Domenica sui canali Rai Sport: il palinsesto delle gare in onda il 21 Aprile 2013

Come ogni fine settimana anche oggi, Domenica 21 Aprile 2013, è arrivato su Digital-Sat (www.digital-sat.it) il momento della presentazione a cura di Simone Rossi dell'offerta sportiva targata Rai del weekend sulle reti generaliste e all'interno della programmazione di Rai Sport 1 e Rai Sport 2, i due canali tematici a carattere sportivo. Quest'ultimi sono in onda gratuitamente sulla piattaforma digitale terrestre (LCN 57 e 58) e su satellite (per gli abbonati Sky canali 227 e 228, su Tivùsat ai canali 21 e 22).

LO SPORT SULLE RETI RAI GENERALISTE (RAI 1, RAI 2, RAI 3)
a cura di Simone Rossi - Digital-Sat.it
ore 15.08 - RAITRE:
Ciclismo: Classiche del Nord Liegi/Bastogne/Liegi (diretta)
da Liegi [Belgio]
Telecronaca: Francesco Pancani, Davide Cassani, Alessandra De Stefano
In studio: Andrea De Luca e Beppe Conti
ore 17.11 - RAIDUE:
Rubrica - Stadio Sprint (diretta)
Conduce: Enrico Varriale
Ospiti: Don Alessio Albertini
Postazione internet: Giovanna Carollo
ore 18.10 - RAIDUE:
Rubrica - 90° Minuto Serie A (diretta)
Conduce: Franco Lauro
In studio: Beppe Dossena e Adriano Bacconi
ore 20.35 - RAIUNO:
Rubrica - 5 Minuti di Recupero con Laura Coccia (diretta)
Conduce: Carlo Paris
ore 20.59  - RAIDUE
Automobilismo - Pole Position (rubrica)
dal "Bahrain International Circuit" di Manama [Bahrain]
ore 21.10 - RAIDUE e RAI HD:
Automobilismo - Formula 1: GP Bahrain Gara (differita gara delle ore 14.00)
dal "Bahrain International Circuit" di Manama [Bahrain]
Telecronaca: Gianfranco Mazzoni, Ivan Capelli, Giancarlo Bruno e Giorgio Piola
Interviste: Ettore Giovannelli e Stella Bruno
ore 23.03 - RAIDUE:
Rubrica - La Domenica Sportiva (diretta)
Conduce: Paola Ferrari
In studio: Gene Gnocchi, Emiliano Mondonico, Ivan Zazzaroni, Fulvio Collovati, Adriano Bacconi
OGGI SU RAISPORT 1 e 2 (SATELLITE, DIGITALE TERRESTRE, TIVUSAT)
Palinsesto di Rai Sport 1 di Domenica 21 Aprile 2013
  • ore 08:00 Notiziario: Tg Sport + Rassegna Stampa (diretta)
  • ore 08:55 Canottaggio: Memorial D'Aloja 2a giornata (diretta)
    da Piediluco [Trento]
    Telecronaca: Marco Lollobrigida e Raffaele Leonardo
  • ore 11:25 Tennis: Semifinale Fed Cup Italia - Rep. Ceca 2a giornata (diretta)
    da Palermo
    Telecronaca: Alessandro Fabretti e Rita Grande
  • ore 18:00 Vela: America's Cup (differita)
    da Napoli
    Telecronaca: Giulio Guazzini e Paolo Scudellaro
  • ore 19:00 Calcio: Lega Pro Coppa Italia Finale Ritorno Latina - Viareggio (differita)
    da Latina
    Telecronaca: Luca Pisinicca e Mario Facco
  • ore 20:35 Pallacanestro: Camp. Italiano serie A Trenkwalder Reggio Emilia - Lenovo Cantù (diretta)
    dal PalaBigi di Reggio Emilia
    Telecronaca: Edi Dembinski e Stefano Michelini
  • ore 22:25 Teca: Memoria Rai Sport (archivio)
  • ore 23:05 Rubrica: Studio Brasil (diretta)
    Conduce: Andrea Fusco
  • ore 23:30 Calcio Brasiliano: Camp. Paulista 2013 Mogi Mirim - Sao Paolo (differita gara delle ore 21.00) *
