F.1: FERRARI. MASSA "OGNI GARA BUONA PER FARE PUNTI, SPERO VINCERE UN GP"

 Quinto a Spa e quarto a Monza, il passo successivo idealmente sarebbe il podio, con la speranza magari di vincere finalmente un Gran Premio da qui a fine stagione, senza perdere di vista l’importanza di aiutare Alonso nella corsa al titolo e guadagnarsi la conferma per il 2013. Dopo una prima parte di stagione disastrosa, Felipe Massa sta piano piano rialzando la testa ed e’ pronto a fare la sua parte in questo ultimo scorcio di stagione, a partire dall’appuntamento in Singapore. “E’ un Gp molto stimolante – sottolinea il pilota brasiliano nel corso di una videochat sul sito ferrari.com – Non e’ facile a livello di strategia ed e’ molto duro dal punto di vista fisico, perche’ fa molto caldo ed e’ la gara piu’ lunga del campionato”. Le previsioni, pero’, meglio metterle da parte. “Quest’anno c’erano tante piste in cui pensavamo di andare forte e invece non siamo andati come ci si aspettava e altre in cui pensavamo di avere problemi e invece siamo andati forte. Siamo tutti vicini, e’ molto difficile fare previsioni, ogni gara puo’ essere buona per vincere, speriamo di andare bene, di essere continui facendo buoni punti in ogni momento. Quanto ci manca per essere al livello delle McLaren? Nelle ultime due gare erano messe molto bene ma a Monza eravamo piu’ vicini, dipende magari anche dalla pista, puo’ darsi che nella prossima saremo noi davanti”. Per quanto riguarda la lotta al titolo, Massa e’ disposto a dare una mano ad Alonso come nell’ultimo Gran Premio d’Italia, quando lo ha lasciato passare mentre era secondo (“Fernando sta facendo un grande lavoro, io devo fare del mio meglio per me stesso ma cercando anche di aiutare Fernando e la squadra e a Monza si e’ visto”) ma le sue ambizioni vanno oltre, anche perche’ il suo contratto scade a fine stagione. “Mi aspettavo di andare meglio nella seconda parte della stagione, sono nella direzione che mi aspettavo ma anche se non solo salito sul podio a Spa e a Monza ho fatto due buone gare e ovviamente i risultati aiutano. Lavoro per migliorare la macchina in ogni gara, renderla sempre piu’ competitiva. I nostri risultati sono migliorati rispetto a inizio anno e mi aspetto di vincere una gara prima della fine della stagione. Certo, prima magari vorrei salire sul podio ma la vittoria e’ la cosa piu’ importante nella mia testa”. Del resto Massa non vuole ancora pensare a cosa fara’ da grande (“finche’ avro’ voglia e amore di guidare e’ quello che faro’”) anche se guardandosi dietro resta sempre il rimpianto di quel titolo sfumato per un soffio. “Il 2008 e’ stato il mio anno migliore in Ferrari, sono stato il pilota che ha vinto piu’ gare in tutto il campionato ma poi sappiamo come e’ andata a finire”.
(ITALPRESS).

Calcio Serie A, verso la terza giornata. Ecco la situazione delle squadre

PALERMO-CAGLIARI Milan Milanovic ha lavorato regolarmente con il gruppo, mentre Franco Brienza e Mauro Cetto hanno svolto un lavoro differenziato. Terapie, invece, per Eran Zahavi. Abel Hernandez ed Egidio Arevalo Rios, rientrati dopo gli impegni con la Nazionale uruguaiana, si sono riuniti al gruppo. Ha lavorato a parte anche Luigi Giorgi, che ieri nel corso dell'allenamento ha subito un pestone a un piede. Riposo precauzionale per Edgar Barreto, a causa di una botta al ginocchio rimediata ieri.
Tutta la rosa a disposizione, invece, per Massimo Ficcadenti. Si è allenato regolarmente Davide Astori, mentre Mauricio Pinilla, rientrato nel tardo pomeriggio dal Sud America, si è subito recato al Centro sportivo 'Ercole Cellino', dove ha lavorato con il preparatore atletico Mattia Toffolutti. Nel primo pomeriggio di domani è prevista la rifinitura. A seguire la partenza alla volta di Palermo.
