Pamela David tifosa straripante dell’Argentina



Torniamo a parlare dei Mondiali di calcio con un’altra splendida tifosa d’eccezione. Questa volta abbiamo scelto la modella Pamela David che trascinata dall’euforia per lo spettacolo offerto in campo da Messi ed i compagni della nazionale argentina, ha finito col mostrare più del dovuto tra gli spalti dei tifosi, facendo fuoriuscire dal suo abbondante decolletè il suo generoso seno, prontamente immortalato dai paparazzi nascosti tra la folla dello stadio in Sudafrica.
Meglio di un portafortuna, la modella argentina Pamela David che, con le sue esibizioni involontarie messe in mostra durante il match tra Argentina e Messico ha portato la selecciòn albiceleste alla vittoria finale.

Ormai è risaputo che le modelle magari un pò in ombra, per ricevere un pò di visibilità dichiarano ai quattro venti di essere disposte ad inscenare uno strip-tease per i propri beniamini impegnati nel Mondiale di calcio.


Come le colleghe Luciana Salazar o la Paraguaiana Larissa Riquelme, le cui foto in questi giorni stanno facendo il giro del web. La modella Pamela David invece ha scelto un modo leggermente più discreto per finire sui tabloid di mezzo mondo, ovvero esibendo le proprie armi di seduzione in modo “involontario” durante una partita dei propri beniamini allo stadio.

Ecco le immagini che ci mostrano l’esibizione involontaria di Pamela David che a dir la verità non sembra minimamente preoccupata dallo straripamento del suo decolletè, forse per il fatto che la David in passato ha prestato le sue curve mozzafiato per la rivista Playboy.




Fatto sta che ora Maradona può contare su un’altra argentina oltre a Messi che, sembra davvero saperci fare con i palloni.

Ecco a voi le probabili formazioni della partita di oggi Germania Argentina

Grande attesa per questo quarto di finale che si preannuncia a dir poco spettacolare tra la Germania e l’Argentina. Alle ore 16,00 andranno in campo le due squadre: i tedeschi vengono dalla bellissima vittoria per 4 a 1 contro l’Inghilterra mentre l’Argentina viene dalla vittoria per 3 a 1 contro il Messico. Ecco a voi le probabili formazioni della partita di oggi prese dalla Gazzetta dello Sport.

Come vive la gente comune un Mondiale tanto atteso

Maazev Bill Hustov, 46 anni, di Città del Capo, proprietario di un ristorante a due passi dal Green Point. I suoi nonni sono arrivati da Mosca, città che non ha mai visto e che non sogna di vedere.

JOHANNESBURG, 3 luglio - Maazev Bill Hustov, 46 anni, di Città del Capo, proprietario di un ristorante a due passi dal Green Point. I suoi nonni sono arrivati da Mosca, città che non ha mai visto e che non sogna di vedere.

1) La favorita del Mondiale?
L'Olanda. Probabilmente l'abbiamo sottovalutata tutti.

2) Come segui il Mondiale?
Vedo tutte le partite, perché nel mio locale ho installato monitor ovunque.





3) Una cosa del Sudafrica che noi europei non notiamo.
I tifosi sudamericani sono i migliori, vengono, bevono, senza esagerare. E sono allegri. Quelli inglesi sono rubbish, dico io, da buttare via. Non hanno fatto incidenti, ma non mi piacciono, pensano di essere i padroni del mondo. Sono contento che siano usciti.

Massimo Basile - corrieredellosport.it

MONDIALI 2010/ Brasile flop, che Sneijder! L'Eurocalcio può ribaltare la situazione

Sandro Bocchio

sabato 3 luglio 2010
MONDIALI 2010 - Quattro anni dopo, ancora un fallimento. Di nuovo ai quarti di finale, come accaduto in Germania. Il Brasile non riesce nuovamente a tener fede ai pronostici quando era unanimemente considerato il favorito al titolo, senza avversari. Perché, dicevano, questa squadra aveva imparato dai suoi errori di presunzione. E perché, aggiungevano, possedeva una mentalità europea, quella giusta per vincere la manifestazione. Niente di tutto questo. Sarebbe stata necessaria una Nazionale in grado di unire la poesia del 2006 al pragmatismo del 2010 ma così non è stato in quanto alla solidità della difesa non hanno fatto da contrappeso la fantasia e il genio in attacco, mai così carenti anche perché Kakà ha deciso di non liberarsi dagli impacci che ne hanno caratterizzato la stagione al Real Madrid.