    Telecronaca: Giuseppe Galati e Josè Altafini
  • ore 01:20 Rubrica: Studio Brasil (diretta)
    Conduce: Andrea Fusco
Palinsesto di Rai Sport 2 di Domenica 21 Aprile 2013
  • ore 07:00 Calcio: Campionato Serie A 12/13 Roma - Lazio (gara del 8/4)
    dallo stadio "Olimpico" di Roma
    Telecronaca: Marco Lollobrigida
  • ore 08:45 Teca: Memoria Rai Sport - ArciBrera (archivio)
  • ore 09:55 Atletica Leggera: Maratona di Londra 2013 (diretta)
    da Londra
    Telecronaca: Marco Fantasia e Orlando Pizzolato
  • ore 13:25 Ginnastica Artistica: Campionati Europei 2013 (diretta)
    da Mosca [Russia]
    Telecronaca: Giovanna Carollo e Carmine Luppino
  • ore 14:20 Ciclismo: Classiche del Nord Liegi/Bastogne/Liegi (diretta) [dalle 15.05 la diretta si sposta su RAITRE]
    da Liegi [Belgio]
    Telecronaca: Francesco Pancani, Davide Cassani, Alessandra De Stefano
    In studio: Andrea De Luca e Beppe Conti
  • ore 15:00 Calcio: Campionato Italiano Lega Pro Pavia - Albinoleffe (diretta)
    da Pavia
    Telecronaca: Luca De Capitani e Katia Serra
    Bordocampo: Francesco Rocchi
  • ore 17:10 Ciclismo: Classiche del Nord Liegi/Bastogne/Liegi  Post Gara (diretta)
    da Liegi [Belgio]
    Telecronaca: Francesco Pancani, Davide Cassani, Alessandra De Stefano
    In studio: Andrea De Luca e Beppe Conti
  • ore 17:25 Rugby: Camp. Italiano Eccellenza Calvisano - Viadana (differita gara delle ore 15.00)
    dal "Peroni Stadium S.Michele" di Calvisano [Brescia]
    Telecronaca: Riccardo Pescante e Andrea Gritti
  • ore 19:15 Tennis: Torneo ATP Rai - Finale (differita)
    dal Circolo Sportivo Rai di Roma
    Telecronaca: Nicola Sangiorgio e Stefano Pescosolido
  • ore 21:15 Basket Disabili: Finale Campionato Giovanile (differita gara delle ore 11.30)
    Dal Pala Gavagnin di Verona
    Telecronaca: Lorenzo Roata
  • ore 23:00 Automobilismo: Pole Position - Il Commento (diretta)
    Conduce: Vincenzo Di Monte
    Opinionisti: Pino Allievi e Franco Nugnes
    Moviola: Roberto Boccafogli
  • ore 23:45 Pallanuoto: Camp. Italiano Femm.le serie A Orizzonte Catania - Imperia (gara del 20/4)
    da Catania
    Telecronaca: Dario Di Gennaro e Francesco Postiglione
* = Evento disponibile solamente sul digitale terrestre e via satellite per utenti con smartcard Tivùsat
*** Si potrebbero verificare delle variazioni al palinsesto
in relazione alla diversa durata degli eventi in onda sui canali ***
LE GARE IN DIRETTA SUL SITO WEB DI RAISPORT
24 ore su 24 - Rai Sport 1 e 2 (www.raisport.rai.it)
Tutta la programmazione in onda sul canale digitale Rai Sport 1 e 2
LO SPORT DELLA RAI ALLA RADIO
Domenica Sport del 21 Aprile  sarà presentata da Massimiliano Graziani (prima parte) e Paolo Zauli (a partire dalle 18). Puntata particolarmente ricca di eventi raccontati in diretta: protagonisti della giornata saranno il calcio, la Formula 1, il tennis, la pallacanestro e il motomondiale. Si comincia alle 12.25 con la presentazione della giornata sportiva.

