Cassano e Pirlo salvano un’Italia da incubo

La qualità e il talento servono. Servono eccome. Senza il talento balistico di Pirlo e la qualità di Antonio Cassano, sarebbe stato improbabile risalire ieri sera a Tallinn la china dello 0 a 1 rimediato nel primo tempo dall’inguardabile difesa azzurra contro l’Estonia. Due sigilli, maturati nel brevissimo volgere di 4 minuti, entrambi scaturiti dalle traiettorie velenose di calcio d’angolo spedite nel mucchio dal piedino fatato del milanista, hanno consentito a Prandelli di mettere fine all’umiliante striscia di sette partite senza successi nel 2010 e di riannodare il filo azzurro col successo del novembre 2009, in amichevole a Cesena contro la Svezia nel giorno del debutto nel girone di qualificazione. Ma, risultato a parte, non c’è da esser molto fieri della prova complessiva dell’Italia, partita anche bene, con geometrie avvolgenti, qualche volta rifinite in modo sapiente, ma senza trovare l’artiglio di un suo attaccante. C’è bisogno di un pizzico di determinazione in più per piazzare il colpo del ko. Da una punizione sistemata a distanza siderale, 35 metri e oltre, la Nazionale è riuscita a prendere gol in modo sorprendente. Sirigu, alla seconda presenza azzurra, si è lasciato tradire dalla traiettoria velenosa del pallone e tutte le sue guardie del corpo schierate in area hanno schiacciato un pisolo sulla ribattuta difettosa. Ecco il primo problema da affrontare per il ct: quell’intervento e le successive performance del portiere palermitano fanno capire chiaramente che non è il caso di insistere. Inquietante il suo intervento a vuoto sui titoli di coda.
Preso l’ennesimo gol, ecco il secondo rilievo da passare a Prandelli, l’Italia ha cominciato a balbettare calcio, incapace di reagire in modo lucido e soprattutto di tessere la tela. Un paio di superstiti di Sudafrica 2010, Pirlo e De Rossi, hanno retto il confronto con gli scatenati estoni, a loro agio in un clima di precoce inverno. Il resto è stato merito esclusivo di Fantantonio chiamato ad assumersi grandi responsabilità e in grado di rispondere all’appello con un paio di giocate da funambolo, su calcio d’angolo in entrambe le occasioni. Delizioso quel tacco per favorire la stoccata di Bonucci, venuto in avanti a cercare il riscatto dopo qualche errore di troppo per richiudere i portoni davanti a quel portiere saponetta.
di Franco Ordine - ilgiornale.it 4 settembre 2010

