Come vive la gente comune il mondiale tanto atteso

JOHANNESBURG, 13 giugno - Mandilakhe Majikazana, 21 anni, spazzino dal venerdì alla domenica, otto ore al giorno, per 13,98 rand l'ora, cioè 1,30 euro.

1) La favorita del Mondiale?
Secondo me sono i Bafana Bafana, siamo stati sfortunati contro il Messico ma ho visto che hanno anima e andranno avanti fino all'ultimo.

2) Come segui il Mondiale?
A casa non abbiamo la televisione, ma ho visto Argentina-Nigeria, in un pub. Match molto tosto. I sudamericani sono forti, soprattutto in attacco.

3) Una cosa di Cape Town che noi europei non notiamo.
La povertà che c'è dove abito io, a Khayelitsha, quindici minuti da Cape Town: in pochi possono seguire il Mondiale, in alcune zone non abbiamo neanche il bagno e ci hanno messo dei bagni all'aperto, senza coperture. Ma la gente si vergogna a farla così.

Massimo Basile - corrieredellosport

È l'ora dell'Italia: contro il Paraguay i numeri sono con gli azzurri

articolo di domenica 13 giugno 2010
È l'ora dell'Italia: contro il Paraguay i numeri sono con gli azzurri

di Elia Pagnoni
La partita inaugurale sorride quasi sempre agli azzurri: tre sole sconfitte il 16 mondiali, l'ultima nel '94 con l'Irlanda. Italia mai sconfitta all'esordio contro una squadra sudamericana. E con il Paraguay c'è un vecchio precedente che ci sorride: 2-0 nel 1950
Domani è il giorno degli azzurri. A Città del Capo (ore 20.30, diretta Rai e Sky) comincia l'avventura del girone F quello che comprende, oltre alla squadra di Lippi, il Paraguay, la Slovacchia e la Nuova Zelanda. Per l'Italia è la 17ª avventura mondiale e finora nelle gare inaugurali l'Italia ha raccolto 9 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, l'ultima delle quali nel 1994 negli Usa contro l'Irlanda (0-1). L'Italia affronterà domani sera il Paraguay, ed è la terza che debutta contro una nazionale sudamericana: due volte ha aperto col Cile (2-0 in Inghilterra nel '66 e 2-2 in Francia nel '98) e una volta con l'Ecuador (2-0 in Corea-Giappone 2002).
Gli archivi ci dicono anche che esiste un precedente mondiale tra Italia e Paraguay, ma bisogna andare indietro fino al 1950, mondiale brasiliano, il primo del dopoguerra, con gli azzurri campioni in carica ma eliminati al primo turno nonostante, appunto, la vittoria per 2-0 sui paraguayani. Era il 2 luglio 1950, a San Paolo, e gli azzurri si imposero con le reti di Carapellese (13') e Pandolfini (63'). L'Italia giocava con Moro, Blason, Fattori, Furiassi, Remondini, Mari, Muccinelli, Pandolfini, Amadei, Cappello, Carapellese. Il Paraguay rispondeva con Vargas, Gonzalito, Cespedes, Gavilan, Leguizamon, Cantero, Avalos, Lopez, Saguier, Flutas Lopez, Unzain.
Tra gli azzurri e il Paraguay c'è poi da registrare solamente un'amichevole, molti anni dopo, nel 1998 a Parma in preparazione ai mondiali francesi finita 3-1 per noi con un gol di Paolo Maldini, una doppietta di Moriero e un'autorete di Costacurta. Curiosamente sulla panchgina azzurra c'era Cesare Maldini che poi avrebbe guidato proprio il Paraguay nei mondiali successivi.
Le altre due sfide di domani (Olanda-Danimarca alle 13.30 e Giappone-Camerun alle 16) non registrano precedenti a livello mondiale. Ma la sfida tutta europea tra danesi e olandesi conta una semifinale a livello di campionati europei nell'edizione svedese del '92, con la vittoria della Danimarca per 5-4 ai rigori a Goteborg, vittoria che poi l'avrebbe lanciata verso la clamorosa conquista del titolo continentale in finale con la Germania.
Nella foto: Cesare Maldini doppio ex: ct azzurro ai mondiali del '98 e ct del Paraguay quattro anni dopo.
© IL GIORNALE ON LINE

Dunga litiga con la stampa e nasconde il Brasile

Il ct che, non a caso, ha vissuto tanto in Italia, per la terza volta in quattro giorni ha fatto allenamento a porte chiuse ed ha scatenato le proteste e le antipatie. Maicon: «Sembra Mourinho»