MILAN-ATALANTA Bojan o El Shaarawy al fianco di Pazzini (si è fermato in allenamento ma non desta preoccupazioni: questo è il dubbio principale di Allegri in vista della sfida contro l'Atalanta, la prima di 7 partite in 23 giorni per il Milan. Fra i rossoneri sono di nuovo a disposizione Boateng (giocherà con un tutore al braccio operato) e Abate, che dovrebbe tornare al suo posto sulla fascia destra a scapito di De Sciglio. E scalpita Mexes, che potrebbe fare il suo esordio stagionale a partita in corso al centro della difesa, anche perché a causa di ritardi aerei Yepes e Zapata solo da domani si alleneranno con la squadra. Montolivo si prepara a tornare in campo martedì contro l'Anderlecht, mentre più avanti sono attesi i recuperi di Robinho e Pato.
Nell'Atalanta scontata la conferma del collaudato 4-4-1-1 con Moralez alle spalle di Denis. Insieme allo squalificato Peluso, non sarà della partita Schelotto, a meno di un improbabile recupero lampo: l'italo-argentino lamenta ancora i postumi dello stiramento al collaterale del ginocchio destro e sarà sostituito da Raimondi.
CHIEVO-LAZIO Di Carlo è in attesa del ritorno di Cruzado, ancora in Sudamerica dopo l'impegno con la nazionale. Si è invece allenato Cofie, che è stato impegnato con il Ghana. Lungo stop per Lorenzo Squizzi, operato per ridurre una frattura ad un dito della mano destra: i tempi di recupero si aggirano sui due mesi.
Una foto con il Colosseo da sfondo. Il pomeriggio della Lazio è iniziato così, con Klose e compagni in posa per le foto ufficiali. C'erano tutti tranne Foggia, Matuzalem e Sculli, ai margini del progetto Pektovic. Poi, a seguire, l'allenamento a Formello con un unico dubbio: la presenza di Senad Lulic, alle prese con la botta a una caviglia rimediata in nazionale. Se non dovesse farcela, vista anche l'indisponibilità di Radu, dovrebbe essere sostituito da Cavanda.
FIORENTINA-CATANIA Col ritorno dei nazionali, Montella ha iniziato a preparare a fondo la partita di domenica contro il Catania. Due i dubbi per la formazione, a centrocampo e in attacco: Migliaccio sembra essere favorito su Romulo per sostituire Aquilani (tendinopatia achillea) mentre in avanti ballottaggio tra Toni e Ljajic (El Hamdaoui ha qualche problema al ginocchio) per affiancare Jovetic. Cuadrado e Fernandez hanno svolto un allenamento differenziato essendo rientrati per ultimi dagli impegni con la nazionale in Sudamerica.
Cinque reti nella partitella in famiglia sostenuta dal Catania questo pomeriggio a porte chiuse a Torre del Grifo. In gol Gomez, Salifu su rigore, Marchese, Bergessio e Doukara. Lavoro differenziato per Mariano Andujar, rientrato in sede dopo aver risposto alla convocazione nella nazionale argentina per il doppio impegno contro Paraguay e Perù per la qualificazione ai Mondiali. Un dubbio a centrocampo per Maran: Izco, ormai pienamente recuperato, contende una maglia a Biagianti.
GENOA-JUVENTUS De Canio ha provato un improbabile tridente Immobile-Borriello-Jankovic. Non si sono allenati col gruppo Granqvist, Sampirisi e Piscitella, impegnati con le rispettive nazionali, mentre Marco Rossi continua con il suo lavoro a parte.
Conte non ha ancora deciso se iniziare il turnover, oppure aspettare ancora almeno dopo il big match di Londra. Più probabile la seconda ipotesi: sembra rinviato quindi il rientro a tempo pieno di Isla, che scalpita dopo nove mesi senza calcio e disputerà al massimo uno spezzone a Genova. Potrebbe tornare con il Chievo in casa. Ancora out Caceres (ma il rientro è questione di giorni), Lucio (in grande progresso) e Padoin, centrocampo titolare a Genova e coppia d'attacco Vucinic-Giovinco, con Matri in odore di Champions.
NAPOLI-PARMA Gruppo quasi al completo per Walter Mazzarri. Sono rientrati i nazionali, tranne il colombiano Zuniga che aveva un viaggio più lungo e si aggregherà domani al gruppo. A questo punto per il match con gli emiliani, Mazzarri potrebbe anche pensare a schierare il più fresco Dossena sulla corsia di sinistra lasciando il colombiano in panchina. Cavani, Fernandez, Campagnaro, Inler, Behrami e Pandev hanno fatto esercizi di scarico e corsa in pineta.