Italia, faticosa vittoria alla “prima” di Prandelli

Si vince, e per il momento bisogna accontentarsi di questo. L’Italia di Prandelli supera 2-1 l’Estonia a Tallinn nell’esordio delle qualificazioni ad Euro 2012 ma i brividi durano un’ora: giusto il tempo di andare sotto 0-1 e recuperare nella ripresa, tra 15’ e 18’, con due gol di Cassano e Bonucci su calcio d’angolo. Per lo spettacolo, ripassare più avanti, forse. La parola d’ordine del nuovo corso prandelliano è “qualità”. Alla Le Coq Arena ci sono tutti i piedi buoni disponibili, cioè pochi, visto che Balotelli è infortunato. Pirlo liaveva chiamatiaraccoltaeil ct cuce intorno al suo registauna mediana con De Rossi e Montolivo. Ai tre il compito di innescare Pepe sulla destra e Cassano, sempre pronto a svariare alle spalle del mobile Pazzini. I gemelli del gol doriani si trovano con discreta facilità ma l’unico frutto è un diagonale poco preciso del centravanti, respinto da Pareiko. La prima vera emozione arriva alla mezzora, e non è una buona notizia per l’Italia. Punizione dai 25 metri di Vassilijev, la palla rimbalza nei pressi della linea di porta, Sirigu ribatte goffamente, Zenjov è più lesto di Cassani e firma l’1-0. L’incubo sudafricano prende di nuovo forma: ancora uno sconosciuto a far tremare gli azzurri (al Mondiale fu lo slovacco Vittek, in Estonia il 21enne “bomber” degli ucraini del Karpaty Lviv), ancora una disattenzione del portiere (Marchetti come il guardiano del Palermo, entrambi semi-debuttanti), ancora una mezza umiliazione.
RISCOSSA. La reazione questa volta c’è e passa ancora per i piedi di Pazzini (altro diagonale parato dal numero uno baltico) e Cassano (destro dal limite, fuori di poco). L’impressione, però, è che agli uomini di Prandelli ancora manchino, più che organizzazione, personalità e sicurezza. Tutto logico, senonfosse che gli avversari sono 94esimi nel ranking Fifa. Se lo scialbo 0-1 al debutto agostano nell’amichevole di Londra contro la Costa d’Avorio era stato accolto con beneficio d’inventario, dalla prima ufficiale nelle qualificazioni europee è lecito aspettarsi di più. I numeri, tra l’altro, fanno paura: nelle ultime 8 occasioni in cui la Nazionale è passata in svantaggio, 7 volte è finita con una sconfitta. E poi c’è la maledizione-vittoria: l’ultima risale al novembre 2009, 1-0 alla Svezia. Da allora, 4 pareggi e 3 ko. L’inizio della ripresa non regala altra musica. Al 3’ Puri ha spazio e lascia partire dalla lunetta un gran mancino: a Sirigu battuto, il pallone scheggia la traversa. Prandelli chiede ai suoi di allargare il gioco, dare ossigeno alla manovra. Il guaio è che Molinaro sul fondo ci va ma non riesce a mettere in mezzo un solo cross decente, mentre Cassani rinuncia a priori a spingere, rintanandosi nella propria metà campo. E davanti a lui, Pepe non fa molto di più né di meglio. Con queste carenze, anche i cervelli Pirlo e Montolivo vanno in confusione. Al 14’ Prandelli cambia: dentro Quagliarella, fuori proprio Pepe. Pochi secondi dopo arriva il pari in uno dei pochi modi possibili, su calcio piazzato: corner dalla destra di Pirlo, difesa estone in vacanza e Cassano, fin qui troppo alterno, inzucca di potenza.
CESARE FESTEGGIA. Con due punte pure (quasi tre) e soprattutto un buon carico di fiducia ritrovata, l’Italia spinge alla ricerca del 2-1. Detto fatto: altro calcio d’angolo, stavolta da sinistra, battuta bassa prolungata di tacco da Fantantonio e Bonucci insacca da due passi. È il 18’ e perlomeno la notte baltica emette un verdetto: sulle palle inattive l’Italia funziona. Non altrettanto si può dire del servizio sicurezza dello stadio, che lascia spazio ad un imprevisto siparietto: un simpatico invasore di campo, con tanto di mantella e bandierine estoni, ha tempo di farsi 40 metri di corsa e cercare di segnare a Sirigu prima di venire placcato da due energumeni in divisa. Finisce così, dopo un paio di spaventi nell’area italiana, ed è la prima vittoria del ciclo Prandelli: «I ragazzi nell’intervallo erano sfiduciati, siamo stati bravi a reagire». Intanto la Serbia, nostra principale avversaria nel girone C, ha svolto il suo compitino asfaltando 3-0 a domicilio Far Oer. Martedì toccherà agli azzurri fare i conti con il “ma - terasso” del gruppo. (libero)

Gb: il rugby lo esilia, "ribelle" Danny Cipriani si dà al calcio

Roma, 3 set. (Apcom) - Momentaneamente esiliato dal rugby inglese, Danny Cipriani si dà al calcio. L'ex mediano di apertura dei London Wasps (7 cap con la nazionale) si sta allenando con i Colorado Rapids, compagine della Major League Soccer americana. Il ventiduenne ribelle fenomeno del rugby inglese dovrebbe unirsi ad ottobre ai Melbourne Rebels, la nuova franchigia del Super 15, il campionato delle franchigie australiane, neozelandesi e sudafricane, ma già questa estate era stato avvistato in campo con il Tottenham ed il Queens Park Rangers in match amichevoli delle squadre riserve. Lo voci circa un suo passaggio al calcio sono ovviamente aumentate, ma, molto probabilmente, Cipriani sta solo cercando di mantenere un alto livello di allenamento in vista dell'avventura in Australia. Almeno così ha spiegato il coach di Colorado, Gary Smith. "E' amico di alcuni membri dello staff", ha spiegato l'allenatore. "Noi avevamo programmato queste sessioni di allenamento in altura in vista della fase finale della stagione e lui si è unito al gruppo, partecipa in maniera attiva e competitiva". Cipriani, precocissimo talento del rugby, ma al tempo stesso ribelle e troppo spesso fuori dalle righe, è fuori dai programmi del ct inglese Martin Johnson ormai da due anni.

L'Italia in gol ma non si vede, la Rai manda la pubblicità

Il pareggio di Cassano in Estonia oscurato dalla tv

Calcio/L'Italia in gol ma non si vede, la Rai manda la pubblicità

Roma, 4 set. (Apcom) - La Rai ieri sera ha oscurato la diretta del gol del pareggio dell'Italia a Tallin contro l'Estonia per mandare in onda uno dei consueti minibreak pubblitari da pochi secondi inseriti all'interno delle partite. Al 60' del match valido per le qualificazioni ad Euro 2012 (poi conclusosi con la vittoria degli azzurri per 2-1), prima di un calcio d'angolo, contemporaneamente alla sostituzione di Quagliarella per Pepe, il telecronista di Rai1 ha chiamato la pubblicità: al ritorno con le immagini da Tallin, l'Italia aveva appena segnato con Cassano. Per fortuna ci sono i replay.