Sarà un caso se Carlos Dunga, ct del Brasile con lunga esperienza nel pallone italiano, ha inaugurato il mondiale con una serie di allenamenti a porte chiuse? Per esempio, sui silenzi stampa l'Italia del calcio ha fondato le basi per i suoi successi: ricordate Spagna 82'? Ed anche Germania 2006 è cominciata con una fiera battaglia fra ct e stampa. Dunque ora è guerra aperta fra Dunga e la stampa brasiliana per la decisione del tecnico di far svolgere, per la terza volta in quattro giorni, l'allenamento della Selecao a porte chiuse. Si tratta di un fatto a cui in Italia si è abituati (basti pensare a quanto fanno le varie squadre di club) ma che per i brasiliani finora era assolutamente impensabile, in particolare per la nazionale.
Finora l'unico che ci aveva provato una volta, facendo una precipitosa marcia indietro dopo aver subito l'assalto dei reporter, era stato Mario Zagallo a Francia '98.
Dunga, invece, è pronto per venire ad allenare in Italia e tira dritto, nonostante si stia attirando molte antipatie in seno alla critica. Anche questo è un segreto del mestiere: attirare le antipatie per lasciare in pace la squadra. Sull' argomento degli allenamenti a porte chiuse è stato inseguito dalle domande, dal tono polemico, l'interista Maicon. Mourinho ha fatto scuola all'Inter. «Non dovete chiedere a me - ha risposto - perchè si tratta di una decisione di Dunga. Io, come calciatore, non posso fare altro che adeguarmi a ciò che stabilisce il 'Professore (Dunga n.d.r.). Quando lui prende questa decisione non chiede il nostro parere, lo fa e basta, e non possiamo certo metterci a discutere con il ct per questo. Non credo che ciò gli attirerà nuove antipatie: Dunga, con le sue vittorie, ha già conquistato il popolo brasiliano. Quanto ai rapporti con la stampa, Dunga in questo assomiglia a Mourinho, con tutto ciò che ne consegue».
E se Maicon avesse conosciuto Helenio Herrera e Rocco, avrebbe capito da quanto tempo, in Italia, siamo abituati a queste scaramucce. Altro che Mourinho.
© IL GIORNALE ON LINE S.R.L. 13/6/2010