In apertura, linea a Palermo per la seconda e ultima giornata di incontri di Italia-Repubblica Ceca, semifinale di Fed Cup di tennis (inviato Emilio Mancuso). Quindi, linea a Milano per l’anticipo delle 12,30 della trentatreesima di Serie A, Inter-Parma. Cronaca di Giovanni Scaramuzzino e Umberto Avallone. A partire dalle 14.00 scatta anche il Gran Premio del Bahrein di Formula 1. La cronaca è di Giulio Delfino.
Alle 14.50 Filippo Corsini conduce “Tutto il calcio minuto per minuto”. Seguiremo gli incontri del 33° turno di Serie A: Napoli-Cagliari (Riccardo Cucchi), Fiorentina-Torino (Emanuele Dotto), Roma-Pescara (Daniele Fortuna), Catania-Palermo (Niki Pandolfini), Siena-Chievo (Ugo Russo), Bologna-Sampdoria (Antonio Monaco). Al termine delle partite, le interviste dagli spogliatoi e la moviola di Filippo Grassia.

Alle 18.10 lo “Speciale Formula 1”, a cura di Giulio Delfino: commenti e interviste a seguito del Gran Premio del Bahrein. A seguire, “Microfono alla Lega Pro” di Luca Purificato, con risultati e classifiche delle serie minori; ospite Giovanni Pagliari, allenatore del L’Aquila. Dalle 18.30 Alberto Pancrazi conduce Tuttobasket. Seguiremo gli incontri della tredicesima giornata di ritorno di serie A1: Montepaschi Siena-Umana Venezia (Massimo Barchiesi), Juve Caserta-Sidigas Avellino (Ettore De Lorenzo), Sutor Montegranaro-Scavolini Banca Marche Pesaro (Pierpaolo Rivalta); aggiornamenti da studio dei risultati dagli altri campi di A e di Legadue.

Alle 20.20 presentazione del posticipo della trentatreesima di A, Juventus-Milan: collegamento con gli inviati Francesco Repice e Umberto Avallone e intervista a due rispettivi ex. Dalle 20.45 alle 22.30 cronaca di Juventus-Milan. Al termine delle partite, la moviola di Filippo Grassia e le interviste dagli spogliatoi. Alle 21.00 scatta la MotoGp, con il Gran Premio d’America (ad Austin). Lo seguiremo con la cronaca di Nico Forletta. Quindi, Antonio Cabrini e Filippo Grassia risponderanno alle telefonate degli ascoltatori. Chiusura alle 23.30.

LO SPORT PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO SU RAITALIA
Rai Italia trasmette in tutto il mondo (escluso in Europa) una selezione dei programmi della Rai Radiotelevisione Italiana, insieme a programmi originali prodotti per gli italiani che vivono all'estero e per tutti coloro che hanno con il nostro paese un legame d'origine o anche solo di curiosità. Ogni weekend in diretta esclusiva su Rai Italia le principali partite del campionato italiano di Serie A disputate al sabato e alla domenica. Ad accompagnare ogni turno di campionato Rai Sport presenta ''La Giostra dei Gol" con l'aggiornamento in diretta dei gol da tutti i campi, commenti ed approfondimenti con ospiti in studio. Gli orari indicati di seguito fanno riferimento al fuso orario italiano.
ore 12.30: Calcio Serie A: Inter vs Parma (diretta)
ore 14.30: Rubrica: La Giostra dei Gol Serie A (diretta)
ore 15.00: Calcio Serie A: Napoli vs Cagliari (diretta)
ore 17.10: Rubrica: Stadio Sprint (diretta)
ore 20.45: Calcio Serie A: Juventus vs Milan (diretta)
Articolo a cura di
Simone Rossi
per "Digital-Sat.it"

