Ecco i protagonisti dello scudetto numero 29 della Juventus, voto per voto


- BUFFON 7.5: un solo infortunio, con la Sampdoria in casa. Per il resto grande sicurezza.
- STORARI 6: una sola sostituzione di Buffon, impeccabile.
- BARZAGLI 9: non sbaglia una partita, non si ferma mai, dimostra vitalità e continuità stupefacenti, sempre tra i migliori.
- BONUCCI 8: molto maturato, non cade più in errori di presunzione. Eccellente nell'anticipo e nel rilanciare l'azione da regista basso. Sicuro ed equilibrato, il reparto ne risente in positivo.
- CHIELLINI 8.5: più che mai lottatore indomito, ma anche realizzatore prezioso come a Napoli. Bloccato all'inizio e nel finale di stagione da infortuni, ma non molla mai.
- LICHTSTEINER 7.5: si conferma l'esterno destro più forte del campionato. Tampona, rilancia, segna, instancabile e tatticamente perfetto. Anche sul piano fisico, indistruttibile.
- VIDAL 9: stagione strepitosa per un giocatore totale. Recupera palla, la smista con lucidità e sicurezza, è instancabile nel ritmo che impone agli avversari, si fa sempre rincorrere. Segna anche caterve di gol (10 a oggi) tutti importantissimi, e si mostra freddo anche dal dischetto. L'uomo scudetto della Juventus è lui.
- PIRLO 7.5: qualche flessione rispetto allo scorso anno. Ma anche nelle giornate buie, è lui la luce della squadra.
- MARCHISIO 7.5: stagione a sprazzi, grandi momenti di ispirazione, alternati a match in cui sparisce dal campo. Classe indiscussa, ma gli manca la consueta continuità.
- ASAMOAH 7: inizio ottimo, poi sparisce dopo la Coppa d'Africa. Torna forte e prezioso, ma non il mastino del girone di andata.
- VUCINIC 7: croce e delizia. Spesso si perde in fronzoli. Ogni tanto si riscatta con giocate e gol preziosi, ma la discontinuità è insita nel suo Dna. - GIOVINCO 6: inizia malissimo, poi conquista la fiducia con qualche gol e spunti anche interessanti. Patisce sempre l'inferiorità fisica. Utile, non prezioso.
- QUAGLIARELLA 7: impiegato poco, tutte le volte in cui viene chiamato risponde con gol decisivi (l'ultimo con l'Inter). E' il più attaccante delle punte bianconere, ma raramente ha la possibilità di dimostrarlo. - MATRI 6: impiegato a sprazzi, si riconquista la fiducia un po' persa con alcuni gol importanti, come quello con l'Inter.
- POGBA 9: Età pazzesca, 19 anni e poche partite: ma è la vera sorpresa della squadra, strabilia tutti mostrando colpi da campione e dimostrandosi forte e completo in tutto, dal tiro micidiale al colpo di testa, al passaggio filtrante, al dribbling stretto. E' un fenomeno anche fisicamente.
- CACERES 6.5: sempre puntuale e efficace, l'incidente d'auto lo frena a metà stagione, quando sarebbe stato indispensabile.
- DE CEGLIE 6: poche presenze, leggero miglioramento. - MARRONE 7: difensore acquisito, se la cava sempre in modo egregio. Dimostra classe e maturità non solo in campo.
- PELUSO 6.5: dopo alcune incertezze iniziali si dimostra una preziosa alternativa sia a Chiellini che ad Asamoah.
- PADOIN 6.5: ogni volta che gioca (poco) fa ampiamente il suo dovere e dà tutto.
- GIACCHERINI 7: è l'eroe di Juve-Catania, con il gol decisivo nel finale. Gioca poco ma incide sempre. Utilissimo. - ISLA 5: stagione completamente fallita dopo il grave infortunio. Non è riuscito a riprendersi e a rendersi utile.
- BENDTNER E ANELKA sv: due meteore.
- CONTE: 10: Nonostante la squalifica di quattro mesi, gestisce gruppo e stagione in modo fantastico. Gran parte del merito del secondo scudetto è suo.
ansa

Moto: Spagna, fa festa Pedrosa

Tre piloti di casa sul podio del Gp di Spagna, a Jerez de la Frontera: Dani Pedrosa su Honda, Marc Marquez su Honda e Jorge Lorenzo su Yamaha. Quarto posto per Valentino Rossi su Yamaha, mai in grado di competere per il podio. Ottavo Andrea Dovizioso con la Ducati, mentre Andrea Iannone (Ducati) e' caduto nei primi giri. Marquez e' il nuovo leader del Mondiale con 61 punti, seguito dal compagno di squadra Pedrosa con 58 e dal campione del mondo in carica Lorenzo con 57; Rossi rimane 4/o con 43.
ansa

Serie A: Juventus campione d'Italia

La Juventus batte il Palermo 1-0 e si aggiudica con tre giornate di anticipo il suo 29/o scudetto (il 2/o di fila). Rete di Vidal su rigore al 59'. Altri risultati della 35/a giornata di Serie A: Catania-Siena 3-0 (14', 52' e 71' Bergessio); Genoa-Pescara 4-1 (19' Floro Flores, 30' e 54' Borriello, 35' Sculli, 70' Bertolacci); Lazio-Bologna 6-0 (22', 36', 39', 50' e 61' Klose, 32' Hernanes); Milan-Torino 1-0 (84' Balotelli); Parma-Atalanta 2-0 (45' Parolo, 58' Biabiany); Napoli-Inter alle 20:45.
ansa

Giro: Cavendish prima maglia rosa

Mark Cavendish e' la prima maglia rosa del 96/o Giro d'Italia. Il britannico ha vinto la prima tappa, un circuito cittadino a Napoli di 130 km. Il velocista della Omega Pharma-Quickstep, ex campione del mondo, ha preceduto allo sprint Elia Viviani e il francese Nacer Bouhanni. Quarto Giacomo Nizzolo, quinto Matthew Goss. La tappa e' stata caratterizzata da una caduta a un paio di chilometri dall'arrivo, che ha coinvolto fra gli altri Mattia Gavazzi, che era considerato tra i favoriti di oggi.
ansa