Il mondiale in Sudafrica? L'ha già vinto l'Italia, ma con la play station

di Nino Materi - Il Giornale 13/6/2010
Italia vs Francia: 1 - 0. E la nostra nazionale batte i cugini d'oltralpe e si aggiudica la prima Coppa del Mondo virtuale
Alla vigilia dell'esordio italiano ai Mondiali in Sudafrica al Videogames Party, l'unico festival italiano dedicato ai videogiochi, si è appena concluso il primo campionato del mondo di calcio virtuale. Ad aggiudicarselo l'Italia guidata dal giovanissimo (18 anni appena compiuti) Stefano Brambilla di Frosinone che ha battuto la Francia di Alessio Bruno da Torino con appena un gol di distacco. Un mondiale decisamente più veloce rispetto a quello reale che si è concluso in soli due giorni, ma ugualmente carico di emozioni e adrenalina. La favoritissima Argentina infatti è giusto approdata ai quarti, mentre al Brasile di Luigi Lattanzio (Milano) va il terzo posto grazie ad un gol di Robinho in zona Cesarini, a discapito della brillante ma inconcludente Spagna.
Ben 32 giocatori, tanti quanti le squadre nazionali del Mondiale in Sudafrica, con tanta passione per il calcio e soprattutto per i videogame. È stato il primo e unico evento del genere in Italia. Per un week end, sabato 12 e domenica 13 giugno, Milano si è trasformata nella capitale dei videogame: più di 5 mila visitatori, oltre 100 postazioni di gioco per più di 20 tornei, ben 1.200 mq interamente dedicati al divertimento in formato joystick, per sfide senza mozzafiato. È il Videogames Party, una vera e propria festa del videogioco dedicata ai milioni di appassionati videogiocatori italiani. Un modo per conoscersi, confrontarsi e divertirsi in compagnia tra concerti, show e tornei di ogni tipo, dall'intramontabile Super Mario all'anticipazione del videogame tratto da Magic: the Gathering, il gioco di carte fantasy più famoso del mondo.
Tra i tanti tornei quello che ha catturato l'attenzione delle migliaia di partecipanti è stato proprio quello con Fifa Mondiali Sudafrica, il primo mondiale virtuale del mondo. Le 32 squadre realmente qualificate ai mondiali guidate dai più bravi videogiocatori d'Italia si sono affrontate senza esclusioni di colpi. Ed è così che dopo la fase preliminare dei gironi piena di colpi di scena (l'Inghilterra non è passata), con tanto di telecronaca in diretta, si è arrivati agli ottavi con il Sudafrica guidato dal siciliano Paolo Gulli dato come super favorito. Invece non è andata così e ai quarti sono arrivate Francia, Argentina, Slovenia, Germania, Olanda, Italia, Brasile e Spagna. Sfide al cardiopalma che hanno decretato le quattro semifinaliste: Spagna, Brasile, Italia e Francia.
L'entusiasmo era alle stelle. I quattro giovani videogiocatori, dopo una sportiva stretta di mano, sono subito passati ai fatti. Ad avere la meglio l'Italia e la Francia che si assicurano la finalissima, mentre Brasile e Spagna si giocano il terzo e quarto posto. Alla fine della partita giocata all'ultimo secondo, il Brasile di Luigi Lattanzio (Milano) si aggiudica il terzo gradino del podio grazie ad un gol di Robinho in zona Cesarini, a discapito della brillante ma inconcludente Spagna pilotata dal joystick dell'italo-cinese Mauro Buscemi. Il pubblico fremeva in attesa della finale. Dopo un primo tempo privo di grandi emozioni, è l'Italia di Stefano Brambilla da Frosinone a passare subito in vantaggio grazie ad un'incornata di Gilardino (12" s.t.). Ai cugini d'oltralpe non resta che spingere fino alla fine, ma lo storico catenaccio italiano non lascia nessuno spazio. E alla Francia di Alessio Bruno da Torino non resta che accontentarsi del secondo posto, nonostante la splendida prestazione.
Anche se virtualmente, dunque, la nostra nazionale si aggiudica il Mondiale Sudafrica 2010, nella speranza che sia di buono auspicio per il mondiale che realmente si sta giocando e che già lunedì vede gli azzurri a Johannesburg impegnati con il Paraguay.

Serbia – Ghana: un altro risultato di misura


Anche per il gruppo D dei Mondiali un altro risultato di misura. Ma possiamo dire che questa volta c’è lo zampino dell’Italia: segna a pochissimi minuti dalla fine Asamoah Gyan, un ex attaccante dell’Udinese.

La partita è stata certamente “frizzante” e dinamica: entrambe le squadre hanno osato, cercando in ogni modo e talvolta con qualche rischio, il gol del vantaggio. Ma ad avere la meglio è stata la squadra africana, in virtù del calcio di rigore concesso a pochissimi minuti dal termine. Un fallo di mano da parte di Zdravko Kuzmanovic ha costretto l’arbitro Baldassi a concedere il penalty.

La Serbia, che giocava in 10 dal 75′ minuto per una doppia ammonizione, non ha saputo reagire e ha accusato il colpo: il Ghana insiste e anche nei minuti di recupero arriva vicinissima al raddoppio con un clamoroso palo interno dallo stesso Asamoah Gyan.

Quest’ultimo, considerato “eroe” del match, attualmente gioca nel campionato francese con la squadra dei Rennes.

Mondiali 2010, azzurri a Città del Capo. Oggi Germania-Australia

Conto alla rovescia per l'esordio della Nazionale ai Mondiali di Sudafrica 2010 : domani la sfida con il Paraguay nella prima giornata del Gruppo F. Alle 20.30 a Durban il debutto della nazionale tedesca contro l'Australia.

Centurion, 13 giu. - (Adnkronos) - La Nazionale ha lasciato il ritiro del Leriba Lodge, a Centurion, per raggiungere Città del Capo. E' la città dove domani gli uomini di Lippi esordiranno ai Mondiali di Sudafrica 2010 affrontando il Paraguay nella prima giornata del Gruppo F.

La comitiva, salutata dal personale del Leriba Lodge con canti e cartelli (Buona fortuna azzurri!) è arrivata Città del Capo intorno alle 15.00.

Nel pomeriggio, alle 18, è previsto un allenamento al Green Point Stadium alle 18.

Oggi intanto è il giorno della Germania. La squadra del ct Joachim Loew, terza classificata al Mondiale in casa di 4 anni fa, esordisce oggi alle 20.30 nella rassegna iridata sudafricana sfidando a Durban l'Australia, che nel 2006 fu eliminata gli ottavi di finale dall'Italia.


