Scatta la Milano-Sanremo Sfida Sagan-Nibali. Oggi la grande classica

Dopo la Parigi-Nizza e la Tirreno-Adriatico, le prime prove a tappe di prestigio del 2013, hanno inizio ufficialmente domani, domenica, le grandi classiche. E, come sempre, sarà la Milano-Sanremo ad aprire le danze con l'edizione numero 104 che riproporrà il suo tradizionale percorso, con partenza a Milano da Piazza Castello alle 9.45 e arrivo in riviera sul Lungomare Calvino dopo aver domanto Turchino, Maniè, Berta e Cipressa, le asperità che spesso in passato hanno fatto la differenza, anche se ultimamente è lo sprint, anche di massa, a risolvere la Classicissima di Primavera.
Gli australiani Matthew Goss (2011) e Simon Gerrans (2012) hanno dimostrato che, dopo la bellezza di 298 chilometri, può davvero capitare di tutto, figurarsi se, come sembra possa accadere domani, oltre al sudore della fronte i corridori dovranno fare i conti con la pioggia battente. E allora, nel caso in cui il meteo rovinasse la giornata, basterà poco a far saltare i piani delle grandi squadre o le ambizioni dei tanti campioni che, come sempre, puntano a mettere in bacheca uno degli appuntamenti più impegnativi e importanti del ciclismo internazionale.
Con Oscar Freire, autore di una tripletta, appena ritiratosi, ed esclusi i due 'Aussie' gia' citati dell'Orica-GreenEdge, i corridori che possono puntare al successo sono gli italiani Alessandro Petacchi (2005) e Filippo Pozzato (2006), entrambi alla Lampre-Merida, lo svizzero Fabian Cancellara (2008), capitano della RadioShack-Leopard, e il britannico Mark Cavendish (2008), passato dalla Sky all'Omega Pharma-Quickstep per avere più spazio ma costretto, almeno domani, a dividere i galloni di leader con il belga Tom Boonen, altro campione completo che mira alla vittoria.
Due ex colleghi come il giovane slovacco Peter Sagan (Cannondale) ed il siciliano Vincenzo Nibali (Astana), fresco del bis consecutivo nella Corsa dei Due Mari, avranno le loro carte da giocare.
quotidiano.net