 8 3 3 2 9 10 -1 4. Rep. Ceca 9 8 2 3 3 8 8 0 5. Armenia 9 8 3 0 5 8 10 -2 6. Malta 3 8 1 0 7 4 18 -14 - Prossimi incontri 11/10: Armenia - Bulgaria 11/10: Malta - Rep. Ceca 11/10: Danimarca - Italia 15/10: Italia - Armenia 15/10: Bulgaria - Rep. Ceca 15/10: Danimarca - Malta.
Gruppo G
Grecia - Lettonia 1 - 0 Slovacchia - Bosnia 1 - 2 Lituania - Liechtenstein 2 - 0 Classifica: Bosnia 19 8 6 1 1 25 5 20 Grecia 19 8 6 1 1 9 4 5 Slovacchia 12 8 3 3 2 9 7 2 Lituania 8 8 2 2 4 7 10 -3 Lettonia 7 8 2 1 5 8 16 -8 6. Liechtenstein 2 8 0 2 6 3 19 -16 Prossimi incontri 11/10: Bosnia - Liechtenstein 11/10: Grecia - Slovacchia 11/10: Lituania - Lettonia 15/10: Grecia - Liechtenstein 15/10: Lettonia - Slovacchia 15/10: Lituania - Bosnia.
Gruppo C
Kazakhistan - Svezia 0-1 Austria - Irlanda 1-0 Far Oer - Germania 0-3 - Classifica 1. Germania 22 8 7 1 0 28 7 21 2. Svezia 17 8 5 2 1 14 8 6 3. Austria 14 8 4 2 2 16 8 8 4. Irlanda 11 8 3 2 3 13 13 0 5. Kazakhistan 4 8 1 1 6 4 17 -13 6. Far Oer 0 8 0 0 8 3 25 -22 - Prossimi incontri 11/10: Far Oer - Kazakhistan 11/10: Germania - Irlanda 11/10: Svezia - Austria 15/10: Far Oer - Austria 15/10: Irlanda - Kazakhstan 15/10: Svezia - Germania. 

fonte: ilmessaggero.it