All'indomani del pareggio contro gli Stati Uniti, la stampa inglese punta il dito su Robert Green, com'era lecito aspettarsi

All'indomani del pareggio contro gli Stati Uniti, la stampa inglese punta il dito su Robert Green, com'era lecito aspettarsi: il portiere del West Ham, la cui papera è costata il successo agli uomini di Fabio Capello, è il principale imputato per il risultato di ieri. "Niente panico, riporteremo la Coppa a casa", titola il 'Daily Star', mentre il 'Sunday Times' scrive "L'errore di Green costa all'Inghilterra una partenza perfetta". Infierisce su Green il 'Telegraph', secondo cui l'estremo difensore "non si vorrà svegliare stamattina, sempre che sia riuscito a dormire. Di tutti gli scenari che avrebbe potuto immaginare, si è verificato quello peggiore". Il 'Daily Mail', invece, approfitta di una delle (rare) occasioni per puntare il dito su Fabio Capello: "date la colpa se volete a Green ma anche Capello deve alzare di livello il suo gioco. E poi mai avrebbe dovuto preferire Green a David James".

(sport.repubblica)

In Paraguay giorno riposo per l'Italia Governo decide con decreto, tutti davanti alla televisione,

Il governo paraguayano ha indetto un giorno di riposo per il 14 giugno in occasione di Italia-Paraguay.

Il presidente Fernando Lugo ha decretato che il giorno in cui la nazionale esordira' nel Mondiale del Sudafrica sara' di riposo a partire da mezzogiorno. La gara e' per le 14.30, ora locale. Anche il ministero dell'educazione ha deciso che le lezioni nelle scuole siano sospese, ma gli alunni seguiranno le partite su televisori istallati nelle classi.

Brunetta è inflessibile e chi vuole fare il tifo per gli Azzurri dovrà mettersi in ferie. Il sindacato replica indicando la tolleranza tedesca: «il mondo si è proprio capovolto». Quanto effettivamente si sia capovolto lo si deduce dalla cinese K.K, la giovane . Prima che i mondiali avessero inizio la ragazza ha postato sul sito più cool del momento, "Ci- nasmack", il suo videoappello agli uomini tra i 20 e i 40 anni d'età. Lei cerca, essendo disposta a pagare 100 euro al giorno, un uomo che le faccia compagnia per tutta la durata del campionato del mondo, a condizione che sia un gran bevitore, veda le partite scelte da lei, sappia cucinare piatti sfiziosi, riassetti la cucina dopo cena, e si lavi anche i piedi due volte al giorno, perchè a casa sua non vuol sentire cattivi odori.

Polemica per la Coppa in mano a Vieira al concerto di Soweto, Abete: "Gaffe della Fifa"

Al concerto di Soweto, alla vigilia dell'inaugurazione dei Mondiali, il francese Vieira ha alzato la coppa. Al suo posto avrebbe dovuto esserci un azzurro. Tensione Fifa-Italia. Il presidente della Figc Abete: "E una gaffe, nessun invito"

Johannesburg - Anche la cerimonia d'inizio dei mondiali può scatenare la polemica. Il calcio è così, ogni occasione è buona per litigare, specie se di mezzo c'è il bon-ton. Quelle buone maniere che, secondo il presidente della Figc Giancarlo Abete, la Fifa non ha avuto. Della cerimonia resta tante bellissime immagini ma anche una che stona un po': ritrae il centrocampista della nazionale francese Patrick Vieira tra il presidente del comitato organizzatore, Danny Jordan, ed il segretario generale della Fifa Jerome Valcke al termine del concerto di Shakira a Johannesburg. Ma non doveva essere Vieira ad avere in mano quella coppa. Non è la Francia, infatti, ad aver vinto i mondiali quattro anni fa.

Una gaffe della Fifa "La consegna della Coppa del Mondo al Sudafrica da parte dell'ex giocatore francese Patrick Vieira è una gaffe della Fifa. Quella coppa non l'ha vinta lui ne' nessun altro altro giocatore ma l'Italia''. E' la dura presa di posizione del presidente della Federcalcio Giancarlo Abete dopo che due sere fa, al termine del concerto di Shakira a Johannesburg, il presidente del comitato organizzatore Danny Jordan e il segretario generale della Fifa Jerome Valcke avevano fatto alzare a Vieira la Coppa in gesto simbolico di consegna al paese ospitante.

fonte: Il Giornale

I software più famosi che permettono di vedere le partite

Questi campionati del mondo 2010, ancor più dei precedenti, rischiano di passare alla storia come dei mondiali a singhiozzo. Sono infatti poche, per lo più quelle serali, le partite che la Rai trasmette in diretta. Per la vera e propria maratona c'è bisogno di Sky. Per chi non può permetterselo è così partita la caccia ai siti web ed ai programmi che permettono di vedere le partite direttamente tramite pc.

