Tabellone morto, il basket si suicida

La prima partita tra Acea Roma e Montepaschi Siena gestita tecnicamente come una gara di parrocchia

di Andrea Soglio
Premessa: i playoff del campionato di basket di quest'anno sono stati davvero un successo. Palazzetti esauriti, record di ascolti in tv dove ogni sera c'è una partita in diretta. GAre e serie tiratissime, ampio spazio sui giornali. Insomma, un'onda, uno tsunami di spettacolo e pubblicità che bisognava sfruttare al massimo con la finale tra Acea Roma e Montepaschi Siena per far fare un salto di qualità ad uno degli sport più praticati d'Italia ma tra i peggo gestiti, venduti e considerati.
Ed invece. Invece il basket decide di suicidarsi, in diretta tv, sul più bello. I fatti:
L'Acea Roma ha scelto come campo di gara il Pala Tiziano. Molto più piccolo del Palaeur, ma più caldo (dal punto di vista del tifo) e poi, visto com'è andata la post season dei capitolini, porta bene...
Così ecco il disastro. Al rientro dall'intervallo il tabellone elettronico si rompe. Soprattutto non funziona il conto alla rovescia dei 24 secondi. Uno strumento VITALE nella pallacanestro tanto che è obbligatorio dalla serie C in su. Senza, siamo ai livelli di basket amatoriale o parrocchiale.
Proprio quello che si è visto ieri al Pala Tiziano con il conteggio fatto con dei cartelli di legno e gli assistenti delle due panchine ad urlare un loro personalissimo conto alla rovescia ad ogni azione. Insomma, le comiche. E meno male che la partita è stata vinta da Siena in maniera netta ed indiscutibile. Ve le immaginate le polemiche in caso di arrivo in volata?
Insomma, la prima partita delle finali è stata falsata e gestita come una roba da torneo dei bar, sotto tutti i punti di vista. Chi fosse convinto del contrario (perché in lega, alla federazione e nelle società ci sarà qualcuno che la pensa davvero così) si guardi cosa succedeva negli Stati Uniti poche ore dopo la sirena di Roma. A San Antonio gli Spurs hanno giocato gara 3 delle nba finals contro i Miami Heat. Guardate lo show prima, durante e dopo la partita, l'inquadrature della tv, il palazzetto, il pubblico. Uno spettacolo, uno spot.
Noi, non ci resta che piangere.
ps. Ad Ottobre il commissioner Nba, David Stern, rispose così alla domanda di un cronista sul perché l'NBA aveva scelto di giocare in Inghilterra, Francia e Spagna, saltando l'Italia: "Perché in Italia non ci sono strutture all'altezza dei nostri standard..."
sport.panorama.it

 

Basket, finale scudetto: Siena sbanca Roma, gara 1 è sua

Inizia nel segno della Montepaschi la finale scudetto del campionato di basket. Siena, a caccia del settimo tricolore consecutivo, passa nettamente a Roma (85-76) in gara 1 riprendendosi subito il fattore campo. La squadra di Banchi, che proprio in trasferta ha disegnato il suo cammino nei play off vincendo lontano da casa le decisive gara 7 con Milano (nei quarti) e Varese (in semifinale), si dimostra ancora una volta infallibile negli appuntamenti che contano. La firma sul successo al Palatiziano la mettono il solito strepitoso Hackett (18 punti, 10 assist e 9 falli subiti), Moss (20 punti con 6 triple) e Brown (16). Roma, tornata in finale a cinque anni di distanza dall'ultima volta (nel 2008 finì 4-1 per Siena) e a caccia di uno scudetto che nella Capitale aspettano da trenta, gioca a sprazzi, con il suo leader Datome neanche in doppia cifra (7 punti con 3/7 al tiro) e i soli Taylor (15) e Lawal (17+8 rimbalzi) a reggere l'urto dei campioni uscenti. Giovedì si replica ancora a Roma.