Difficoltà in cui non ha avuto problemi ad affondare i colpi l'Olanda, una squadra che sa approfittare come poche delle distrazioni altrui. Esemplare come ha costruito l'impresa sulle amnesie di Felipe Melo, anch'egli – come Kakà – a riproporre i difetti evidenziati nella Juventus: disattenzione in area e cadute nel comportamento. Con la differenza, rispetto al Brasile, che la squadra di Van Marwijck ha campioni che hanno saputo fare in Sud Africa la differenza quando è stato loro richiesto. E ieri è stata nuovamente la volta dell'eccellente Wesley Sneijder che, se va avanti di questo passo, è pronto a trasformarsi da scarto del Real Madrid in Pallone d'oro del 2010. Olanda che si trova spianata la strada verso la finale, a meno che non si esibisca in atti di insano autolesionismo. L'avversaria sarà l'Uruguay, ostacolo tutt'altro che impressionante soprattutto se si tiene conto che si presenterà alla semifinale privo di Suarez, il suo uomo più in forma. (ilsussidiario.net)

Mondiali 2010, Argentina-Germania: i consigli per scommettere

ROMA – Seconda giornata dei quarti di finale di questi Mondiali 2010, dopo la qualificazione di Olanda e Uruguay oggi altre due partite: Argentina-Germania e Paraguay-Spagna. Tedeschi e sudamericani si sono incontrati anche nel passato mondiale: allora ad avere la meglio furono i padroni di casa grazie agli errori dal dischetto, si arrivò ai calci di rigore, di Ayala e Cambiasso. Nell’incontro di oggi, aoerto a qualunque risultato, la Selecciòn è favorita a 2,30, con la vittoria tedesca che vale 3,10 volte la posta e il segno X in tabella a 3,15.  Il segno GOAL, ossia entrambe le squadre che vanno a segno, vale 1,72 volte la posta, mentre il segno opposto vale 2,00.
  • ARGENTINA-GERMANIA 1-1 6,00
  • ARGENTINA-GERMANIA 2-1 8,00
  • ARGENTINA-GERMANIA 2-2 12,00

Napoli tifa Maradona: le foto delle bandiere argentine in città

Il fortissimo legame che lega Napoli a Diego Armando Maradona è indissolubile e lo dimostrano le tante bandiere appese sui balconi della città partenopea. Vessilli che sono aumentati con l’eliminazione dell’Italia e con il desiderio espresso dal ct dell’Argentina di voler, un giorno, approdare sulla panchina del Napoli. A Forcella e nel resto della città a tempo di record sono state rimossi i tricolori ed il vessillo biancoceleste della ’seleccion’ campeggia ora ad ogni incrocio. In Piazza Crocelle ai Mannesi, a pochi passi dal Duomo, un gigantesco striscione biancazzurro, di oltre 10 metri di larghezza, è stato steso fra i palazzi: al centro del sole, che nella bandiera argentina occupa lo spazio orizzontale bianco posto fra le due strisce azzurre, è stata inserita una foto di Diego.

Nei Quartieri Spagnoli, alla Sanità, a Secondigliano, nei mercatini della Pignasecca sono molte le bancarelle degli ambulanti che vendono bandiere ed altri gadget che ricordano i colori della nazionale argentina. Per non parlare della zona della Stazione Centrale dove i turisti in arrivo con il treno fanno le foto ricordo davanti ai banchetti addobbati con i colori dell’Argentina ed i poster di Diego. Una spiegazione socio-antropologica del fenomeno cerca di darla lo scrittore Maurizio De Giovanni:

Il fortissimo legame che lega Napoli a Diego Armando Maradona è indissolubile e lo dimostrano le tante bandiere appese sui balconi della città partenopea. Vessilli che sono aumentati con l’eliminazione dell’Italia e con il desiderio espresso dal ct dell’Argentina di voler, un giorno, approdare sulla panchina del Napoli. A Forcella e nel resto della città a tempo di record sono state rimossi i tricolori ed il vessillo biancoceleste della ’seleccion’ campeggia ora ad ogni incrocio. In Piazza Crocelle ai Mannesi, a pochi passi dal Duomo, un gigantesco striscione biancazzurro, di oltre 10 metri di larghezza, è stato steso fra i palazzi: al centro del sole, che nella bandiera argentina occupa lo spazio orizzontale bianco posto fra le due strisce azzurre, è stata inserita una foto di Diego.

