Basket: Eurolega, Milano piega Zagabria


Milano batte Zagabria per 75 a 60 e ritrova al Forum una vittoria interna che le mancava ormai da un mese esatto (4/a giornata di campionato contro l'Acea Roma).

L'Armani conquista cosi' due punti preziosi non solo perche' a secco in Eurolega da quattro incontri, ma anche perche' li strappa alla piu' diretta concorrente del girone per un posto nelle top 16. Milano tornera' in campo il 25 a Montegranaro contro la Sutor e giovedi' prossimo in Eurolega contro il Caja Laboral Vitoria.
ansa

2-1 all'Aik, Napoli qualificato Anche Lazio avanti, Udinese fuori. Inter ko

C'é un'Italia che si ritrova in Europa. Ma c'é anche l'altra faccia della medaglia, quella della violenza e dei cori antisemiti. Con possibili strascichi disciplinari dell'Uefa. E' la settimana in cui Juve e Milan hanno ritrovato la via in Champions: i rossoneri qualificandosi agli ottavi grazie al 3-1 in casa Anderlecht, la squadra di Conte con una partita perfetta contro il Chelsea che la lancia verso gli ottavi. Gol, vittorie e gesti tecnici come la splendida rovesciata di Mexes a Bruxelles in stile Ibrahimovic: poi il seguito di risultati dell'Europa League di giovedì, con Lazio e il Napoli che si aggiungono all'Inter già qualificata ai sedicesimi e l'Udinese costretta a capitolare a Mosca di fronte all'Anhzi abbandonando le speranze di un recupero miracoloso. A conti fatti, il bilancio tecnico è comunque positivo, specie se si confronta agli inizi stentati di un po' tutte le italiane di Coppa. Nondimeno, se i ranking internazionali sorridono, l'immagine del calcio italiano rischia di perdere punti pesanti in Europa. Prima il raid di una cinquantina di teppisti in un pub a Roma, con una decina di tifosi inglesi feriti, i primi arresti, i sospetti di alleanze trasversali tra ultrà di Roma e Lazio e il movente antisemita. Poi i cori dell'Olimpico. 'Juden Tottenham, Juden Tottenham', urla per pochi minuti la curva Nord dell'Olimpico, a conferma che il club londinese è preso di mira per la sua identificazione con la comunità ebraica della capitale inglese. 'Free Palestina', recita un altro striscione esposto dai tifosi della Lazio. E se a indagare su autori, moventi e dinamiche della notte di Campo dé Fiori sarà solo la polizia, per i cori dell'Olimpico è scontato che intervenga l'Uefa. Lo ha sollecitato il tecnico degli Spurs Villas Boas, ricordando i cori razzisti del pubblico laziale a Londra, all'andata, che costò una multa al club romano. Sul razzismo la confederazione europea segue la linea dura: proprio oggi la disciplinare Uefa ha rinviato l'esame dei fatti di Serbia-Inghilterra U.21: pubblico e giocatori serbi sono accusati di razzismo verso giocatori di colore avversari, a conferma che il fenomeno non ha latitudini.
 ansa