L'inizio è tutto di Siena che nei primi 6' concede appena 6 punti volando subito a +10 (6-16) con due triple di Brown e i canestri di Moss. La reazione dell'Acea è affidata a Taylor, il play americano produce con Lawal un 6-0 che riporta la Virtus a contatto (12-16). Le triple di D'Ercole e Bailey ad inizio secondo quarto accendono il Palazzetto, Roma mette la testa avanti per la prima volta (24-22), spreme energia su ogni pallone e ribatte colpo su colpo alla Montepaschi. Banchi, che riporta tra i dodici Christmas) usa tanta zona
e trova risorse importanti dalla panchina, Eze segna 6 punti pesantissimi, Moss rimette la freccia e al riposo Siena è avanti di 2 (34-36) con Goss che segna sulla sirena del secondo quarto una tripla che tiene la Virtus a contatto.

Si riparte senza i tabelloni elettronici dei 24'' e il conteggio manuale. Lawal incappa nel terzo fallo, un brutto colpo per Calvani. Si accende Datome, cinque punti in fila per l'mvp del campionato, canestro di Taylor e sorpasso Roma sul 45-44 al 23'. Siena non si scompone, piazza un 7-0 con Brown e Sanikidze e torna avanti (45-51). Moss (3/4 da tre nel quarto) colpisce dalla distanza, la Montepaschi sale a +8 (51-59), Lorant dall'angolo firma il -3 (56-59) ma ancora Moss chiude il quarto con il trepunti del +6 (56-62).

Lawal segna il -4 all'inizio dell'ultimo periodo, è l'ultimo sussulto di Roma perché Siena piazza due triple in fila con Kangur e Ress e tocca nuovamente il +10 (58-68). Banchi usa il quintetto piccolo con Ress centro, Roma forza troppo, Hackett diventa il padrone della partita firmando il +13 (60-73) che a 6' dalla fine fa scorrere già i titoli di coda. ''Una vittoria importante su un campo molto difficile, volevamo riprenderci il fattore campo e ci siamo riusciti. Piedi a terra però perché la strada da fare è ancora tanta'' dirà a fine gara l'ex Pesaro. Dall'altro lato Datome promette battaglia: ''L'unico vantaggio che avevamo era quello del campo, hanno giocato meglio e meritato la vittoria. Non ci fasciamo la testa, anche con Reggio Emilia la serie è iniziata con una sconfitta e poi abbiamo vinto. Abbiamo il carattere per vincere la seconda sfida e poi andare a Siena a cercare il colpo''.   

Montepaschi Siena-Acea Roma 76-85(17-20, 34-36; 56-62)
Roma: Goss 16, Jones 9, D'Ercole 3, Datome 7, Bailey 3, Taylor 15, Lawal 17, Czyz 3, Lorant 3. N.e.: Tambone, Tonolli, Gorrieri. All.: Calvani.
Siena: Brown 17, Eze 8, Carraretto 2, Rasic 2, Kangur 3, Sanikidze 2, Ress 5, Ortner 8, Hackett 18, Christmas, Moss 20. N.e.: Lechthaler. All.:Banchi.
Arbitri: Cicoria, Paternicò, Bettini.
Note - Tiri liberi: Roma 7/10, Siena 14/19. Tiri da tre: Roma 9/22, Siena 13/26. Rimbalzi: Roma 41, Siena 28. Usciti per 5 falli:  Jones al 39'11". Spettatori: 3493.

Basket serie A: Trenkwalder riconferma lo Staff Medico societario

La Pallacanestro Reggiana comunica di aver confermato, anche per la stagione 2013/2014, lo Staff Medico societario composto dal Responsabile Sanitario Dott. Vincenzo Guiducci e dai medici sociali Dott. Umberto Guiducci e Dott. Giovanbattista Camurri.

Il Dott. Guiducci potrà avvalersi anche nella nuova stagione sportiva della preziosa collaborazione del Dott. Rodolfo Rocchi in qualità di consulente ortopedico e del Dott. Carlo Vinci, consulente chiropratico.
fonte originale >>> link