Belfodil con al fianco Ninis o Palladino. Potrebbe essere questa l'inedita coppia di attacco del Parma per domenica. Viste le probabili assenze per problemi fisici di Amauri e Biabiany, con Pabon rientrato solo questo pomeriggio dagli impegni con la Colombia, il fantasista greco (protagonista con la nazionale) è stato provato in allenamento proprio al fianco della punta franco-algerina.
PESCARA-SAMPDORIA Allenamento al mattino per i biancazzurri: sono tornati tutti a disposizione di Stroppa a eccezione di Romulo Eugenio Togni e Simone Romagnoli fermi per infortunio. Hanno lavorato a parte Jonathas e Zanon per affaticamento e Vukusic e Weiss reduci dal doppio incontro con le nazionali di appartenenza. In casa Samp forfait di Juan Antonio. Il giocatore continua a lavorare a parte, così come ha lavorato a parte Pozzi, acciaccato (distorsione a una caviglia procuratasi in allenamento). Domani primo allenamento blucerchiato per il paraguaiano Estigarribia, mentre per il danese Poulsen la partita col Pescara dovrebbe coincidere con la sua prima convocazione. Oggi si è allenato anche Palombo, che però non dovrebbe essere tra i convocati.
ROMA-BOLOGNA L'infortunio di Totti, il ritorno in gruppo di Balzaretti. In vista dell'impegno contro il Bologna sono queste le due notizie che giungono da Trigoria. Il capitano giallorosso ha interrotto l'allenamento in anticipo a causa di un trauma contusivo alla caviglia destra conseguenza di uno scontro di gioco con Nego. Le sue condizioni saranno valutate con maggiore attenzione domani, ma lo staff medico è più che ottimista sulla presenza del numero 10 nella gara di domenica pomeriggio allo stadio Olimpico. Gara che potrebbe vedere tornare a disposizione anche Balzaretti, rientrato in gruppo dopo l'infortunio rimediato a San Siro con l'Inter. Sicuramente out invece Osvaldo (squalificato), e gli infortunati Bradley e Dodò e De Rossi.
Nel Bologna si è allenato a parte Perez, che ha svolto un lavoro di scarico dopo l'impegno con la nazionale uruguaiana. A riposo anche Natali, Pisanu, e Acquafresca, con una lieve influenza. All'Olimpico Pioli dovrebbe comunque avere tutti a disposizione, con il probabile esordio dal primo minuto di Gilardino.
SIENA-UDINESE Il Siena ha vinto 4-1 un'amichevole disputata questo pomeriggio a Poggibonsi, contro la locale squadra che milita nel campionato di Seconda divisione Lega Pro. Le reti sono state siglate da Angelo, Ze' Eduardo, Valiani e Coppola per i bianconeri, da Dal Bosco per i padroni di casa. Nell'undici di partenza c'erano contemporaneamente Calaiò, Rosina e Ze' Eduardo.
L'esterno dell'Udinese Dusan Basta ha recuperato dopo la contusione al polpaccio rimediata con la Nazionale serba. In gruppo anche Badu, rientrato dalla Nazionale. All'appello manca solo ancora Armero, atteso solo in serata. Potrebbe dunque saltare la gara con il Siena. A parte ha lavorato Luis Muriel che dovrà restare fermo per un paio di mesi.
TORINO-INTER Out Birsa e Di Cesare, in dubbio Ogbonna, che si è allenato a parte. Ma per il resto l'organico del Torino scoppia di salute e Ventura ha molte alternative per il match con l'Inter. In attacco, ballottaggi addirittura in cinque, Cerci-Sansone-Meggiorini-Sgrigna-Stevanovic, per due maglie: Bianchi e Santana dovrebbero essere sicuri del posto. In difesa tutto dipende da Ogbonna: se non ce la fa (ma è assai improbabile), tocca a Rodriguez sostituirlo. Lieve dubbio anche per Brighi, per una botta allo sterno, ma non sembra destare preoccupazione.
E' in dubbio la presenza di Palacio: l'attaccante ha sostenuto una serie di controlli dall'esito confortante ma non si è allenato per precauzione. In caso di suo forfait, sarà Cassano ad affiancare Milito, con Sneijder alle loro spalle. Potrebbe tornare fra i convocati Alvarez, mentre sono ancora indisponibili Chivu, Stankovic, Obi, Mariga e Mudingayi.
quotidiano.net