Vela, morto britannico Andrew Simpson Tragedia in allenamento Coppa America, si ribalta l'Artemis

(ANSA) - SAN FRANCISCO (USA), 10 MAG - E' l'olimpionico di vela britannico Andrew 'Bart' Simpson, oro a Pechino 2008 e argento a Londra 2012, la vittima del ribaltamento del catamarano svedese Artemis negli allenamenti di ieri per la Coppa America. L'incidente e' avvenuto nella baia di San Francisco, al largo delle coste californiane. Un altro dei 12 membri dell'equipaggio e' stato ricoverato, ma non e' in pericolo di vita.

Scontri per Atalanta-Juve, sette i feriti

Sono in tutto 7, di cui 4 appartenenti alle forze dell'ordine, le persone rimaste ferite negli scontri prima di Atalanta-Juventus. Nessuno di loro è grave: gli altri tre feriti sono atalantini. Lo rende noto la questura. La digos sta intanto cercando di ricostruire la dinamica dell'accaduto anche grazie alle riprese video interne ed esterne allo stadio: per il momento non sono stati presi provvedimenti nei confronti di alcuno. La polizia sta anche cercando di fare il punto con i Pronto soccorso degli ospedali Giovanni XXIII e Gavazzeni per avere il quadro complessivo della situazione e scoprire eventuali altri feriti. Cresce anche il numero di veicoli rimasti danneggiati negli scontri avvenuti nei pressi dello stadio di Bergamo.
RAZZI E PIASTRELLE TRA CURVE, MULTA ATALANTA E JUVE - Cinquantamila euro di multa con diffida. Tanto sono costate a Atalanta e Juve le intemperanze dei tifosi: il giudice di Serie A ha sanzionato così i due club sottolineando che i sostenitori hanno effettuato un reciproco e fitto "lancio di fumogeni e pezzi di piastrelle, divelte nei locali igienici dello stadio, con conseguenze contusive in danno di cinque persone". La sanzione è stata attenuata per la cooperazione delle due società: decisivo anche l'intervento del tecnico bianconero Conte, corso a calmare i tifosi.
JUVE A TIFOSI 'SABATO SOLO FESTA,NO INVASIONI CAMPO'  – "Tutti in piedi per la Juve ma al proprio posto". La Juventus, che sabato sera festeggia lo scudetto nell'ultima partita casalinga contro il Cagliari, invita così i suoi tifosi e tutti coloro che saranno presenti allo Stadium "a rimanere al proprio posto al termine della gara e a non invadere il terreno di gioco, anche per evitare provvedimenti da parte delle autorità di pubblica sicurezza". "Milioni di tifosi juventini nel mondo e migliaia allo stadio – prosegue il club sul suo sito - meritano di poter riservare un doveroso tributo ad Antonio Conte e ai suoi ragazzi. Lo Juventus Stadium è il solo impianto italiano senza barriere, siamo unici anche in questo. Facciamo vedere a tutti il perché".
ansa

Sport fa bene a studio, teenager sportivi piu' bravi a scuola

Lo sport fa bene, anche allo studio. I ragazzi che praticano infatti piu' di 2 ore di attivita' fisica in orario extrascolastico alla settimana hanno stili di vita piu' sani e vanno meglio a scuola. A dirlo sono i dati dell'Osservatorio della Societa' italiana di pediatria (Sip), presentati in occasione del 69/mo Congresso nazionale della Societa' apertosi oggi a Bologna, che sfatano il luogo comune secondo cui sport e studio non andrebbero d'accordo.

Sono infatti proprio gli 'sportivi' ad avere un rendimento scolastico migliore rispetto ai 'sedentari': cosi', dichiara di ''andare bene a scuola'' il 56,5% dei primi contro il 40,3% dei secondi. E questo dedicando allo studio quotidiano un numero di ore pressoche' confrontabile. Ma c'e' di piu': gli 'sportivi' sono anche lettori di libri non scolastici piu' accaniti. Praticare sport, inoltre, sembra innescare, nelle abitudini di vita degli adolescenti, un importante circolo virtuoso. A partire dalle abitudini alimentari: a dichiarare di avere, ad esempio, un'alimentazione molto variata e' il 50,2% degli 'sportivi' (ovvero coloro che praticano piu' di 2 ore alla settimana di sport oltre quello fatto a scuola) contro il 40% dei 'sedentari' (quelli che non praticano alcuna attivita' fisico-sportiva extrascolastica).

Eppure, secondo i dati 2012 dell'Osservatorio SIP su 'Abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani', quasi il 40% degli adolescenti nella fascia d'eta' 13-14 anni non pratica alcuna attivita' sportiva (oltre alle 2 ore settimanali previste dal calendario scolastico), o la pratica per meno di due ore alla settimana. E la percentuale sale al 44% per quanto riguarda le ragazze. Troppo poco, secondo Giovanni Corsello, presidente della Sip, che precisa: ''Un adolescente, in questa fascia d'eta', dovrebbe praticare almeno un'ora al giorno di attivita' fisico-sportiva, che non significa necessariamente attivita' agonistica, ma puo' essere anche solo correre in un parco. Un'esigenza connaturata alla fase di sviluppo, ma che oggi diventa ancora piu' necessaria considerando sia lo stile di vita troppo sedentario dei nostri ragazzi, sia le abitudini alimentari non corrette''. (ANSA).