Serie A: Juventus - Milan in diretta in HD su Sky Sport e Mediaset Premium

Serie A: Juventus - Milan in diretta in HD su Sky Sport e Mediaset Premium
Serie A: Juventus - Milan in diretta in HD su Sky Sport e Mediaset PremiumLa 33esima giornata di Serie A si chiuderà domenica sera allo Juventus Stadium con il big match tra i padroni di casa e il Milan (diretta su Sky Sport e Mediaset Premium). Le squadre che si sono aggiudicate gli ultimi due scudetti. Una sfida che i campioni d'Italia aspettano da un intero girone. Da quando, lo scorso 24 novembre a San Siro, i bianconeri furono sconfitti in quella che fu la loro peggior partita giocata in campionato.
Nell'anticipo delle 18 del sabato un Genoa povero di idee non va oltre il pareggio in casa con l’Atalanta (1-1) e vede per la prima volta da distanza molto ravvicinata lo spettro della serie B. Il punto preso contro un’Atalanta mediocre, che supplisce all’assenza del suo goleador Denis con un gol del centrocampista Del Grosso – due minuti dopo il vantaggio di Floro Flores – lascia il Genoa un punto dietro la quart’ultima, il Siena, che giocherà in casa con il Chievo. Prezioso invece il punto conquistato dagli uomini di Colantuono (espulso nella ripresa per proteste), che salgono a 38 e sono tranquilli.
L'Udinese continua la sua rincorsa alle zone alte della classifica e porta a casa altri tre punti fondamentali nella volata verso l'Europa grazie al successo (1-0) su una Lazio parsa in fase calante. Gli uomini di Guidolin sfruttano tutta l'esperienza e la classe di Di Natale e nel primo tempo segnano la rete della vittoria con il loro cannoniere: al 19', servito da con un cross di precisione dalla sinistra di Gabriel Silva, il bomber mette a segno un gol-capolavoro con un destro in mezza rovesciata che si infila alle spalle di Marchetti.
MATCH OF THE DAY: JUVENTUS - MILAN - ore 20.45 diretta su Sky Sport e Premium Calcio)
Niente vendette, ma solo tre punti. Milan o un'altra, per Conte non fa differenza: la Juventus vuole chiudere la pratica scudetto prima possibile. C'è spazio, semmai, in un clima di ritrovata serenità, per un paio di battute gustose. Adriano Galliani continua a stilare tabelle da cui evince che il Milan è alla pari con la Juventus, anzi, a punti fatti sarebbe più avanti? E Conte risponde così: «Ha ragione. Non sempre vince il migliore. E al Milan in questi due anni non è capitato...».
La partita dell'andata, per il tecnico
«fu strana, il Milan vinse con un episodio discusso, ma ci sorprese e ci svegliammo troppo tardi. Fu una sconfitta meritata e diede il via alla rinascita rossonera. Oggi non pensiamo né all'andata né, tantomeno, a ricacciare il Milan fuori dalla zona Champions. Chi pensa questo ha detto una fesseria, come ho letto. Noi vogliamo i tre punti e basta, per fare un altro passo avanti che nel minor tempo possibile ci permetta di conquistare il secondo scudetto, un'impresa, come ho ripetuto più volte, che sarebbe straordinaria».
Spende parole di stima per il Milan:
«È forte e senza la partenza a handicap avrebbe fatto un altro campionato. Ma io certo mai avrei immaginato di trovarmi a undici punti di vantaggio a sei turni dal termine, anche perché è stata una annata dura, complicata pure dalla mia squalifica. Sul mercato non parlo, per rispetto a chi c'è, ma sarà giusto confrontarci, in società, a fine campionato».
La Juventus è più forte ma il Milan a Torino vuole punti per la Champions League. «Per fare risultato contro la Juve serve una grande prestazione, ma anche i bianconeri devono esprimersi ad altri livelli se vogliono vincere», dice il tecnico rossonero Massimiliano Allegri alla vigilia del big match.
«La Juve vorrà i 3 punti per chiudere in fretta cercheranno di ottenere dei punti per chiudere prima il campionato, mentre a noi servono i punti per consolidare il terzo posto e rimanere nella scia del Napoli. Ci sono 6 partite per rimanere nei primi tre posti. Nelle ultime 24 partite abbiamo fatto gli stessi punti della Juventus, ma noi all'inizio del campionato siamo andati male accumulando il ritardo che ora ci separa dai bianconeri. La Juve è ampiamente la squadra più forte del campionato e merita lo scudetto, il prossimo anno ripartiremo tutti da zero. Se saremo bravi, lotteremo per il titolo.»
Curiosità in cifre: 
LE PROBABILI FORMAZIONI DI JUVENTUS - MILAN
Serie A: Juventus - Milan in diretta in HD su Sky Sport e Mediaset PremiumJUVENTUS (3-5-1-1): 1 Buffon; 15 Barzagli, 19 Bonucci, 13 Peluso; 26 Lichtsteiner, 23 Vidal, 21 Pirlo, 6 Pogba, 22 Asamoah; 8 Marchisio; 9 Vucinic. A disposizione: 30 Storari, 34 Rubinho, 39 Marrone, 3 Chiellini, 4 Caceres, 11 De Ceglie, 20 Padoin, 33 Isla, 24 Giaccherini, 27 Quagliarella, 32 Matri, 18 Anelka. All.: Conte Squalificati: nessuno Indisponibili: Pepe, Giovinco, Anelka
Serie A: Juventus - Milan in diretta in HD su Sky Sport e Mediaset PremiumMILAN (4-3-3): 32 Abbiati; 2 De Sciglio, 5 Mexes, 17 Zapata, 21 Constant; 4 Muntari, 18 Montolivo, 23 Ambrosini; 19 Niang, 11 Pazzini, 92 El Shaarawy. A disposizione: 1 Amelia, 59 Gabriel, 20 Abate, 76 Yepes, 25 Bonera, 81 Zaccardo, 77 Antonini, 8 Nocerino, 14 Salamon, 10 Boateng, 7 Robinho, 22 Bojan. All. Allegri Squalificati: Balotelli (1), Flamini (1) Indisponibili: De Jong
LE PARTITE ODIERNE IN TELEVISIONE:
Per maggiori dettagli sui canali e sui telecronisti delle varie partite vi rimando alle news pubblicate in precedenza sulle pagine di Digital-Sat.it (www.digital-sat.it)
Sky SportLogo Sky Sport HD Serie A - Programma, telecronisti e Diretta Gol 33° Giornata