Nei Quartieri Spagnoli, alla Sanità, a Secondigliano, nei mercatini della Pignasecca sono molte le bancarelle degli ambulanti che vendono bandiere ed altri gadget che ricordano i colori della nazionale argentina. Per non parlare della zona della Stazione Centrale dove i turisti in arrivo con il treno fanno le foto ricordo davanti ai banchetti addobbati con i colori dell’Argentina ed i poster di Diego. Una spiegazione socio-antropologica del fenomeno cerca di darla lo scrittore Maurizio De Giovanni:

”L’eliminazione dell’Italia non leva nè mette nulla alla connazionalità che i napoletani sentono con l’America Latina. Pochi giorni fa, con lo scrittore cileno Antonio Skarmeta riconoscevamo questa affinità orizzontale che lega sentimentalmente i nostri popoli. Ecco perchè i napoletani si sentono più vicini agli argentini, ai brasiliani o ai cileni rispetto ai trentini o ai valdostani. C’e’ un sentimento comune anche inconsapevole, che ci lega e che diventa consapevole davanti a capolavori della musica, dello spettacolo, della cultura o dello sport che riflettono la contiguità delle nostre anime. E nello sport non c’e’ capolavoro che possa essere paragonato a Diego Maradona”.

Qualcuno si è spinto oltre ideando una bandiera “borbonico-argentina”. Riproduce i colori azzurri della bandiera argentina, che sono poi gli stessi del Napoli, con al centro, sul bianco, lo stemma borbonico del Regno delle Due Sicilie. E’ la nuova bandiera borbonico-argentina che il Movimento Neoborbonico, nato per ricostruire la storia del Sud e l’orgoglio ”di essere meridionali” e il Movimento VANTO (Valorizzazione Autentica Napoletanità a Tutela dell’Orgoglio) stanno distribuendo in città ai napoletani tifosi dell’Argentina.

Giuseppe Bruscolotti, grande amico di Maradona nel Napoli dei tempi d’oro, non ha dubbi: “Il connubio di Napoli con Maradona è qualcosa che non si può spiegare. Gli argentini sono molto simili ai napoletani e l’arrivo di Maradona sotto il Vesuvio ha significato un miracolo sportivo, del costume, un inno alla gioia, ciò non di meno il tormento del non sapersi lasciare. Napoli ha amato e soffocato Diego passando da un eccesso all’altro. La vita di Diego, la sua parabola sono ciò che la gente vive tutti i giorni”.

“Finché l’Italia è rimasta in corsa, la città era divisa – dice Rosetta De Napoli, titolare della sua bottega di frutta e verdura a San Gregorio Armeno – ma adesso è tutta per Diego con la barba imbiancata. Io quando guardo l’Argentina tengo il rosario in mano, ma non sono l’unica qui. Ci vuole un po’ di scaramanzia per portare Maradona in finale, quella non guasta mai”.

“Napoli è e sarà per sempre la casa di Maradona” - sostiene Bruno, commerciante della periferia nord della città - nel Mondiale del 90’ se c’era una squadra contro la quale l’Italia doveva uscire quella era proprio l’Argentina. Ricordo che dopo quella partita non dico che festeggiamo come se avessimo vinto noi ma quasi”. Anche il tifoso Salvatore, che ha esposto al suo balcone la bandiera dell’Argentina, ricorda quei momenti di Italia ‘90: “Mi trovavo a Napoli poco vicino al quartiere di Fuorigrotta: credetemi, non sembrava che l’Italia fosse stata eliminata dai Mondiali. Non vidi persone tristi, anzi. Io personalmente ho sempre fatto il tifo per Diego fin qui, figuriamoci adesso che è ai quarti di finale”.

Argentina-Germania: la sfida iniziata già alla vigilia

A Città del Capo va in scena quasi una finale anticipata, del resto le due squadre in finale si sono incontrate già due volte, nel 1986 (vittoria per gli argentini) e nel 1990 (trionfo tedesco in Italia), mentre quattro anni fa sono stati proprio i tedeschi ad eliminare i sudamericani.

