CALCIO, MONDIALI; BBC: CAPELLO LASCIA SE KO CON SLOVENIA

La BBC ne è certa: Fabio Capello si dimetterà da CT della nazionale inglese se l'Inghilterra uscisse già mercoledì dai Mondiali. Nonostante le smentite ufficiali della Football Association, secondo l'emittente britannica 'un uomo onesto come Capello considererebbe seriamente la propria posizione in caso di umiliazione, ma - scrive la BBC citando una fonte vicina al tecnico - "il tecnico non è una persona che scappa quando le cose iniziano ad andare male". Sempre secondo la BBC, la FA sarebbe a conoscenza delle spaccature all'interno dello spogliatoio ma non prenderebbe mai l'inizativa per esonerare il tecnico, per l'importanza dell'ingaggio pattuito e per la difficoltà di trovare un sostituto di alto livello.
sport.repubblica.it

MONDIALI: LIPPI TIENE A RAPPORTO LA SQUADRA

(AGI/ITALPRESS) - Centurion, 21 giu. - E' iniziato alle 11 l'allenamento degli azzurri, rientrati questa notte da Nelspruit dopo il deludente pareggio con la Nuova Zelanda.
Lippi ha tenuto a rapporto la squadra portandola fuori dal terreno di gioco del SouthDowns College e ha parlato ai suoi giocatori disposti a circolo e seduti dietro i cartelloni pubblicitari. Insieme alla squadra anche Gigi Buffon e Andrea Pirlo; i due stanno ascoltando il discorso di Lippi, ma e' da vedere se riprenderanno gli allenamenti insieme al gruppo.

Mondiali/ Abete: Con Slovacchia è spareggio, partita della svolta

Italia-Nuova Zelanda 1-1, presidente Figc: "Speranza c'é ancora"
Roma, 21 giu. (Apcom) - Dopo il pareggio di ieri per 1-1 contro la Nuova Zelanda, il secondo di fila ai Mondiali sudafricani, con lo spettro della clamorosa eliminazione al primo turno della nazionale italiana campione del mondo uscente, il presidente federale Giancarlo Abete non perde la fiducia e in vista della decisiva partita di giovedì prossimo contro la Slovacchia ricorda che gli azzurri "negli spareggi hanno fatto sempre bene" e che quindi quella di Johannesburg dovrà rappresentare "la partita della svolta". Secondo Abete, la squadra di Marcello Lippi è la sola responsabile del suo destino, "la Nuova Zelanda andava battuta", ma non accetta critiche sulle convocazioni, attestandosi sulla stessa linea manifestata ieri dal suo ct. "A casa non abbiamo lasciato fenomeni e questa nazionale può andare avanti", ha detto questa mattina Abete a Radio Anch'io lo Sport. "Bisogna fare di più, ma non abbiamo perso la speranza. La squadra si è impegnata e si è battuta, come ci aspettavamo, e non c'é un problema di condizione fisica". L'attacco però non trova il gol: contro il Paraguay l'1-1 lo ha regalato Daniele De Rossi, che poi ieri si è procurato il rigore poi trasformato da Vincenzo Iaquinta. "E' da parecchio tempo che abbiamo difficoltà ad andare in gol", ha ammesso Abete. "Quando si subisce una rete o non si sblocca la partita, forse subentra un pò d'ansia e non si riesce a dare una dimensione ordinata alla manovra. Servirebbe qualche giocata in più, altrimenti, si rischia di andare in crisi quando si subisce il primo gol". E allora magari serviva qualche giocatore in grado di accendere la luce là davanti? Come Antonio Cassano, Mario Balotelli, Fabrizio Miccoli o anche Francesco Totti? "Cassano - ha replicato Abete - ha giocato gli Europei del 2004 e del 2008, ma le cose non andavano diversamente. Balotelli è giovane ed ha talento, ma gioca nell'Under 21. Non vedo giocatori in grado di fare la differenza a livello internazionale. Si può parlare della singola convocazione di un calciatore, fa parte della dialettica, ma sbagliamo se pensiamo che questo sia il problema. (apcom)