E' LEGALE - Vedere le partite on line è assolutamente legale. Questo perchè le TV (cinesi, inglesi o di qualsiasi altro Paese) che trasmettono nel corso dell'anno le partite di serie A, Champions League e altri campionati in streaming acquistan i diritti dei suddetti campionati. Anche per i mondiali 2010 funziona così.

COSA SERVE - Per vedere le partite di calcio gratis su Internet, servono dei software gratuiti da scaricare e installare sul PC; poi basta andare su dei siti che indicano i canali su cui le partite sono trasmesse e far partire il programma per vedere la gara.

I software più famosi che permettono di vedere le partite sono
TvAnts
PPLive
PPStream
Coolstreaming
PPMate
Sopcast
TVUPlayer

Noi vi consigliamo anche il sito http://www.rojadirecta.com/.

Terza giornata dei Mondiali di Calcio 2010 che oggi vedrà in scena tre incontri

Terza giornata dei Mondiali di Calcio 2010 che oggi vedrà in scena tre incontri: alle 13.30 Algeria-Slovenia (diretta SKY), alle 16 Serbia-Ghana (diretta SKY), alle 20.30 Germania-Australia (diretta Rai1 e SKY)

Mondiali: Germania-Australia (Sky e Rai), Algeria-Slovenia, Serbia-Ghana (Sky)Intanto un dato statistico delle prime cinque partite disputate: nelle tre precedenti edizioni dei Mondiali a 32 squadre, non era mai capitato che, si fosse segnato così poco. Sette i gol realizzati nelle prime cinque gare di Sudafrica 2010 (2 in Sudafrica-Messico 1-1, 0 in Francia-Uruguay 0-0, 2 in Corea del Sud-Grecia 2-0, 1 in Argentina-Nigeria 1-0 e 2 in Inghilterra- Stati Uniti 1-1). Nelle prime cinque partite di Germania 2006 i gol erano stati 12, a Francia 1998 13, a Corea del Sud/Giappone 2002.

Venendo alle partite di oggi alle 13.30 è il momento di Algeria e Slovenia prima assoluta per due squadre entrambe a digiuno dei palcoscenici importanti Per l'Algeria si tratta addirittura del primo Mondiale dopo 24 anni di assenza: obiettivo centrato a spese della rivale di sempre, l'Egitto. La Slovenia è invece alla seconda partecipazione dopo le delusioni all'Europeo 2000 e poi al Mondiale 2002.

Vietato perdere: Serbia e Ghana aprono alle 16 a Pretoria il girone D dei Mondiali e la sfida è già una sorta di spareggio tra coloro che aspirano al secondo posto finale nel raggruppamento. La formazione di Antic sa bene che un passo falso potrebbe avere ripercussioni non solo sportive ma anche politiche, visto che il Parlamento serbo ha deciso di sospendere i lavori proprio per permettere ai deputati di seguire il Mondiale sudafricano.

A chiudere il programma odierno la Germania che esordisce alle 20.30 allo stadio di Durban contro l'Australia. L'avversario con cui dovranno vedersela i tedeschi non è per niente un qualsiasi sparring partner: infatti nel 2006, negli ottavi di finale, costrinsero ai supplementari (risolti con un rigore mal digerito) gli Azzurri poi campioni del Mondo.

Per quanto riguarda il calendario completo della competizione ed i canali Rai e SKY di messa in onda, nella nostra Area Palinsesti potrete trovare la guida televisiva a Sud Africa 2010 aggiornata con tutti i risultati delle partite.

LA TERZA GIORNATA DEL MONDIALE IN TV
SKYDomenica 13 giugno alle ore 13.30 su Sky Mondiale 1, “Algeria-Slovenia” (telecronaca di Nicola Roggero e Stefano Nava). Pre partita dalle 12.30 con “Sky Mondiale Show”; in studio Marco Cattaneo, Franco Causio, Mario Sconcerti e Zvonimir Boban, mentre in collegamento dal Sudafrica ci saranno Malu Mpasinkatu e Antonio Di Gennaro. Inoltre, grazie all’opzione esclusiva dell’audio multiplo, sarà possibile seguire l’incontro anche in lingua francese e inglese (attraverso il pulsante “i” del telecomando).

