Moto: Biaggi, addio alle corse

"E' un'alba molto diversa oggi per me. Niente sarà come prima. Forza comunque!": Max Biaggi affida ad un tweet la notizia della decisione del suo ritiro dalle corse. Biaggi ha poi confermato in una conferenza stampa a Vallelunga l'addio: "Mi ritiro da campione". Biaggi, che ha vinto quest'anno il secondo mondiale Superbike, in carriera ha vinto quattro titoli mondiali nella classe 250.
"Dopo 20 anni in giro per il mondo a cercare di battere i miei rivali ora ci sarà spazio per un altro Max Biaggi che in pochissimi conoscono. Mi dedicherò per prima cosa alla mia famiglia, ai miei figli. Ma il rapporto con l'Aprilia, che è la casa con la quale ho vinto più titoli mondiali, non finisce qui. Continuerà anche se in un'altra forma. Tra qualche tempo vi saprò dire meglio". Spegne il motore della sua moto Max Biaggi che ha annunciato oggi l'addio alle competizioni. Un addio da campione, che arriva a meno di un mese dalla vittoria del Mondiale di Superbike. "Comunicare questa mia decisione è stato un parto difficile - dice all'ANSA il Corsaro - Mi ritiro da campione, all'apice della carriera per mia scelta. Voglio che i tifosi di me abbiano sempre un ricordo vincente. Personalmente sono molto soddisfatto di quello che ho fatto fino ad oggi. Ho avuto alti e bassi ma non è mai venuta meno la passione per questo sport. Ho dato sempre tutto me stesso". Biaggi affida a una battuta la sua decisione di lasciare le corse a 41 anni: "Non sono come alcuni politici che stanno attaccati alle poltrone - dice scherzando - è giusto dare spazio ai giovani. Se guardiano all'Italia, il politico più giovane ha 160 anni", conclude scherzando.
ansa

Ciclismo: giro Polonia,omaggio a Wojtyla

Partira' dall'Italia, in Trentino, il giro ciclistico della Polonia del prossimo anno. Lo ha rivelato l'organizzatore Czeslaw Lang precisando che ''si tratta di un omaggio a Karol Wojtyla. L'edizione 2013 partira' dalla terra Italiana per arrivare in quella polacca - ha spiegato - sui sentieri di Giovanni Paolo II toccando quelle montagne, le Dolomiti, tanto care al Papa e oggi patrimonio mondiale dell' Unesco''. Il via il prossimo 27 luglio dal Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto.
ansa