MONDIALI 2010 ITALIA-NUOVA ZELANDA 1-1. PAGELLE AZZURRI. UN PASSO INDIETRO PER TUTTI

21 Giu. - di Antonio Creti - Un passo indietro per tutti. Una squadra che appare involuta nel gioco e con idee confuse, al pari del suo Ct che continua a cambiare modulo e uomini, anche in corsa. Anche contro i Kiwi, Lippi, smonta l'attacco, bocciando sonoramente Gilardino e Pepe, affidandosi a Iaquinta, davvero inconcludente e a Di Natale che come contro il Paraguay non tocca una palla decente. Regge il centrocampo, nell'asse Montolivo-De Rossi, ed è questa l'unica vera certezza, mentre la difesa non merita la sufficienza, stante quel gol galeotto di Smeltz con papera collettiva su calcio piazzato e palla lenta: un gol da scapoli e ammogliati. Bocciatura anche per Marchisio, peggiore in campo. Marchetti sostanzialemente incolpevole sul gol. Zambrotta e Criscito tra i migliori.

PAGELLA

MRCHETTI. 5. Direte ma lui neanche tocca palla? Epper il gol lo becca e lo avrebbe ribeccato se Wood non avesse sbagliato. Insomma, anch elui si dia da fare!

ZAMBROTTA 6. Tra i migliori. Su quella fascia è tornato ragazzino

CANNAVARO 5. Meriterebbe 4. Un gol cos ma come si fa a prenderlo? Poi si riscatta con una prova tutta cuore.

CHIELLINI 5. Come per Cannavaro. Ma anche lui si distingue per una prova a tutto campo, spesso in attacco.

CRISCITO 6. Una delle migliori novità azzurre di questi Mondiali. Corre. Si danna. Sempre lucido.

PEPE 5. Nel primo tempo è tra i più attivi. Corre e sbaglia. Lippi lo riprende. Lui corre e sbaglia. Sostituito!

CAMORANESI 6. Ci mette l'anima. Corre a vuoto, ma inventa anche un bel tiro dopo un'azione prolungata. Sterile

DE ROSSI 6.5. Va in gol col Paraguay. Qui si inventa il rigore. Meno lucido, ma sempre redditizio. Insostituibile

MONTOLIVO 7. Dinamico. Preciso. Azzecca due tiri che meriterebbero il gol, e coglie un palo clamoroso. Il Migliore!

MARCHISIO 4. Francamente non se ne pu più di questo ragazzo che non azzecca nè un tiro, nè un passaggio. Basta!

PAZZINI 5. Invocato a gran voce, fa la fine di Gilardino. Non pervenuto

GILARDINO 4. Non tocca palla. Peggio di Pazzini

DI NATALE 4. Non pervenuto.

IAQUINTA 5. Almeno il rigore lo realizza e un paio di tiri li azzecca. E comunque non molla mai

MARCELLO LIPPI 5. Di incoraggiamento. Nel senso che se molla pure lui è la fine! Epper mostra idee sempre più confuse. Tranne che in conferenza stampa. Odia cos tanto i giornalisti che finirà in Tv. Come Sacchi! (fonte: clandestinoweb)


La storia dei Mondiali di Calcio descritta da uno dei migliori disegnatori al mondo. I momenti più emozionanti, i gol, le azioni di tutte le finali, le formazioni, le curiosità, i retroscena di tutti i mondiali di calcio finora giocati.