A seguire, alle 16.00, “Serbia-Ghana”, con la telecronaca di Riccardo Trevisani e Claudio Onofri. Pre partita dalle 15.30 e post partita fino alle 18.30, sempre su Sky Mondiale 1. Anche per questo match, ci sarà la possibilità dell’opzione audio multiplo con il commento in lingua inglese.

A chiudere la giornata, l’altra sfida del Gruppo D: “Germania-Australia”, in diretta dalle 20.30 dallo stadio di Durban. Telecronaca di Riccardo Gentile e Luca Marchegiani. Premendo il tasto “i”, la telecronaca sarà in lingua inglese e tedesca.

Mondiali: Germania-Australia (Sky e Rai), Algeria-Slovenia, Serbia-Ghana (Sky)Il match sarà preceduto da “Sky Mondiale Show”, a partire dalle 19.30, con Ilaria D’Amico, Gianluca Vialli, Paolo Rossi e Marco Tardelli; in collegamento da Johannesburg, Massimo Mauro.

Inoltre, una finestra sempre aperta sul Sudafrica con continui aggiornamenti dallo studio panoramico all’IBC di Johannesburg e da Casa Azzurri, a Centurion.

Dalle 23.30 da non perdere “Calciomercato Mondiale”, l’appuntamento quotidiano con Alessandro Bonan e Gianluca Di Marzio, per scoprire tutti i retroscena e i colpi del mercato estivo e per analizzare i match di Sudafrica 2010. Ospite di questa puntata il presidente dell’Internacional de Porto Allegre, Vitorio Piffero, formazione fra le più blasonate del Brasile, nella quale ha militato Pato, prima d trasferirsi al Milan. Per scoprire tutti i retroscena e i colpi del mercato estivo e per analizzare i match di Sudafrica 2010, collegamenti anche con il Beach Club di Forte dei Marmi, con numerosi ospiti.

A seguire, e a chiudere ogni giornata, “Mondiale Remix”: dalle 24.30, trenta minuti per rivivere le emozioni della giornata appena conclusa, con tutti i gol, le immagini più belle e le interviste.

Su Sky, ben 8 canali sono coinvolti nel racconto televisivo della Coppa del Mondo: Sky Mondiale 1 (205), Sky Mondiale 2 (206), Sky Mondiale 3 (207) e Sky Mondiale 4 (208), tutti replicati dal 251 al 254. Ai quattro canali mondiali si aggiungono Sky Sport24 (canale 200), il canale interattivo, oltre ad altri due raggiungibili dal Mosaico Interattivo.

Il Mosaico darà la possibilità di personalizzare ulteriormente la visione: saranno a disposizione “Azzurri24”, il canale interamente dedicato alla Nazionale Italiana, e il canale “Highlights24” che proporrà una raccolta dei gol del torneo, aggiornati costantemente. Inoltre, durante le partite in diretta, il canale “Highlights24” proporrà in tempo reale tutte le azioni salienti del match che si sta disputando. Durante le partite in diretta sarà anche attivo il canale “Panchine”: una telecamera fissa e dedicata seguirà gli allenatori delle nazionali protagoniste in Sudafrica.

Nelle giornate in cui gli incontri si disputeranno in contemporanea (per quattro giorni, dal 22 al 25 giugno, sia per le partite delle 16.00 che delle 20.30), si accenderà Diretta Gol, il ping pong tra i campi per non perdere nulla del racconto live.

Non mancheranno continui aggiornamenti live dal Sudafrica su Sky Sport24 e sul sito www.sky.it. che, per l’occasione, proporrà ogni giorno videochat e forum dedicati alla rassegna mondiale, con la partecipazione di alcuni protagonisti della Serie A. Tra questi, anche l’attaccante della Juventus Amauri. Inoltre, tutti gli eventi avranno riproposizioni integrali e in sintesi, per chi non avrà potuto seguire le gare in diretta.

Continua l’offerta Ticket Mondiali: con soli 49 euro sarà possibile godere di tutte le 64 partite del Mondiale e avere in più la visione di un altro pacchetto a scelta: Cinema o Sport fino al 31 agosto oppure Calcio fino al 30 settembre. Tutte le informazioni su www.sky.it.