LOW: "ARGENTINI AL LIMITE DELLA LEGALITA'". Sfida già iniziata alla vigilia, con il primo colpo affondato dai tedeschi: "L'Argentina gioca al limite della legalità nell'uno contro uno. Questa è la sua forza", sottolinea Joachim Löw, ct della Germania. Poi il tecnico corregge il tiro: "Non ho mai pensato ad un match scorretto o violento. Gli argentini sono passionali, lottano duramente, sono molto attaccati alla maglia. È la loro mentalità: noi abbiamo molto rispetto per i nostri avversari". Parole di apprezzamento Löw le ha rivolte anche verso il suo collega argentino: "Maradona ha segnato un epoca con il suo modo di giocare, forse come nessun giocatore ha fatto prima di lui. Da giocatore si preoccupava molto della fase difensiva ed anche come allenatore ama molto l'attacco: ha dei difensori di grande esperienza, ma cercheranno di segnare fin dai primi minuti, noi dovremo difenderci in 11. L'Argentina ha il suo stile, noi abbiamo il nostro: credo comunque che questa partita si deciderà in attacco".

PODOLSKI E OEZIL. Intanto, nell'ultimo allenamento della Germania sono rimasti ai box Lukas Podolski e Mezut Oezil, due dei componenti dell'attacco talentuoso e prolifico della Germania. Entrambi, secondo quanto ha assicurato il dirigente tedesco ed ex nazionale Oliver Bierhoff non rischiano di saltare il match con l'Argentina. Il loro è stato solo un riposo precauzionale: Podolski ha riportato una piccola contrattura nell'allenamento di ieri, Oezil è stato semplicemente risparmiato perchè ha speso molto. "L'ho sempre detto: io rispetto tutti ma non temo nessuno".

MARADONA: "NON GLI FAREMO TOCCARE PALLA". Non da meno in conferenza stampa il ct argentino Diego Armando Maradona: "Siamo coscienti che dobbiamo continuare a giocare nello stesso modo, che i giocatori sono molto concentrati e che affronteremo un avversario che storicamente ha sempre giocato bene contro l'Argentina. Ma noi sappiamo che possiamo correre sempre e non far toccare la palla alla Germania".

MESSI CI SARA'. Leo Messi ieri non si è allenato per la febbre, ma non è mai stato in dubbio per la partita, secondo Mardona: "Logicamente quando Leo si sentiva male c'è stata una piccola preoccupazione, ma l'ho fatto tornare dentro allo spogliatoio perchè c'era molto freddo, abbiamo avuto una lunga chiacchierata e l'ho mandato a riposo, ma non ho pensato mai di non schierarlo". Sulla posizione in campo della "Pulce" del Barcellona, aggiunge: "Lascio libero Leo di stare vicino alla palla. A me va bene così sennò gli togli freschezza e iniziativa". Maradona è convinto delle possibilità della sua nazionale: "Noi siamo arrivati a questo punto con questi uomini e abbiamo mostrato una squadra offensiva, con equilibrio a centrocampo. Non intendo cambiare o improvvisare un'altra formazione. Io rispetto tutti ma non tempo nessuno qualsiasi nome abbia. Io sono orgoglioso dei miei 23 giocatori, della mia nazionale. Devo solo ringraziarli per quello che fanno sul campo ed anche per quello che non si vede sul campo". Il ct è fiducioso: "Le mie sensazioni sono buonissime. L'Argentina va avanti e non abbiamo nessun problema. Sono sicuro che domani farà una grande partita e così passiamo ad un'altra partita anch'essa difficile che sicuramente sarà da vincere come quella di domani".

"SPAGNA FAVORITA DALL'ARBITRO". E Maradona già inizia a punzecchiare quella che può essere la possibile avversaria alle semifinali, la Spagna, che in serata, alle 20.30, affronterà il Paraguay nell'ultima gara dei quarti. La possibile avversaria delle semifinali può essere la Spagna. Secondo l'ex campione del Napoli, le "furie rosse" sono state favorite dal suo connazionale Baldassi: "Voglio dire una cosa al mio amico Baldassi (l'arbitro argentino di Spagna-Portogallo, ndr), ovvero che ha inclinato il campo a favore della Spagna. Ha espulso senza motivo un giocatore portoghese e ha concesso un gol a Villa in fuorigioco: il guardalinee forse era Andrea Bocelli (il celebre cantante non vedente, ndr). Comunque la Spagna è stata più forte del Portogallo che non ha mai osato abbastanza. Ma questo anche perchè forse Baldassi non li ha mai lasciati entrare nell'altra meta campo. Mi è sembrato un arbitraggio orribile. Dava sempre ragione alla Spagna. Non sono mai stati segnalati alcuni falli e questo psicologicamente ha avuto la sua importanza".

