Nuoto: Pellegrini critica la nazionale

31 convocati e 2 medaglie, lascio giudicare voi...'. Federica Pellegrini risponde così a chi le chiede un bilancio dell'Italnuoto ai Mondiali di Barcellona. E sul futuro che riparte proprio da questa rassegna iridata la vincitrice dell'argento nei 200 sl si è mostrata fiduciosa.

'Molte persone si sono informate dei metodi di Philippe (Lucas, il suo allenatore ndr) - ha detto - e dei metodi a Verona. A me piacerebbe avere dei compagni di allenamento adesso che si riprende con carichi maggiori'.
ansa

La legge anti-gay in Russia, un duro colpo allo sport

Alle Olimpiadi di Sochi 2014 verranno puniti coloro che faranno "propaganda di relazioni sessuali non tradizionali": sconcerto e prime minacce di boicottaggio

S e esistesse un dizionario "avanzato" in cui cercare la definizione delle parole oltre il significato immediato, alla voce sport troveremmo: libertà, socializzazione, confronto. Ogni sfida fisica è infatti anche un confronto di idee, modi di vivere, interessi. E visto che l’Olimpiade è il momento più alto dello sport, quello che più esalta i Diritti Umani, è difficile non cogliere la contraddizione di quello che la Russia sta per mettere sul piatto della prossima Olimpiade invernale di Sochi 2014, con la prima prova generale già fra una settimana ai Mondiali di atletica di Mosca.
Stiamo parlando della nuova legge anti-gay istituita in giugno dal governo di Putin che, già intollerabile come principio, rischia di minacciare a tal punto le prossime competizioni in Russia da sollevare già qualche minaccia di boicottaggio. Questa recrudescenza di intolleranza proposta dal regime di Putin ha fatto fatica a trovare posto sulla stampa internazionale, ma il Comitato Olimpico Internazionale l’ha portata alla luce denunciando la scorsa settimana la minaccia che incombe sull’essenza stessa dei Giochi.
In un primo momento tutti avevano creduto alle assicurazioni del governo russo su una specie di "tregua sportiva". Ma ad accendere la miccia ci ha pensato il ministro dello sport russo, Vitaly Mutko, che giovedì si è affrettato a spiegare che la nuova legge non nasce per perseguitare i gay ma verrà attuata durante i Giochi per punire solo coloro che faranno "propaganda di relazioni sessuali non tradizionali" di fronte a minori. E fa già pensare il fatto che nessun funzionario russo si azzardi a usare la parola gay, sostituita dall’odiosa dicitura "sessualità non tradizionale".
In ogni caso la legge impedisce di esprimere orientamenti gay sia online sia sulla stampa (del tutto vietati i Gay Pride) e per i cittadini stranieri che verranno scoperti a fare propaganda gay, la legge prevede pene che vanno fino a 2250 euro di multa, reclusione di 15 giorni, deportazione e divieto a fare rientro in Russia. Venerdì il Cio ha chiarito che userà tutti i mezzi perché la nuova legge non venga applicata agli atleti olimpici ma il candidato portoricano alla presidenza, Richard Carrion, è andato oltre, proponendo che le future candidate olimpiche non abbiano leggi statati discriminatorie in contrasto con la carta olimpica.
Inutile sottolineare che fra i partecipanti olimpici i gay so no presenti nella stessa percentuale della popolazione mondiale. Ma, oltre a loro, a Sochi ci saranno dirigenti, tecnici, accompagnatori, familiari, tifosi. Come può la Russia, proprio nello sport, pensare di segregare un diffuso modo di vivere. Giustamente i siti gay sono da giorni in fermento sull’argomento e il comitato olimpico australiano ha espresso la propria preoccupazione su una legge che permetterà di sospettare praticamente chiunque. Anche se fra gli atleti degli sport invernali non ci sono gay dichiarati come l’oro 2008 australiano della piattaforma Matthew Mitcham, erede in tutto e per tutto di Greg Louganis, proviamo ad immaginare gli scenari possibili per i gay nei prossimi avvenimenti in Russia.
E’ reato se dopo la gara va a baciare il suo fidanzato o, peggio, gli dedica la medaglia? E’ reato se dichiara il suo orientamento "non tradizionale?". E come dovranno comportarsi gli spettatori in tribuna e gli operatori della stampa nel diffondere le notizie? Sembra di essere tornati indietro di cento anni.
Fausto Narducci - gazzetta.it