Premium Calcio
Mediaset Premium Calcio Serie A - Programma, telecronisti e Diretta Premium 33° Giornata
Domenica 21 Aprile ore 12.30
Inter vs Parma - Milano, Giuseppe Meazza - San Siro
Satellite: Sky Calcio 1 HD e Sky SuperCalcio HD (can. 251-205)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio e Premium Calcio HD (can. 370-381)
In mobilità: Sky Go e Premium Play
Domenica 21 Aprile ore 15.00
Bologna vs Sampdoria - Bologna, Renato Dall'Ara
Satellite:
SKY Calcio 5 HD (canale 255)
Digitale Terrestre: nessuna copertura prevista
In mobilità: Sky Go

Catania vs Palermo - Catania, Angelo Massimino
Satellite: SKY Calcio 4 HD (canale 254)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio 4 (canale 374)
In mobilità: Sky Go

Fiorentina vs Torino - Firenze, Artemio Franchi
Satellite: SKY Calcio 3 HD (canale 253)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio 3 (canale 373)
In mobilità: Sky Go

Napoli vs Cagliari - Napoli, San Paolo
Satellite: SKY Sport 1 HD e SKY Calcio 1 HD (canale 201-251)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio 1 e Premium Calcio HD (canale 371-381)
In mobilità: Sky Go e Premium Play

Roma vs Pescara - Roma, Olimpico
Satellite: SKY Calcio 2 HD (canale 252)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio 2 (canale 372)
In mobilità: Sky Go e Premium Play
Siena vs Chievo Verona - Siena, Artemio Franchi - Montepaschi Arena
Satellite: SKY Calcio 6 HD (canale 256)
Digitale Terrestre: nessuna copertura prevista
In mobilità: Sky Go
Diretta Gol Serie A - Collegamenti alternati con i campi di Serie A
Satellite: Sky SuperCalcio HD (canale 205)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio (can. 370)
In mobilità: Sky Go e Premium Play
Domenica 21 Aprile ore 20.45

Juventus vs Milan - Torino, Juventus Stadium
Satellite: Sky Sport 1 HD, Sky SuperCalcio HD, Sky Calcio 1 HD (can. 201-205-251)
Digitale Terrestre: Mediaset Premium Calcio e Premium Calcio HD (can. 370-381)
In mobilità: Sky Go e Premium Play


Articolo a cura di
Simone Rossi
per "Digital-Sat.it"