CALCIO, MONDIALI; CANNAVARO: TROPPE PAURE

Fabio Cannavaro torna a parlare del Mondiale in Sudafrica: "Troppe paure, sistema sbagliato, così siamo fuori. Nel primo tempo con la Slovacchia ho visto gente pallida vagare guardando nel vuoto. Ho capito che non ne venivamo fuori e nella mia mente pensavo che finire così proprio non volevo. Grandi campioni come Cristiano Ronaldo e Rooney sono a casa, perchè senza squadra non vai da nessuna parte. Solo Maradona ha vinto da solo. L'Inghilterra non me l'aspettavo ma è rimasta schiacciata dalla pressione. E poi guardate anche grandi campioni come Messi e Kakà quante difficoltà incontrano: solo perchè il gruppo funziona vanno avanti".(02/07/2010)(spr)

CALCIO, MONDIALI: DUNGA CONTESTATO AL RIENTRO IN ALBERGO

Il CT brasiliano Carlos Dunga è stato contestato in maniera vivace al suo rientro in albergo, a Port Elizabeth, dopo la sconfitta della Seleçao nel quarto di finale del Mondiale sudafricano contro l'Olanda. All'esterno del Protea Hotel di Port Elizabeth un gruppo di persone ha atteso la discesa del CT dal bus della squadra prima di fischiarlo e urlargli ripetutamente "Burro" (asino n.d.r.). Dunga ha non ha replicato alla contestazione.
sport.repubblica

CALCIO, MONDIALI: PARIS HILTON ARRESTATA PER POSSESSO DROGA

La ricca ereditiera Paris Hilton è stata arrestata quest'oggi a Port Elizabeth (Sudafrica) per possesso di marijuana, insieme ad altre persone. La notizia è stata data dal sito TMZ, lo stesso che annunciò per primo la morte di Michael Jackson. La bionda americana ha assistito questo pomeriggio al quarto di finale del Mondiale di calcio tra Brasile e Olanda, prima di essere fermata dalla polizia locale. Secondo 702 radio, la Hilton dovrà comparire in tribunale nelle prossime ore, ma non ci sono ancora conferme ufficiali riguardanti l'accusa di cui deve rispondere.
spot.repubblica

CALCIO, MONDIALI; MARADONA: NIENTE PAURA, PASSIAMO NOI

Diego Armando Maradona, CT dell'Argentina, non teme la Germania alla vigilia del quarto di finale mondiale che opporrà le due nazionali a Città del Capo: "Rispetto tutti ma non temo nessuno - dichiara il tecnico biancoceleste - ho ottime sensazioni, andremo avanti senza alcun problemi. I ragazzi sanno che basterà giocare come hanno fatto finora, possiamo correre per tutta la partita e non far vedere nemmeno la palla ai tedeschi. Faremo una grande partita davanti e ci qualificheremo per un'altra gara, tutta da vincere".
sport.repubblica

