Vuelta: 9/a tappa a Gilbert

Il belga Philippe Gilbert (Bmc) conquista la sua prima vittoria stagionale aggiudicandosi sullo spagnolo Joaquim Rodriguez (Team Katusha) la 9/a tappa della Vuelta di Spagna, da Andorra la Vella a Barcellona (196 km).

Terzo l'italiano Paolo Tiralongo (Astana). Gilbert e Rodriguez hanno sferrato l'attacco sulle rampe dell'Alto de Montjuic, nel finale di tappa. Lo stesso Rodriguez consolida il proprio primato in classifica generale: 53'' su Chris Froome (Sky) e 1' su Alberto Contador (Saxo).

ansa

Melandri nuovo leader mondiale

Colpo doppio di Marco Melandri (BMW) che vince gara 2 a Mosca e balza al comando del Mondiale Superbike, con 308,5 punti contro i 290 di Max Biaggi (Aprilia) a tre gare dal termine. Biaggi e' caduto al 10/o giro dopo aver toccato Haslam (BMW). Tom Sykes (Kawasaki), vittorioso nella corsa d'apertura, ha resistito per 15 giri, poi ha dovuto cedere a Melandri. Sul terzo gradino del podio e' salito Chaz Davies (Aprilia).
ansa

La Juve ricomincia da Juve, bene anche la Fiorentina

di Tullio Parisi

Comincia male e finisce bene la prima Juve senza Conte e con lo scudetto al petto. Un rigore sbagliato alla mezzora da Vidal poteva condizionare testa e gambe della squadra, che invece è rientrata in campo completamente trasformata, segno che anche senza Conte in panchina (il tecnico era chiuso in un box oscurato) la carica c'é, perché in gran parte è nel Dna di giocatori navigati e vincenti come quelli in campo stasera. Se nel primo tempo la squadra di casa aveva prodotto solo un paio di accelerazioni in area di Vucinic e una decisiva di Lichtsteiner, che si era procurato il rigore con Mirante, nella ripresa la squadra di Carrera è partita a tavoletta e in un quarto d'ora era in doppia cifra. Prima Asamoah (la novità più bella della serata bianconera e l'acquisto più azzeccato) ha sfondato la difesa ospite mettendo in mezzo una comoda palla che il cronometro svizzero Lichtsteiner non poteva fallire nemmeno di un secondo. Poi Pirlo ha regalato la prima celebrità alla novità arbitrale dell'anno, il giudice di porta che, consultato correttamente dall'arbitro, ha convalidato la palla del regista bianconero, che a tutti era parsa dentro di mezzo metro.
Il Parma nel primo tempo aveva infastidito soprattutto con le veloci puntate di Biabiany la difesa bianconera, priva di Chiellini, Lucio, Caceres ma con un Marrone (che non è un difensore) assolutamente padrone della situazione. Quando Donadoni ha cambiato lo spento e acerbo Pabon, qualcosa di più si è visto, ma i gialloblù si sono resi pericolosi solo due volte, una su errore di Bonucci e l'altra con superiorità numerica (3 contro 1) ma Biabiany egoista e sprecone. Troppo poco per impensierire questa Juventus, incerottata e arrugginita, ma pur sempre campione d'Italia. La delusione della serata juventina si chiama Giovinco: mai decisivo, né nelle iniziative, né nelle conclusioni. Forse Marotta si sta chiedendo se valeva la pena riscattarlo alla cifra di undici milioni.
Ma anche il centrocampo ha tardato assai prima di produrre la solita qualità-quantità: Pirlo non è ancora al meglio e Vidal denuncia qualche sintomo di stanchezza. Problemi che Carrera-Conte cercheranno di risolvere in fretta, perché incombono la trasferta di Udine e l'asordio in Champions, dove la Juventus non vuole fallire. Il top player continua a non vedersi e a questo punto tutti si chiedono se Matri e Quagliarella insieme a Vucinic potranno bastare a rendere produttivo un attacco che alle spalle ha il centrocampo potenzialmente più forte del campionato. Ma l'urgenza principale resta quella di ritrovare la difesa che ha blindato lo scudetto giornata dopo giornata. Il Parma dell'attacco giovane va aspettato senza fretta perché potrebbe riservare qualche buona sorpresa. Stasera mancava Amauri, che in condizioni accettabili di forma, il suo peso ce l'ha.
ansa


Moto: Rep.Ceca, Rossi terzo nel warm up

Ben Spies e' stato il migliore nel warm up della MotoGP per il GP della Repubblica Ceca. Lo statunitense della Yamaha ha fatto 2.06.906, meglio di Dani Pedrosa (Honda) staccato di 0,240s e Valentino Rossi (Ducati), che sull'asfalto bagnato ha segnato un ritardo di 339 millesimi. Se le condizioni meteo dovessero mantenersi come questa mattina, Rossi potrebbe giocarsi il podi. Quarto tempo per Jorge Lorenzo che e' proprio davanti ad Andrea Dovizioso (entrambi su Yamaha).
ansa

Doping: esperto francese accusa Armstrong. ''Veniva avvisato per tempo quando c'erano i controlli''


Lance Armstrong veniva avvisato per tempo dei controlli. Lo sostiene, in un'intervista con 'Le Monde', un esperto dell'Agenzia francese per la lotta al doping.

Cosi', secondo Michel Rieu, si spiegherebbe il fatto che il corridore non sia mai risultato positivo nonostante i tanti test eseguiti. Con anche solo 20' di preavviso, e' la tesi di Rieu, Armstrong aveva il tempo di fare molte cose, come ''diluire il proprio sangue con qualche siero o rimpiazzare la propria urina con quella d'un altro''.
ansa