Derby duro, triste e finale


Non succede, ma se succede... Ed è successo: Inter eliminata, Roma in finale. Per la prima volta, la finalissima di coppa Italia, in programma - si spera - , domenica 26 maggio (l’ora è tutta da decidere) allo stadio Olimpico della capitale vedrà di fronte Lazio e Roma.
Sulla carta un piccolo momento di gloria per il calcio capitolino, una festa dello sport per la “città eterna”, che però è eternamente perseguitata dalle frange estreme delle due opposte fazioni che minacciano pericolo di nuovi scontri. Derby atto terzo stagionale, la rivincita (nei due precedenti di campionato il primo l’ha vinto la Lazio, l’altro è finito 1-1) in campo, ma che si preannuncia come la resa dei conti fuori. È ancora aperta la ferita dei fattacci di Ponte Milvio: posticipo di lunedì 8 aprile, prima del derby si scatenò l’ennesima guerriglia urbana tra il branco romanista e quello laziale. Bilancio finale: 8 feriti, 6 accoltellati, 4 arresti e due tifosi (uno per sponda) condannati a 5 anni di Daspo.
Un bollettino bellico, a margine di una stracittadina il cui risultato è passato in secondo piano. E adesso è più che legittimo che ci sia il timore di un’altra notte dai “lunghi coltelli”. Ormai i tifosi romani sono noti in tutta Europa per le “puncicate” (coltellate) ai glutei e per gli oltraggiosi cori razzisti. La Lazio in Europa League, le notti balorde e antisemite (contro i sostenitori del Tottenham) delle sue “sporche dozzine” le ha pagate con due gare giocate a porte chiuse. Perciò va letto come atto di buon senso, oltre che di prevenzione, l’appello lanciato dal prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro: «Mai più derby di notte». Vero anche, come puntualizza il direttore di Rai Sport, Eugenio De Paoli (logicamente interessato all’auditel della diretta tv serale del 26 maggio), che «gli scontri si sono verificati alle 5 del pomeriggio con la luce del sole». Intanto, mentre calano vertiginosamente le presenze degli spettatori - 1 posto su due rimane vuoto sulle tribune della Serie A - aumenta il numero degli scontri fuori dallo stadio. A Roma «il momento è catartico» direbbe Flavo Oreglio, ma non si pensi che il calcio italiano sia il maggior focolaio della violenza ultrà internazionale. Mentre l’Inghilterra dava l’addio alla signora Thatcher, che è stata Lady di ferro anche con i violenti da stadio (dopo la strage dell’Heysel impose il divieto di trasferte all’estero) è riesploso in maniera eclatante il fenomeno degli “hooligans”.

Gli stadi inglesi saranno pure un modello, i più sicuri internamente, ma all’esterno di questi teatrini del football accade di tutto. A Londra, stadio di Wembley, dopo un match di Coppa d’Inghilterra ci sono stati 29 arresti a seguito dei tafferugli tra i temutissimi tifosi del Millwall e quelli del Wigan. Quello del derby romano è stato un weekend di paura anche in Premier conclusosi con altri 14 teppisti fermati per gli scontri prima e dopo tra il Newcastle e il Sunderland (derby anche questo) allenato dall’ex “capitano-ultrà” laziale Paolo Di Canio. Nella stagione 2011-2012 il calcio inglese per episodi di violenza ha registrato 2.363 arresti e 2.750 Daspo. E non è stato l’anno horribilis. Quello lo ha vissuto il Brasile, futuro organizzatore dei Mondiali del 2014, dove nel 2012 si sono verificate 27 “morti da stadio”: le ultime due vittime - uccise a colpi di pistola sempre la settimana scorsa - nel derby di Fortaleza.

Tornando in Europa, nell’altra ex culla della civiltà antica, Atene, Aek-Panthrakikos è stata sospesa a tre minuti dalla fine per invasione di campo dei feroci ultrà dell’Aek. Sospeso per incidenti anche il sempre acceso derby di Bucarest, Rapid-Steaua. Clamoroso in Svezia: per la prima volta nella storia del calcio scandinavo, tutti sotto la doccia in anticipo per colpa degli ultrà. È successo in Djurgarden-Mjallby, gli ospiti al momento del gol sono andati a festeggiare sotto la Curva dei tifosi di casa scatenando il lancio di ogni genere di oggetto, dalle bottiglie alle monete, fino alla «pera» scagliata contro il difensore Arokoyo rimasto a terra ferito, e da qui lo stop. Fermo immagine di un calcio violento che è arrivato alla frutta.

Massimiliano Castellani - avvenire.it