Mondiali/ Oggi Argentina-Germania, la Spagna insegue la storia

Roma, 2 lug. (Apcom) - Il cerchio si stringe. Ieri la rumorosa eliminazione del Brasile per mano dell'Olanda, oggi l'altro big match di questi mondiali sudafricani. La partità della verita per Germania e Argentina, in campo alle 16 a Città del Capo. Finora l'Argentina non ha mai perso una partita ed è reduce dal 3-1 contro Messico, i tedeschi hanno vinto il loro girone nonostante una sconfitta con la Serbia ma hanno rimesso le cose in chiaro eliminando un altro pezzo forte del torneo, l'Inghilterra, con un rotorno 4-1. Messi, non proprio al top, è l'anima della formazione di Maradona che ha in Higuain il suo terminale offensivo con quattro gol all'attivo. Nel mondiale del 2006 i tedeschi eliminarono l'albiceleste proprio nei quarti ai rigori con tanto di rissa finale. A Berlino l'Argentina cercava la rivincita della finale del campionato del mondo 1990 persa a Roma. "Loro sono impulsivi e capricciosi e non sanno perdere", ha affermato il capitano della Germania Lahm. "I ragazzi stanno pensando a scendere in campo prendersi una rivincita per il 2006", ha detto Maradona, "ma le parole di Lahm non mi preoccupano e non mi interessano". La vincente se le vedrà in semifinale con una tra Paraguay e Spagna che a Johannesburg alle 20.30 daranno vita all'ultimo quarto di finale. Le furie rosse, nella loro storia, non sono mai approdate in una semifinale mondiale. In tutte e quattro le volte che ne hanno avuto l'opportunità, tra il 1934 e il 2002, gli spagnoli hanno sempre mancato l'appuntamento. "Sappiamo di essere in buone condizioni, sono più di trenta giorni che ci alleniamo come squadra e credo che questi giocatori vogliono fare la storia", ha affermato il ct Del Bosque. La Spagna, campione d'Europa, raggiunse le semifinali solo nel 1950 quando al torneo brasiliano parteciparono solo 13 squadre. Nel 2002 gli spagnoli furono condannati dalla Corea del Sud ai rigori, nel 1994 fu Roberto Baggio a rimandarli a casa mentre nel 1986 caddero per mano del Belgio ai rigori e nel 1934 ancora l'Italia. Il titolo iridato non è ancora arrivato. Il Paraguay invece è stata l'unica formazione finora ad arrivare ai rigori, contro il Giappone, ed ha incassato un solo gol.

CALCIO, MONDIALI; KAKA': NOI FUORI PER COLPA DI DETTAGLI

Il brasiliano Kakà analizza la sconfitta del Brasile contro l'Olanda, che ha sancito l'eliminazione dei verdeoro dal Mondiale sudafricano: "Abbiamo perso per i dettagli - dichiara il giocatore del Real Madrid - non è la qualità che è mancata. Abbiamo subito gol su palla inattiva, questo ha consentito all'Olanda di vincere. Le semifinali? Ci arriveranno solo i migliori".
(sport.repubblica)

Mondiali/ Olanda e Uruguay in semifinale, disastro Brasile

Roma, 2 lug. (Apcom) - Ieri a Port Elizabeth la festa è stata tutta arancione mentre il Brasile seppelliva l'era Dunga sotto una coltre di rimpianti. L'Olanda centra il colpaccio in rimonta. I verdeoro chiudo il primo tempo con un gol di vantaggio (Robinho) e la partita in mano. Nella ripresa l'autogol di Felipe Melo (anche se lui nega), che devia in rete una punizione di Sneijder, fa saltare i nervi ai brasiliani e al centrocampista della Juventus che dopo pochi minuti viene espulso. L'interista Snejder al 68' firma il gol che accende gli entisiasmi e porta gli 'orange' per la quarta volta alle semifinali Mondiali: nel 1974 e nel 1978, proprio all'epoca dell'Arancia Meccanica di Johan Cruijff, riuscì poi a conquistare l'accesso alla finalissima, persa in entrambi i casi contro i padroni di casa (1-2 contro la Germania Ovest nel prima caso, 1-3 dopo i tempi supplementari contro l'Argentina nel secondo). L'Olanda di Sneijder e Robben ha inanellato cinque vittorie consecutive, un ruolino di marcia mai verificatori prima. In Brasile intanto sono già partiti i processi contro Dunga, che prima di dire addio alla selecao si è assunto tutte le responsabilità senza rinnegare le sue scelte, e i giocatori (Felipe Melo il più bersagliato). Per l'Olanda ora si apre una strada apparentemente abbordabile per arrivare alla finale. Sneijder oggi lo ha detto che questa squadra può "arrivare fino in fondo" e conquistare quel trofeo che manca in bacheca, ma deve stare attenta alle docce fredde come ha insegnato l'ex favoritissimo Brasile. Martedì a Citta del Capo (20.30) gli olandesi affronteranno il sorprendete Uruguay che centra le semifinali dopo 40 anni di attesa ai calci di rigore. A Johannesburg Muntari sblocca al 47' ma il solito Forlan ristabilisce il pareggio al 55' della ripresa, si va ad oltranza fino al 122' quando Gyan sbaglia il calcio di rigore che avrebbe regalato al Ghana, unica rappresentante africana, la qualificazione (Suarez espulso). Ai rigori il portiere della Lazio Muslera si esalta e il risultato finale di 5-3 racconta di due errori dal dischetto per i ghanesi e di uno per gli uruguyani, prima del rigore decisivo di Abreu.