sheda libro su ibs clicca qui

Flop Mondiale per l'Italia, si gioca tutto con la Slovacchia

Roma, 20 giu. (Apcom) - Flop dell'Italia ieri nella seconda partita dei Mondiali in Sudafrica. La squadra di Marcello Lippi ha conquistato un solo punto nel match contro la Nuova Zelanda terminato 1-1. Dopo il gol in avvio degli All White con Smeltz al 7', anche se viziato dal fuorigioco, gli azzurri hanno trovato il pareggio al 29' con Iaquinta su rigore, concesso per una trattenuta in area su De Rossi. Un pareggio che complica le cose per gli azzurri che ora hanno due punti in classifica e come i neozelandesi anche la stessa differenza reti. Il Paraguay, che ha battuto per 2-0 la Slovacchia a Bloemfontein, guida il gruppo F con 4 punti. Anche se l'aritmetica lascia ancora aperta ogni possibilità, l'Italia ora dovrà vincere giovedì 24 all'Ellis Park di Johannesburg con la Slovacchia (1 punto) per assicurarsi il passaggio agli ottavi di finale. Basterebbe anche un pareggio in caso di vittoria del Paraguay sui "kiwi". Passare primi nel girone avrebbe significato evitare l'Olanda e una strada tortuosa, ma l'Italia di oggi deve fare i conti con la realtà e pensare prima di tutto a ritrovare la via del gol per ottenere un biglietto per gli ottavi, anche se di seconda classe. Il Brasile conferma di essere la favorita battendo 3-1 la Costa d'Avorio nella seconda giornata del gruppo G e qualificandosi per gli ottavi praticamente con una giornata d'anticipo e senza dovere aspettare gli altri risultati. A Johannesburg i verdeoro vanno a segno con Luis Fabiano, autore di una doppietta al 25' e al 50', ed Elano al 62'. Il gol ivoriano porta la firma di Drogba al 79'. Il brasile ha chiuso la gara in dieci uomini per l'espulsione di Kakà all'88'. Primo giallo per proteste, la seconda per un buffetto a Keita che fa una gran sceneggiata. La classifica vede la nazionale di Dunga in testa con 6 punti, ivoriani e Portogallo a quota uno. Ferma al palo la Corea del Nord. Quella verdeoro è la seconda squadra a qualificarsi dopo l'Olanda.

Programmi Tv stasera, oggi 21 giugno 2010: Spagna-Honduras

È Spagna-Honduras il match clou dell’undicesima giornata dei Mondiali di calcio 2010 che si stanno giocando in Sudafrica: le furie rosse di Del Bosque tornano in campo per riscattare la pesante e incredibile sconfitta contro la Svizzera con cui hanno esordito a questi campionati. Appuntamento dunque alle 20.30 su Rai Uno

L' atlante dei mondiali. Trentadue viaggi per sapere tutto delle nazioni e delle nazionali protagoniste di Sudafrica 2010

I Mondiali di calcio sono una grande occasione, per appassionarsi ma anche per conoscere. Soprattutto quando si disputano per la prima volta nel continente africano e se l'Italia ci arriva da campione in carica compiendo cent'anni di vita. Questo manuale racconta le nazioni e le nazionali come non le avete mai conosciute: 32 viaggi sorprendenti per scoprire quello che le guide non dicono. E un avvincente diario per seguire partita per partita l'appuntamento in Sudafrica, lo spettacolo più coinvolgente del pianeta. La sfida è doppia: offrire ai malati di calcio una lettura più profonda attraverso i cinque continenti e consegnare a chi si avvicina a questo sport solo ogni quattro anni una chiave per capirne meglio la magia senza confini.

la scheda del libro su ibs clicca qui

Mondiali 2010. Il libro ufficiale dei record

Chi è stato ammonito più volte ai Mondiali? Quale giocatore ha segnato più gol con la maglia dell'Italia? Chi è stato il calciatore più giovane a vincere la Coppa del Mondo? Chi è stato il più giovane allenatore nella storia dei Mondiali? In un coloratissimo volume tutti i numeri, le statistiche, i fatti, i segreti, le curiosità, i personaggi, le foto più emozionanti dello sport più popolare del pianeta per prepararsi come si deve ai prossimi Mondiali in Sudafrica.
acquista il libro su ibs clicca qui